Paura di rabbia: le origini del comportamento passivo-aggressivo

WTFIT by joeactor / Deviant Art
Fonte: WTFIT di joeactor / Deviant Art

A un polo della comunicazione si trova la passività: non parlare per paura di conseguenze negative. All'altra estremità c'è aggressività: esprimere sentimenti negativi senza ritegno o considerazione per il loro effetto sugli altri. Tra passività e aggressività si trova il significato dorato: affermare i propri pensieri e sentimenti, i propri desideri e bisogni, mentre allo stesso tempo mostrare apprezzamento e rispetto per il punto di vista dell'altro.

L'assertività, il compromesso ideale tra gli estremi della passività e dell'aggressività, fa parte della nostra dotazione naturale – la nostra "personalità universale", per così dire. Quando veniamo per la prima volta nel mondo, e anche prima che diventiamo verbali e possiamo articolare ciò che sta accadendo dentro di noi, possediamo la rudimentale capacità di comunicare. Innanzitutto, sappiamo come e quando sorridere, sbadigliare, esprimere sorpresa, rabbia o trepidazione e, in effetti, trasmettere una grande varietà di disagio emotivo attraverso pianti – persino lamenti (come molti genitori possono testimoniare con tristezza). Non siamo ancora in grado di impiegare il linguaggio per identificare le nostre particolari frustrazioni o considerare le probabili reazioni dei nostri assistenti, ma non siamo in grado di far conoscere i nostri sentimenti.

Il problema

Se siamo cresciuti, tuttavia, in una famiglia che non poteva o non voleva dare molto valore ai nostri bisogni e desideri di base, il nostro naturale impulso di affermarci è stato soppresso. Se quando abbiamo parlato direttamente con i nostri genitori dei nostri desideri, siamo stati derisi come egoisti, di pensare solo a noi stessi, abbiamo imparato che semplicemente non era accettabile volere ciò che volevamo, avevamo bisogno di ciò di cui avevamo bisogno. Allo stesso modo, quando abbiamo ripetutamente ricevuto il messaggio che eravamo un peso (o "solo un'altra bocca da sfamare"), abbiamo appreso che se avessimo espresso i nostri desideri stessimo mettendo in pericolo un legame genitoriale già vissuto come tenue.

Lo stesso è vero quando abbiamo ricevuto il messaggio che eravamo un inconveniente, o troppo esigenti, o non meritavamo qualunque cosa stessimo chiedendo. E se i nostri genitori erano apertamente arrabbiati con noi, urlando contro di noi ogni volta che esprimevamo apertamente i nostri desideri, il solo pensiero di continuare a dar loro voce può aver riempito di ansia. Inoltre, se avessimo comunicato la nostra rabbia alla loro negazione e la loro reazione a tale assertività fosse terrificante o punitiva, avremmo imparato a mantenere la nostra rabbia fortemente serrata dentro, timorosa di esprimere ciò che sicuramente sarebbe tornato a perseguitarci.

Abbiamo quindi potuto sentirci obbligati a coltivare un certo atteggiamento di passività e ad accettare qualsiasi ruolo minore che i nostri custodi hanno scelto di assegnarci. Dopotutto, da bambini, tutti noi lottiamo in un modo o nell'altro per sperimentare il nostro legame con i nostri genitori come sicuri. Qualsiasi comportamento sentito a minacciare questo legame avrebbe bisogno di essere sradicato in qualche modo. Di necessità, quindi, dovremmo rinunciare a molti dei nostri desideri e bisogni di base. Come potrebbe non essere così quando ci siamo sentiti criticati, attaccati, forse persino respinti quasi ogni volta che ci siamo affermati? Probabilmente sarebbe sembrato che non avessimo altra scelta che rinunciare a ciò che volevamo – o forse persino insegnarci a non volere ciò che regolarmente portava alla negazione o alla disapprovazione dei nostri genitori.

Ma, naturalmente, i bisogni e i desideri fondamentali – che siano confortanti, incoraggiamenti, sostegno o qualche elemento materiale che potrebbe almeno simboleggiare la nostra importanza per i nostri genitori – non scompaiono mai davvero. Semplicemente si nascondono. Temendo le ripercussioni di rendere noti i nostri bisogni, li teniamo nascosti, segreti da coloro che potrebbero essere contrariati dal fatto che li abbiamo asseriti. Nonostante ci sentiamo obbligati a censurare la loro espressione, tuttavia, potremmo comunque sentire acutamente questa privazione. Ma almeno altrettanto frequentemente, passiamo dal sopprimere l' espressione di questi bisogni per reprimerli interamente. Poiché l'esperienza di questi desideri e bisogni può essere collegata alla nostra mente con la disapprovazione o il rifiuto dei genitori, potremmo sentirci in dovere di cancellare anche la consapevolezza che esistono.

