Pazzo come noi: come gli Stati Uniti esporta i suoi modelli di malattia

Le paure di molti psichiatri europei potrebbero presto essere realizzate. All'inizio di questa settimana, la rivista Psychiatric News ha riferito che l'American Psychiatric Association ha iniziato a presentare petizioni alle varie agenzie che supervisionano le modifiche all'ICD , o Classificazione internazionale delle malattie, per chiedere che adottino i suoi cambiamenti più controversi nel DSM-5.

Secondo Psychiatric News, l'APA ha chiesto formalmente all'ICD di includere sette nuovi disturbi elencati nel DSM-5, sebbene non in ICD-9-CM o ICD-10-CM . Includono disturbo da Binge-eating, Disruptive disregulation disorder, Social (pragmatico) disturbo della comunicazione, Disturbo da accartocciamento, Disturbo da escoriazione (skin picking) e Disturbo disforico premestruale, la cui controversa storia è riportata qui. Inoltre, l'APA ha richiesto che l' ICD-10-CM includesse la disforia di genere negli adolescenti e negli adulti, piuttosto che il disturbo dell'identità di genere più recentemente elencato, poiché l'organizzazione ha "rivisto la sua concettualizzazione e terminologia" del problema definito.

L'obiettivo dell'APA è chiaramente quello di far convergere i due sistemi diagnostici con maggior successo, per garantire una maggiore coerenza – ed evitare un problema di mele e arance – nella ricerca psichiatrica. Ma il risultato, se la petizione è approvata, probabilmente finirà per esportare in Europa e in altre regioni una serie di disordini ancora impantanati in controversie e, secondo i risultati delle prove sul campo dell'APA, hanno ancora molto bisogno di ulteriori ricerche.

Lo scorso novembre, dovrebbe essere notato, Psychiatric News ha riportato che degli studi sul campo dell'APA per il DSM-5, nove su 23 diagnosi di adulti o bambini, generati in condizioni reali, hanno mostrato un'affidabilità diagnostica "discutibile" a "inaccettabile". I criteri, secondo il rapporto, sono stati testati da ottobre 2010 a febbraio 2012 da 279 medici in 11 centri accademici negli Stati Uniti e in Canada. Inoltre, nonostante la riclassificazione come risultati "molto buoni" che le prove sul campo del DSM-IV avrebbero registrato come meramente "ok" e nonostante non sia stato eseguito un secondo round cruciale di test per determinare il numero di probabili falsi positivi o diagnosi errate derivanti dal loro nuovo le proposte, il vicepresidente, il presidente e i membri della task force del DSM-5 hanno ammesso con riluttanza: "le prove fornite dalla letteratura indicano che gli attuali criteri diagnostici per un certo numero di disturbi mentali non sono chiari".

Nonostante questa preoccupante ambiguità nella stessa ricerca usata per inquadrare e definire le nuove aggiunte, l'APA sembra ora pronto a sollecitare l' ICD e l'enorme popolazione che rappresenta per includere gli stessi disturbi per l'approvazione. Con un suggerimento che l' ICD potrebbe persino adottare l'impreciso e altamente controverso disturbo d'ansia da malattia e disturbo somatico dei sintomi, fornendo codici diagnostici sia per la presenza (294.11 [F02.81]) che per l'assenza (294.10 [F02.80]) di comportamento Disturbi, il direttore della ricerca dell'APA Darrel Regier contraddiceva categoricamente il precedente annuncio della sua organizzazione sulle sue prove sul campo quando annunciava la recente petizione, "Per queste condizioni, non vi è alcun dubbio sul rispetto dei criteri per un disturbo neurocognitivo maggiore e sulla necessità di intervento se comportamentali i disturbi sono presenti. "

