Pensando al nero

shutterstock Image purchased by UCLA CNS for Dr. Gordon
Fonte: shutterstock Immagine acquistata da UCLA CNS per Dr. Gordon

L'irregolarità della polizia per motivi razziali è complicata e circostanziale, ma in fin dei conti una manifestazione del razzismo sistemico della società. I pregiudizi razziali permeano le nostre vite attraverso i mezzi di informazione e di intrattenimento – che si tratti di denigrare i neri, i latini e i gay, o di respingere i problemi dell'America bianca. Queste pratiche dei media creano una disconnessione sociale e promuovono la disfunzione della società.

Detto questo, considera il lavoro del poliziotto. Nessuno chiama la polizia per dire: "La vita è grande, fermati e senti l'amore". La gente chiama i poliziotti per dire: "Vai qui! Qualche sciocco ha rubato tutto tranne i miei cromosomi. " Immagina lo stress accumulato da un lavoro, in cui dovevi indossare una pistola e affrontare regolarmente l'ostilità e il pericolo.

Considerate ora la durezza di essere neri in America. Storie di polizia che uccidono i neri senza una giusta causa riempiono le notizie; il cuore spezzato di assistere agli assalti razzisti impuniti sul primo presidente biracial americano. Immagina di sapere che tu e il colore della pelle della tua famiglia sono possibili condanne a morte che possono essere eseguite in qualsiasi momento o luogo senza provocazione, perché alcuni violenti razzisti non riescono a gestire la loro paura e rabbia.

Quindi considera il cervello altamente adattivo ma prevedibile e limitato.

1) Il cervello si consolida e semplifica, per esempio il combattimento-o-fuga è solo un consolidamento e una semplificazione di generazioni di lezioni sulla risoluzione dei conflitti. [1, 2]

2) Quando il cervello rileva una minaccia, la parte pensante del cervello si spegne e la parte emotiva del vecchio mammifero parte del cervello. Questa sezione del mantra del cervello è "fai una mossa adesso, pensaci dopo. "L'evoluzione ha progettato il cervello in questo modo perché quando sei in pericolo, l'azione immediata aumenta le possibilità di sopravvivenza, mentre il pensiero su di esso diminuisce tali possibilità. [3]

3) Il cervello impiega anche pregiudizi di conferma. Significa, cerca le cose per riaffermare il suo sistema di credenze e ignorare le informazioni che lo mettono alla prova. [4-7] Queste inclinazioni cerebrali potrebbero complicare gli incontri tra i neri e la polizia.

Per la polizia, il razzismo sistemico si consolida in "I neri sono pericolosi".

Per i neri, il danno collaterale del razzismo sistemico semplificato e combinato diventa "La polizia vuole farmi del male".

Queste credenze distorcono le percezioni a causa del bias di conferma. Entrambe le persone vedono e ascoltano solo ciò che conferma le loro convinzioni. Questo scenario potrebbe creare una sinergia al ribasso che potrebbe rapidamente degenerare in un risultato orribile, come i recenti eventi in Louisiana, Minnesota e Dallas, in Texas.

Shutterstock Image purchased by UCLA CNS for Dr. Gordon
Fonte: Shutterstock Immagine acquistata da UCLA CNS per Dr. Gordon

La nostra risposta a queste tragedie è ancora più inquietante. Individuiamo individui ed eventi, scegliamo i lati e iniziamo a twittare come uno stormo di parrocchetti sulla metanfetamina di cristallo. Una volta che il linciaggio di Twitter e le guerre di Facebook finiscono, ci sentiamo come se avessimo avuto giustizia, e ora siamo pronti per avere Starbucks. Eppure, nulla è cambiato, tranne che poche altre vite sono state ulteriormente decimate. Per citare Huey Lewis e la notizia, "Abbiamo bisogno di una nuova droga".

Nuovo farmaco o nuovo bug?

"La maggior parte delle persone concorda sul fatto che le emozioni negative come la paura e la rabbia sono alla base del razzismo. Molti fattori contribuiscono a questi tratti emotivi profondamente radicati e alle alterazioni sottostanti nella capacità del cervello di controllarli. Stiamo iniziando ora a identificare l'importante ruolo dei microbi intestinali nello sviluppo iniziale di questi sistemi cerebrali che svolgono un ruolo nella regolazione delle emozioni e nella risposta allo stress. Anche negli adulti – animali e umani, i cambiamenti nel microbioma intestinale prodotti dall'assunzione regolare di un probiotico possono smorzare la risposta del cervello agli stimoli emotivi negativi ", dice Emeran Mayer, MD, Ph.D., direttore del Centro per la Neurobiologia dell'UCLA di stress.

Nel suo ultimo libro, The Mind-Gut Connection , il Dr. Mayer discute di come il cervello e l'interazione intestinale influenzino la regolazione dello stress e la gestione emotiva.