La passività – o non -espressività – è il risultato inevitabile. Tragicamente, potremmo perdere ogni consapevolezza dei nostri bisogni più elementari solo per evitare l'ansia legata a loro. Dopotutto, quando siamo giovani, affermare tutto ciò che potrebbe minacciare la nostra dipendenza dai nostri genitori, quasi letteralmente, rischia di essere pericoloso per la nostra sopravvivenza. E da bambini intuiamo intuitivamente la nostra profonda incapacità, indipendente dai nostri custodi, di prenderci cura di noi stessi. Da soli, saremmo sicuramente morti. Quindi non abbiamo scelta, se vogliamo assicurare questa connessione vitale, ma adattarci alle loro preferenze e reprimere la nostra.

Eppure i nostri bisogni – per quanto incustoditi e comunque inconsapevoli che possiamo allenarci ad essere di loro – persistono. E da qualche parte dentro di noi c'è rabbia che i nostri genitori non ci amano abbastanza da rendere queste esigenze la priorità che non possono fare a meno di essere per noi. Per nove mesi nel grembo sono stati affrontati automaticamente tutti i nostri bisogni di base. Come, quindi, non potremmo essere entrati nel mondo con un certo senso di diritto? Così dentro di noi infuriamo per ciò che ora ci sentiamo privati. Sebbene potremmo aver ripetutamente ricevuto il messaggio che non meritavamo ciò che desideravamo, da qualche parte dentro di noi sentivamo di meritarlo.

La (pseudo) soluzione

Quindi, come si risolve questa irrefrenabile frustrazione – e questa rabbia inesprimibile? Come bambini, come possiamo scaricare in modo sicuro questi sentimenti potenti di essere negati ciò che il nostro sé infantile deve sentire è il suo diritto di nascita – in un certo senso, come diritto al latte materno, fatto per la sua stessa alimentazione?

Ovviamente, non è sicuro sfogare questa rabbia direttamente. Saremmo chiamati egoisti, cattivi, fuori controllo. E probabilmente saremmo stati sgridati, o addirittura puniti fisicamente, un altro promemoria sul fatto che il nostro legame con i nostri genitori era fragile e facilmente rotto da qualsiasi espressione schietta di rabbia. È ragionevole che avremmo paura di far conoscere apertamente le nostre frustrazioni. Perché è troppo ansioso per prendere nelle nostre mani ciò che sembra la nostra sopravvivenza, per offendere coloro dai quali dipendiamo maggiormente.

E così – e tutto ciò potrebbe essere inconscio – siamo emotivamente disperati di trovare un modo praticabile per far emergere le nostre frustrazioni, il nostro dolore e la nostra indignazione che i nostri bisogni siano stati lesi o respinti dai responsabili delle nostre cure. Poiché è impossibile annientare la nostra rabbia, l'urgenza di rilasciarlo diventa sempre più forte nel tempo, anche se ci sforziamo di sopprimerla. Periodicamente, dobbiamo trovare un modo per alleviare questo accumulo emotivo negativo senza causare gravi danni a una relazione già percepita come precaria.

È qui che la perdita dell'integrità personale – in una parola, la menzogna – fa da sfondo all'immagine. E mentiamo a noi stessi e ai nostri genitori. In sostanza, questo è ciò che riguarda l'aggressività passiva: "recitare" le nostre lamentele, protestare comportamentalmente per ciò che viene vissuto come ingiusto, mentre allo stesso tempo cercare di proteggere la relazione che non possiamo davvero permetterci di mettere a repentaglio. Sorprendentemente, troviamo modi per sabotare, minare, ingannare, tradire. In un certo senso, ci vendichiamo contro i nostri custodi facendo loro gran parte di ciò che sentiamo di aver fatto a noi. Deludiamo, tratteniamo, disimpegniamo, inventiamo scuse e incolpiamo gli altri per i nostri errori e per i nostri comportamenti scorretti. In molti modi resistiamo alla collaborazione con le direttive dei nostri genitori. Neghiamo ciò di cui hanno bisogno, ma sempre con una spiegazione che (almeno in parte) ci allontana dal gancio dei genitori. "Ci siamo semplicemente dimenticati", "non volevamo," "non capivamo davvero cosa ci veniva chiesto", "non avevamo idea che sarebbe andata in quel modo", è stato solo un incidente ". "Non è stata colpa nostra", e così via.

