Peccato originale: la psicologia della disonestà

[Articolo aggiornato il 7 settembre 2017]

Wikicommons
Fonte: Wikicommons

Mentono e imbrogliano istintivamente o calcolano?

Per rispondere a questa domanda, Shaul Shalvi ed i suoi colleghi hanno organizzato un esperimento in cui ai volontari è stato detto che potevano guadagnare dieci shekel (circa $ 2,50) per ogni pip del numero che hanno lanciato su un dado. Ai volontari è stato chiesto di controllare l'esito del tiro, di tirare il dado due volte di più per assicurarsi che non fosse caricato, e quindi di riportare l'esito del tiro originale su un terminale di computer. A metà dei volontari non è stato dato un limite di tempo per farlo, mentre all'altra metà è stato assegnato un limite di tempo di soli 20 secondi.

Se i volontari fossero stati completamente onesti, il risultato medio sarebbe stato di 3,5 o giù di lì. I volontari con solo 20 secondi in cui completare l'attività hanno riportato un risultato medio di 4,6, mentre i volontari con una quantità illimitata di tempo hanno riportato un tiro medio di soli 3,9, una differenza importante e statisticamente significativa.

Sebbene entrambi i gruppi mentissero, il gruppo con più tempo per la riflessione ha mentito molto meno. Questa scoperta è stata confermata da un secondo esperimento simile in cui ai volontari è stato chiesto di tirare il dado una sola volta e poi di riferire il risultato. A metà dei volontari non è stato dato un limite di tempo, mentre all'altra metà è stato assegnato un limite di tempo di soli 8 secondi. I volontari con il limite di tempo di 8 secondi hanno riportato un tiro medio di 4,4, rispetto ai 3,4 per i volontari con una quantità illimitata di tempo. Nota che, in questo caso, i volontari con una quantità illimitata di tempo effettivamente hanno detto la verità.

Queste scoperte suggeriscono fortemente che mentire e imbrogliare sono più istintivi del calcolo: se alle persone viene dato un sacco di tempo per riflettere su un problema, è molto più probabile che forniscano una risposta onesta. O come diceva il filosofo Kierkegaard,

"Lungi dall'essere l'ozio la radice di tutti i mali, è piuttosto l'unico vero bene."

Neel Burton è autore di The Meaning of Madness , The Art of Failure: The Anti Self-Help Guide, Hide and Seek: The Psychology of Self-Deception e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Solutions Collecting From Web of "Peccato originale: la psicologia della disonestà"