"Ho scritto questo libro a causa della mancanza di informazioni concrete su come il microbioma intestinale influenza i nostri stati mentali. Le persone hanno scritto alcuni articoli di recensione molto speculativi e provocatori su come i microbi potrebbero regolare le emozioni umane. Quello che ho cercato di fare è essere critico ed estrarre ciò che sappiamo finora e speculare su ciò che questo potrebbe implicare ", ha aggiunto Mayer.

Shutterstock image purchased by UCLA CNS and photoshop manipulated by Dr. Gordon
Fonte: immagine di Shutterstock acquistata da UCLA CNS e photoshop manipolata dal Dr. Gordon

Il nostro intestino produce molto più serotonina rispetto al cervello. [8-10] La serotonina è necessaria affinché la parte del cervello più sviluppata del cervello possa intervenire sulla parte puramente emotiva dei vecchi mammiferi del cervello. [11-14] Quindi, quando guardiamo gli incidenti, come quelli di recente nei notiziari e ci chiediamo "cosa stavano pensando", la risposta è che non lo erano. Il vecchio cervello dei mammiferi aveva il controllo e non pensa.

Quindi forse dovremmo diventare più una nazione probiotica, che una nazione Prozac. Dirigere le nostre energie verso una migliore comprensione del nesso di esseri umani, microbi, cervello ed emozioni ci servirebbe meglio dei meme e dei tweet che demonizzano le persone che hanno concepito ciò che avremmo potuto fare tutti se fossimo nella stessa situazione con le stesse variabili. Il cervello umano è altamente adattivo ma ugualmente vulnerabile al contesto e alle circostanze – questo è ciò che rende umani gli esseri umani. Quindi, quando si verifica una parodia, considera la compassione e vai verso un terreno più alto anziché più basso.

"Non credo che ci sia un modo in cui questo male profondamente radicato (razzismo americano contro i neri) possa essere rapidamente guarito. Ma fino a raggiungere questo obiettivo non c'è soddisfazione più grande per una persona giusta e ben intenzionata che la consapevolezza di aver dedicato le sue migliori energie al servizio della buona causa. "-Albert Einstein (1946) Come sempre, resta favoloso e fenomenale!

Iscriviti alla mia mailing list per ricevere le notifiche di nuovi messaggi

Huffington Post

Il Los Angeles Times

Centro UCLA per la Neurobiologia dello stress

Facebook

Dr. Gordon online

cinguettio

Riferimenti

1. McEwen, BS, Fisiologia e neurobiologia dello stress e dell'adattamento: ruolo centrale del cervello. Physiol Rev, 2007. 87 (3): p. 873-904.

2. Ranabir, S. e K. Reetu, Stress e ormoni. Indian J Endocrinol Metab, 2011. 15 (1): p. 18-22.

3. McEwen, B., Lasley, E, Fine dello stress come lo conosciamo. 2002, Washington, DC: Joseph Henry Press.

4. Downar, J., M. Bhatt e PR Montague, correlazioni neurali di apprendimento efficace in esperti decisori medici. PLoS One, 2011. 6 (11): p. e27768.

5. Todd, J., A. Provost e G. Cooper, Lasting prime impressioni: un pregiudizio conservatore nei filtri automatici dell'ambiente acustico. Neuropsychologia, 2011. 49 (12): p. 3399-405.

6. Doll, BB, KE Hutchison e MJ Frank, i geni dopaminergici predicono le differenze individuali nella suscettibilità al bias di conferma. J Neurosci, 2011. 31 (16): p. 6188-98.

7. Bronfman, ZZ, et al., Le decisioni riducono la sensibilità alle informazioni successive. Proc Biol Sci, 2015. 282 (1810).

8. Tillisch, K., et al., Studiando l'asse cervello-intestino con imaging farmacologico. Ann NY Acad Sci, 2008. 1144: p. 256-64.

9. Lesch, KP e L. Gutknecht, farmacogenetica del trasportatore di serotonina. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry, 2005. 29 (6): p. 1062-1073.

10. Bercik, P., et al., Il microbiota intestinale influenzano i livelli centrali del fattore neurotropico derivato dal cervello e il comportamento nei topi. Gastroenterologia, 2011. 141 (2): p. 599-609, 609 e1-3.

11. Petty, F., et al., Disordini della disfunzione della serotonina: una prospettiva neurochimica comportamentale. J Clin Psychiatry, 1996. 57 Suppl 8: p. 11-6.

12. Sodhi, MS ed E. Sanders-Bush, serotonina e sviluppo del cervello. Int Rev Neurobiol, 2004. 59: p. 111-74.

13. Schaefer, A., et al., Modulazione serotoninergica della connettività funzionale intrinseca. Curr Biol, 2014. 24 (19): p. 2314-8.

14. Bearer, EL, et al., Il circuito dei premi è perturbato in assenza del trasportatore della serotonina. Neuroimage, 2009. 46 (4): p. 1091-104.

Solutions Collecting From Web of "Pensando al nero"