Paura delle vacanze? Evviva! Significa che sei sano.

Ci sono molte più di 25 cose che mi spaventano per le festività natalizie, ma cominciamo con queste, dovremmo?

1. Gli slittini e l'idea che qualcuno potrebbe suggerire mi piacerebbe fare un giro su uno, cosa che non vorrei.

2. L'autoironia sfrenata di chi fa presto le vacanze facendo shopping. Queste persone hanno bisogno di trovare un hobby. ("Compro tutti i miei regali prima della fretta. In realtà, ho finito i miei acquisti ad agosto.")

3. L'allegria spietata della musica di Natale che ti avvolge il cervello come zucchero filato, facendo in modo che le persone adulte possano canticchiare "Rudolph The Red-Nosed Reindeer" in momenti inopportuni, come i preliminari.

4. Sentire parlare di "neve effetto lago" nelle notizie della sera.

5. Dover adattarsi a piccoli e festosi abiti da vacanza che sono altrettanto comodi, e altrettanto lusinghieri, come scivolare in una fanciulla di ferro.

6. Zabaione dal gusto brassico, che ha il sapore di una sorta di ruscelletto dalla "neve effetto lago".

7. Decorazioni natalizie così luminose appaiono radioattive.

8. Chiedendosi cosa comprare il nipote quindicenne che, quando gli è stato chiesto di fornire una lista dei regali, ha iniziato con "Una coppia di concubine".

9. Jack Frost che mordicchiava una delle mie estremità.

10. Dovendo mormorare, con un umile sorriso falso, "No grazie, stavo solo guardando" circa 1345 volte a persone povere, stanche e affamate che sfoggiano espressioni disorientate che temono il mio approccio tanto quanto temo le loro. Inoltre, non sanno mai quale dipartimento potrebbe avere la coppia di concubine che sto cercando.

11. Il mio bizzarro bisogno di guardare film a tema natalizio quando so che mi faranno piangere. ("E per quanto riguarda Tiny Tim ….")

12. Le feste di festa più accuratamente descritte come estemporanee stagioni di accoppiamento.

13. Ringhio Santas. Santas senza denti. Babbo Natale magro. Usando Babbo Natale.

14. Battaglie gladiatorie tra membri della famiglia altrimenti amichevoli sul telecomando della televisione durante le pause commerciali.

15. Gli avanzi che sono stati, beh, "lasciati" per ottime ragioni, molto ovvie.

16. Trattare con gli ospiti che vogliono avvolgere quegli avanzi per portarli a casa.

17. Andare alle feste e sviluppare una antipatia immediata ed elettrica per uno degli altri ospiti. Non che questo mi sia mai accaduto, ovviamente. Noooo. Beh, forse c'è stata quella volta in cui ero seduto accanto a una signora che, durante il corso del pasto, ci ha regalato con non solo il suo CV ("La mia laurea in economia da Smith ha portato al mio appuntamento con Le Banc Riche quando ho era una ventina, naturalmente, sai che praticamente tutti con un cervello si sono laureati in quei giorni …) ma anche il suo DNA ("La mamma era un membro del DAR ma era terribilmente, terribilmente liberale per il suo tempo …), in un tentativo fallito di incantare il pubblico in cattività dei commensali adiacenti. Quando si è lanciata in una discussione sul suo desiderio di acquistare un piccolo castello da qualche parte in Europa per i suoi anni di pensionamento (che, francamente, avrei pensato fosse da qualche parte dietro di lei), volevo far notare che, nella maggior parte dei paesi, mentre è possibile certamente comprano le proprietà, i contadini sono venduti separatamente. Non che io sia amaro.

18. Torte alla frutta o qualsiasi tipo di prodotti da forno che hanno (o potrebbero avere) piccoli pezzi di frutta gommosa infilati in essi.

19. L'uso dissoluto di scintillii, paillettes, glitter e orpelli. Già abbastanza. Se hai più di ventidue anni, non usare nessuno di questi oggetti sulla tua persona. Fidati di me su questo: non aiuta e potrebbe davvero ferire.

20. Ottenere regali davvero strani, come le ciabatte che assomigliano a ciaspole, candele a forma di fungo, un portacenere a forma di kayak in miniatura (perché oh perché?), O un cuscino decorativo così inflessibile, così grumoso, così straordinariamente pesante, è ovviamente imbottito di ghiaia.

21. Ospiti di grandi feste che scendono sul piatto antipasto come le iene che si radunano attorno a un'uccisione.

22. Alla scoperta di uno dei tuoi ospiti che fruga nel tuo armadietto dei medicinali come se fossi l'erede di Walgreen. (Se hai bisogno di aspirina, per il bene di tutto ciò che è nobile e buono al mondo, basta chiedere.)

23. Il letargo direttamente dopo un grande evento festivo; alias il desiderio di non mangiare, bere o essere di nuovo felice.

24. Altrimenti normalmente le persone mondane, realistiche e accomodanti diventano patologicamente malinconiche. Ho già abbastanza guai, con il pianto di quei film di vacanza. Non ho bisogno che qualcun altro vada a perdere la nostalgia dappertutto.

24. La parola "grassoccia" se applicata alla mia persona. Soprattutto se ho lavorato disperatamente duramente per entrare in uno di quei vestiti da fanciulla.

Solutions Collecting From Web of "Paura delle vacanze? Evviva! Significa che sei sano."