In tali momenti, può essere utile ricordare che la disregolazione dell'umore dirompente è iniziata come "disturbo da disregolazione del clima", un pallone di prova fluttuava "per affrontare le preoccupazioni sulla potenziale sovra-diagnosi e il sovra-trattamento del disturbo bipolare nei bambini." Il problema, introdotto da Il precedente DSM-IV dell'APA , derivava dai suoi comitati che definivano il Disturbo Bipolare II senza aver bisogno di segni di mania, una decisione che contribuì a contribuire a un aumento senza precedenti di quaranta volte delle diagnosi. Fino a quando la proposta di aggiungere "disturbo da disregolazione di temperamento" ha attirato preoccupazione, ridicolo e incredulità a livello mondiale, anche perché la sua attenzione su "gravi esplosioni di temperamento ricorrenti in risposta a fattori di stress comuni" potrebbe facilmente patologizzare scoppi d'ira e crisi di bambini, la Task Force DSM-5 ( non offrendo alcuna spiegazione o razionale per la sostituzione) ha deciso un nuovo nome, ma gli stessi criteri avrebbero funzionato altrettanto bene invece. Ora è lo stesso disordine che vuole persuadere l'Europa e altre regioni che utilizzano l' ICD .

All'inizio di quest'anno, in un articolo pubblicato su questo blog dal titolo "Perché il DSM-5 preoccupa gli psichiatri europei", ha osservato lo psichiatra di Parigi Patrick Landman, "il DSM ha portato a una crescente medicalizzazione delle emozioni, per cui le distinzioni tra normalità, le sue variazioni e le sue patologie sono quasi scomparse. "

Il manuale, ha proseguito, "ha anche causato un'inflazione nelle diagnosi psichiatriche che sono sia clinicamente che scientificamente discutibili e che includono categorie" catch-all "o chimere che sono la fonte di epidemie artificiali, con il risultato che vengono sempre più prescritti farmaci psicotropi ai bambini, che a loro volta portano a effetti secondari come obesità, malattie cardiache, dipendenza o overdose, incidenti stradali, perdita di inibizioni, atti violenti, ecc., lasciando da parte i numerosi effetti psicologici, familiari e sociali, come lo stigma o esclusione causata dall'etichettatura sbagliata di una persona con una diagnosi psichiatrica, nel caso di falsi positivi. "Ha avvertito," La concezione del DSM della diagnosi psichiatrica come condizione fissa piuttosto che evolutiva ha promosso una confusione tra prevenzione giustificata e predizione casuale che a volte può rappresentare un pericolo per le libertà civili ".

Disturbo disregolatorio dell'umore e Disturbo disforico premestruale sono, per tali esperti, esempi da manuale di quella confusione. Se l'APA non riuscisse a ottenere l'approvazione dell'ICD per loro, sarebbe naturalmente accusato che le condizioni che ha deciso di elencare come disturbi mentali erano o fenomeni imprecisi o puramente americani, un effetto dovuto sia alla nostra cultura che all'organizzazione che pubblica il suo più influente manuale psichiatrico.

Chiaramente, l'APA vuole evitare questo risultato, per far sì che le sue definizioni sembrino globali piuttosto che parrocchiali o, in alcuni casi, non invivibili. Ma l'organizzazione che usa il linguaggio della convergenza, come Landman e altri implicano, per forzare gli altri sistemi diagnostici ad adottare i propri cambiamenti altamente controversi, per mascherare il loro status in quanto tale?

In Crazy Like Us, il suo avvincente resoconto della "globalizzazione della psiche americana", Ethan Watters ha suggerito altrettanto. Come Landman, ha espresso preoccupazione per il fatto che gli psichiatri occidentali ben intenzionati hanno confuso di esportare concezioni imprecise, a volte false della malattia mentale. Il risultato, ha affermato da una meticolosa ricerca sul campo, è più vicino alla medicalizzazione – e alla banalizzazione – piuttosto che un'utile raccolta di conoscenza e comprensione. "Stiamo schiacciando il paesaggio della psiche umana", ha avvertito. "Siamo impegnati nel grande progetto di americanizzare la comprensione del mondo della mente umana".

christopherlane.org Seguimi su Twitter @christophlane

Solutions Collecting From Web of "Pazzo come noi: come gli Stati Uniti esporta i suoi modelli di malattia"