Pavel Katchalov sui servizi di salute mentale russi

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Pavel Katchalov

[La prima lingua di Pavel è il russo e credo che la sua seconda lingua sia il francese. Non ho cercato di trasformare le sue risposte in "inglese perfetto" per paura di perdere parte del suo significato. Immagino che abbia un inglese molto migliore di quanto la maggior parte di noi abbia il russo o il francese!]

EM: La maggior parte dei lettori di questo blog non ha idea di cosa consista nella "fornitura di servizi di salute mentale russa". È principalmente la terapia tradizionale del linguaggio, principalmente la psicofarmacologia orientata al medico, una combinazione dei due o qualcos'altro?

PK: In realtà, nel 2016, i servizi di salute mentale russi sono strutture sanitarie di settore geograficamente settoriali, con filiali amministrativamente indipendenti (ospedali con day hospital) e ambulatoriali (dispensari con day hospital).

I servizi sono per lo più gratuiti per i pazienti. Le cliniche private private sono proibite dalla legge. La pratica psichiatrica privata è marginale, senza diritti né di prescrivere farmaci psicotropi, né di rilasciare certificati di congedo per malattia.

La psicologia clinica privata è ugualmente marginale. Non c'è collaborazione tra i servizi pubblici e privati. La salute mentale pubblica è una psichiatria psicofarmacologica esplicitamente orientata dal punto di vista medico. Non ci sono tradizioni di terapia del linguaggio psicodinamico in Russia. Un po 'di psicoterapia, se a volte è integrata nei servizi pubblici di salute mentale, è estremamente eclettica, fornita da terapeuti addestrati (psichiatri o psicologi clinici) per lo più scarsamente qualificati e considerati superflui dal loro psichiatra colleghi.

EM: Quali cambiamenti hai visto negli ultimi anni? L'attuale paradigma dominante di "diagnosticare i disturbi mentali e trattarli con i farmaci" ha preso sempre più piede in Russia?

PK: Negli ultimi anni i servizi di salute mentale pubblici russi rimangono intatti dal punto di vista organizzativo, ma subiscono drastiche riduzioni finanziarie, con licenziamenti annuali, letti ospedalieri e riduzioni delle strutture ambulatoriali. Il paradigma della diagnosi dei disturbi mentali (secondo l'ultimo ICD) e il loro trattamento con farmaci psicofarmacologici non ha rivali nella psichiatria pubblica.

Il conseguente peggioramento delle cure psichiatriche e la conseguente scomparsa della psicoterapia pubblica gratuita, motivano i pazienti a cercare un aiuto migliore in professionisti psichiatrici e psicologici privati, e motivano questi ultimi a cercare un migliore addestramento in psicoterapia almeno dinamica, in Russia e all'estero.

EM: Chi tendi a vedere e che tipo di lavoro fai?

PK: Come psichiatra-psicoanalista quasi a tempo pieno nel paese, dove tutto e tutti i problemi legati al disturbo mentale sono severamente stigmatizzati, e la psicoanalisi non è affatto popolare nella cultura di massa, vedo nel mio ufficio soprattutto pazienti della classe media con vere sofferenze psichiche, che ostacolano il funzionamento della loro vita in molti campi, vale a dire, gravi nevrosi invalidanti, pazienti borderline, il più intelligente dei pazienti psicotici e psicosomatici (abbastanza intelligente da cercare e trovare uno psicoanalista).

La mia ispirazione teorica e pratica la trovo soprattutto nelle opere di André Green. Pratico sessioni di 45 minuti da tre a cinque volte a settimana sul divano, da tre a undici anni. Molto più rari sono casi di psicoterapia faccia a faccia una volta alla settimana con adolescenti, di solito non più lunghi di un anno. A volte faccio brevi consultazioni familiari (da tre a cinque sedute). Solo eccezionalmente ho il coraggio di consigliare i miei analizzandi sulle droghe psicofarmacologiche. Se necessario, se hai dei colleghi di collaborazione psichiatrica, a cui posso affidare questo compito.

EM: Quali sono i tuoi pensieri sull'attuale paradigma dominante di "diagnosi e trattamento dei disturbi mentali" e sull'uso dei cosiddetti "farmaci psichiatrici" per "trattare i disturbi mentali" nei bambini, negli adolescenti e negli adulti?

PK: Questo è il paradigma più economico per le amministrazioni della sanità pubblica e il paradigma più redditizio per le grandi imprese psicofarmacologiche. I pazienti mentali sono trascurabili per i politici e per le burocrazie governative, in quanto incapaci di auto-organizzarsi o fare pressione sui propri interessi. Personalmente trovo questo stato di cose deplorevole e scandaloso.

La terapia psicodinamica più promettente (anche se più costosa, ma allo stesso tempo economica per i paesi ricchi) per i bambini e gli adolescenti è in gran parte non disponibile. I bambini e gli adolescenti sono allo stesso tempo i più indifesi e il meno in grado di sfuggire a diagnosi stigmatizzanti precoci – sempre più molteplici e fantasiose con ogni revisione del DSM (e successive ICD) – e dal trattamento esclusivamente psicofarmacologico.

Qui mi baso solo sull'evoluzione dell'opinione pubblica. Nel paese più illuminato del mondo – in Francia – è stata l'opinione pubblica che improvvisamente si è ribellata, e così spiacevolmente ha sorpreso le sue autorità pubbliche alcuni anni fa, quando il governo ha cercato di inseguire la psicoterapia (e prima di tutto la terapia psicoanalitica) dal Assistenza sanitaria pubblica pubblica francese.

EM: Se tu avessi una persona amata in un disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

PK: Nel caso di angoscia evidentemente emotiva, vorrei suggerire, naturalmente, che lui o lei cercano di incontrare alcuni colleghi psicoanalitici, di cui mi fido. Solo nel caso in cui tale richiesta sia effettivamente assente, o preclusa dallo stato mentale acuto del paziente, vorrei affrontare tale difficoltà con la cura psicofarmacologica psichiatrica come misura di emergenza.

L'approccio psicoterapeutico può essere posticipato per la cura successiva, al fine di aiutare una persona a me cara ad evitare di cadere nel ruolo di malati di mente. Certo, nessuna psicoterapia è una panacea. A volte, nei casi di gravi psicosi, anch'io mi sento obbligato a riconciliarmi con l'inevitabile terapia psicoterapeutica e psichiatrica di follow-up.

E a volte, nel disagio mentale, risultante, ad esempio, dalla diagnosi di alcuni disturbi organici, come l'epilessia in una persona giovane, all'inizio sarebbe necessaria solo la psicoterapia di supporto, che porterà a una psicoterapia più intensa o meno. E, naturalmente, c'è la malattia di Alzheimer, quando non suggerirei altro che la terapia occupazionale.

**

Pavel V. Katchalov, MD, Ph.D., Mosca, Russia, formatosi all'Istituto di psicoanalisi di Parigi (SPP), ha lavorato presso il Centro federale di ricerca per la psichiatria sociale e forense a Mosca, Serbsky VP, la prima università medica IM Sechenov a Mosca, e Saint Maurice Hospitals (Old Hospital Esquirol), ed è attualmente presso il Centro medico federale di psichiatria e ricerca neurologica VP Serbsky a Mosca.

Ulteriori informazioni su linkedin

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health visita qui

Per vedere il roster completo di 100 ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series

Solutions Collecting From Web of "Pavel Katchalov sui servizi di salute mentale russi"