Al di là di questo, a meno che la nostra aggressività passiva sia molto più passiva che aggressiva, manipoliamo. Oh, come manipoliamo! Come i con-artisti in formazione, cerchiamo tutti i modi possibili per soddisfare i nostri bisogni e desideri senza uscire e richiederli direttamente. Diventiamo maestri di riferimento e sotterfugio. Sentendosi così impotenti nel nostro rapporto con i nostri genitori, cerchiamo di "afferrare" questo potere passivo-aggressivamente. Potremmo, ad esempio, rubare soldi dal portafoglio di nostro padre per comprare il pranzo scolastico che volevamo, buttando nella spazzatura il panino con le fave secche che nostra madre ci aveva preparato prima.

Ad un certo punto potremmo dover pagare un prezzo per i nostri vari errori e misfatti "accidentali". Ma se abbiamo coperto le nostre tracce abbastanza bene, i nostri genitori non possono essere completamente sicuri di quello che è successo, o quali fossero i nostri reali motivi. Quindi qualsiasi punizione che riceviamo sarà probabilmente inferiore rispetto a quando siamo stati onesti in primo luogo.

In effetti, i nostri genitori – nella loro incapacità, o mancanza di volontà, a prendersi adeguatamente cura dei nostri bisogni di dipendenza – ci hanno inconsapevolmente insegnato a diventare manipolatori e bugiardi. Se avessimo, in alternativa, imparato da loro che essere assertivi e diretti avrebbe affrontato in modo più efficace i nostri bisogni, è probabile che non avremmo ideato un arsenale così malsano di tattiche subdole. Inoltre, se le nostre macchinazioni interessate fossero abbastanza intelligenti (o abbastanza inconsce), potremmo finire ingannare noi stessi tanto quanto li inganniamo . In questo caso, non dobbiamo mai riconoscere le nostre motivazioni vendicative di ribellione o rappresaglia. Il dover riconoscere tale recitazione dalle nostre frustrazioni e risentimenti potrebbe farci diventare più ansiosi (e probabilmente anche colpevoli).

Difese attualie le sfide che affrontiamo

A titolo di qualifica, vorrei sottolineare che ciò che ho descritto è in una certa misura esagerato. Volevo illuminare ciò che considero un fenomeno di personalità universale, cioè, penso che tutti noi, in vari modi, mostrino certe tendenze passive-aggressive. Inoltre, solo raramente i genitori sono così poco sostenitori e trattenendo il fatto che finiamo come adulti con disordini di personalità passivi-aggressivi in ​​piena regola. Tuttavia, credo sia utile suggerire che molte delle barriere che impediscono a molti di noi di assumersi la piena responsabilità per il nostro comportamento, nonché di comunicare direttamente i nostri bisogni e desideri, derivano dalla vecchia (e non più appropriata) "sopravvivenza" dell'infanzia programmi.”

Se, ad esempio, siamo diventati ad un certo punto iper-sensibili alle valutazioni negative dei nostri genitori, siamo probabilmente degli adulti a voler incolpare gli altri di problemi che potrebbero essere principalmente nostri. In questo modo, aggiriamo le critiche che altrimenti potremmo ricevere e l'ansia associata tale biasimo potrebbe risvegliarsi in noi.

Anche le nostre tendenze evitanti potrebbero derivare dal nostro passato quando abbiamo imparato a fare tutto il necessario per evitare conflitti. Dipendente dai nostri genitori, potrebbe essere sembrato troppo pericoloso rischiare di inimicolarli. Quindi per mantenere la nostra ansia gestibile, ci siamo sforzati di ridurre al minimo i confronti arrabbiati. Data l'inaffidabilità dei nostri genitori nel soddisfare i nostri bisogni, probabilmente non volevamo dipendere da loro affatto . Ma dal momento che dovevamo, dovevamo anche trattenerci nei nostri rapporti con loro. E così, di nuovo come adulti, possiamo rivelare una tendenza autolesionistica ad evitare qualsiasi discussione problematica che, a nostro avviso, potrebbe diventare dolorosamente controversa.

