Peacemaking tra i primati

Giocare a calcio è un delicato equilibrio tra essere abbastanza aggressivi da guidare per vincere quello che è essenzialmente un combattimento (affrontare il running back, lottare per mantenere o superare la prima linea, bloccare un difensore), ma non così aggressivo da perdere la calma e infrangere le regole. Uno degli allenatori più difficili è quello di costruire giocatori fino a quando non sono pronti a superare il dolore e lo sfinimento per vincere la partita, ma allo stesso tempo tenerli sotto controllo in modo che non inizino a commettere inutili sanzioni (come comportamento antisportivo , ruvidità inutile o colpo tardivo) o anche l'inizio di un vero combattimento ed essere buttati fuori dal gioco.

Questo ci porta al sistema di Pavlovian. Nella prima puntata di questa serie, ho definito la selezione di azioni pavloviana come "comportamenti specifici della specie che si impara a rilasciare al momento giusto". Così, per esempio, i cani di Pavlov impararono a salivare (una tipica risposta al cibo) alla campana (una stecca che diceva che il cibo stava arrivando).

Una delle scoperte più interessanti dell'ultimo decennio è che, negli umani, questo sistema pavloviano è da dove provengono molte delle nostre interazioni sociali. Si scopre che un sacco di apprendimento pavloviano è legato alle emozioni. Amiamo con i nostri sistemi Pavlovian. Combattiamo con i nostri sistemi pavloviani. Persino la rabbia per l'ingiustizia sembra provenire in gran parte dai nostri sistemi pavloviani.

L'apprendimento pavloviano in realtà carica due componenti del sistema decisionale. C'è una componente motivazionale nei sistemi di Pavlov. Ad esempio, cambiano la propria tolleranza al dolore. Cambiano la quantità di sforzo che si mette in un colpo e la velocità con cui si corre. Ma c'è anche una componente di selezione delle azioni nei sistemi decisionali di Pavlov, che porta a risposte specifiche per le specie. Quando qualcuno ti butta giù, vieni su e li colpisci indietro. Quando stai lottando con qualcuno, vuoi diventare più aggressivo di loro e portarli giù, non fermarti solo perché un tizio in una maglietta a righe soffia un fischio.

La soluzione è che gli umani (e altri primati) hanno sviluppato una serie di segnali sociali che possono disinnescare la rabbia che si accumula dalle interazioni aggressive.

Uno dei migliori libri su questo argomento è Peacemaking tra primati di Frans de Waal (Harvard, 1989), che si legge come un manuale su come guardare il calcio.

In breve, i primati usano tocchi governativi per cementare amicizie, in particolare in situazioni stressanti e aggressive che non vogliono intensificare. D'altra parte, possono usare i loro amici veramente buoni per ottenere la loro aggressione perché sanno che i loro amici non la prenderanno come una mossa aggressiva.

I giocatori di football sono molto interessanti armati. Hanno un'armatura robusta sulle spalle, sulle gambe e sulle teste. Ci sono solo alcuni punti non armati su un giocatore – per esempio le loro mani. Questo porta a uno dei due classici gesti di pacificazione, l' aiuto . Se un giocatore è stato abbattuto, sia per essere affrontato, bloccato, licenziato, o per la lotta di sumo in prima linea, è in genere l'avversario che si avvicina, raggiunge e aiuta il giocatore in alto, che, ovviamente, include il toccare le mani. L'altro classico gesto di pacificazione è il famigerato butt-pat , nel quale un giocatore riconosce l'unica altra parte realmente non armata dell'avversario.

Durante una partita, i giocatori di football sono in uno stato molto carico e aggressivo. Vogliono far uscire la loro intensità. Quando quell'intensità si rovescia, un giocatore afferrerà un altro giocatore, busserà alla testa (corazzato) e griderà sul viso dell'altro giocatore. La cosa interessante è che questo colpo di testa violento, urlante e corazzato non viene fatto sugli avversari, dove potrebbe essere preso come un attacco aggressivo, ma piuttosto ai propri compagni di squadra, dove trasferisce parte di quell'intensità all'altro giocatore. La risposta pavloviana alla minaccia di un urlo aggressivo faccia a faccia è di costruire la propria adrenalina, di caricare la propria intensità e quindi di "accendere la squadra".

In questi giorni, le trasmissioni televisive di calcio tendono a mostrare replay e commenti tra le commedie, ma erano soliti mostrare il gioco reale. Quando il calcio in televisione mostrava queste interazioni post-gioco, io e mia moglie eravamo in grado di dire in modo affidabile quando sarebbe scoppiato un litigio osservando se le squadre si stavano aiutando a vicenda o stavano solo aiutando i propri compagni di squadra. Dicevamo che volevamo fare uno studio di etologia sul calcio – contando il numero di gesti di pacificazione ( così tante chiacchiere, così tanti aiuti ), notando la relazione tra la violenza sul campo e quei gesti pacifici ( che è stato un successo particolarmente brutto, c'è un aiuto in seguito? ). La parte migliore è che identificare i soggetti sarebbe facile – i giocatori di calcio sono numerati per una facile identificazione. Non abbiamo mai fatto lo studio, ma continuo a pensare che sarebbe molto divertente.

Solutions Collecting From Web of "Peacemaking tra i primati"