Qualunque tratto passivo-aggressivo che possiamo avere è straordinariamente simile a quello che è noto in psicologia come dipendenza ostile – ed entrambi i termini sono allo stesso modo ossimorici. Dal momento che non potremmo mai fidarci che i nostri genitori rispondano positivamente ai nostri bisogni, ora cresciuti non ci sentiamo ancora a nostro agio in situazioni di dipendenza. Ma se, tuttavia, siamo afflitti da bisogni di dipendenza non soddisfatti dal passato, inevitabilmente portiamo questi bisogni, così come la nostra ambivalenza riguardo a questi bisogni, a tutte le nostre relazioni intime. Quindi, se diamo messaggi misti a coloro con cui siamo coinvolti (in ultima analisi lasciandoli feriti, confusi o addirittura indignati dalle nostre reazioni ostili a loro), è perché non abbiamo mai risolto il nostro conflitto interno riguardo alla dipendenza dal primo posto.

È importante rendersi conto che l'aggressività passiva non è necessariamente meno aggressiva semplicemente perché è passiva. Essenzialmente, l'aggressività passiva è una forma indiretta di aggressività, non necessariamente una forma più lieve di aggressività. Di conseguenza, anche se la nostra dipendenza non soddisfatta ha bisogno fin dall'infanzia di spingerci verso relazioni che ci offrono la speranza di essere comodamente dipendenti da un'altra, la nostra rabbia non scaricata nei confronti dei nostri genitori (che inizialmente hanno frustrato queste esigenze) potrebbe indurci a scaricare questi non ancora risolti. sentimenti su chiunque possa essere disposto a prendersi cura di noi. Ma se siamo abbastanza o meno abbastanza empatici da rendercene conto, essere in ritardo per un appuntamento (o romperlo all'ultimo minuto) con qualche scusa debole può ancora essere estremamente doloroso per un altro – come può un'osservazione sarcastica mascherata in modo sottile come un tentativo di umorismo. In entrambi i casi, potremmo rivendicare intenti innocenti, ma siamo comunque riusciti a trarre sangue. E infine la nostra innocenza deve essere vista come discutibile.

Supponendo che siamo disposti ad assumerci la responsabilità di qualsiasi predisposizione che possiamo avere nei confronti del comportamento passivo-aggressivo, dobbiamo fare pace con tutto ciò di cui ci sentivamo privi quando eravamo adulti. Dobbiamo trovare modi (con o senza intervento professionale) per liberare e risolvere la vecchia rabbia e il risentimento. Dobbiamo finalmente accettare che i nostri genitori, date le loro risorse e limitazioni particolari, ci hanno dato il più possibile. E dobbiamo riconoscere che nelle nostre vite da adulti non possiamo continuare a punire gli altri per quello che non sono riusciti a darci. Dobbiamo sollecitare e prestare attenzione a feedback da parte di coloro che ci hanno contattato e, indirettamente, siamo stati respinti in cambio. E abbiamo bisogno di localizzare, affrontare e superare l'ansia profonda che ha creato la nostra tremenda ambivalenza sulle relazioni intime in primo luogo.

Se, infine, dobbiamo evolvere in esseri umani migliori e più compassionevoli, abbiamo bisogno di sviluppare per gli altri proprio l'empatia e la comprensione che noi stessi non abbiamo mai ricevuto nel crescere.

Per ulteriori informazioni sul tipo di personalità passiva-aggressiva, vedere:

  • Guida sul campo alla personalità passiva-aggressiva
  • Field Guide to the People Pleaser
  • Come domare la tua passiva aggressione

Libri utili sull'argomento includono: Superare l'aggressività passiva; Vivere con l'uomo passivo-aggressivo; e Passive-Aggression: una guida per il terapeuta, il paziente e la vittima

Per valutare il tuo livello di aggressività passiva, vai al quiz originariamente pubblicato sulla rivista Prevention ma disponibile qui.

NOTA 1: I lettori potrebbero anche essere interessati a controllare un altro articolo che ho scritto per PT su questo argomento, ma da una prospettiva completamente diversa. Si chiama: "L'auto-sabotaggio come aggressività passiva verso il sé".

NOTA: 2: Se desideri esplorare altri pezzi che ho scritto per PT – su un'ampia varietà di soggetti psicologici – clicca qui.

© 2008 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Per ricevere una notifica ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook-così come su Twitter, dove, in aggiunta, puoi seguire le mie riflessioni psicologiche e filosofiche spesso non ortodosse.

Solutions Collecting From Web of "Paura di rabbia: le origini del comportamento passivo-aggressivo"