Patriarcato vivo e vegeto a marzo

Marzo è il mese più crudele. Parte della sua crudeltà è l'ottimismo che l'oppressione delle donne si trova stabilmente nel passato. Quando vivevo in Russia durante gli anni sovietici, nella giornata internazionale della donna strani uomini mi si avvicinavano e si congratulavano con me per essere una donna, a volte offrendo fiori o persino cioccolata. A quel tempo, mi sembrava strano che nella cultura patriarcale come la Russia, mi si congratulasse per essere una donna. Era imbarazzante e scomodo, ma sembrava anche abbastanza innocuo. Trent'anni dopo, non ne sono così sicuro.

Mentre il giorno della Giornata internazionale della donna e della storia della donna diventano più riconosciuti e celebrati, c'è il pericolo di immaginare che viviamo in un mondo postpatriarcale (il modo in cui le celebrazioni della MLK e della Black History potrebbero confondere le persone a credere che viviamo in un mondo postraceo e civile i diritti sono stati vinti, una volta per tutte).

Diversi incidenti recenti hanno fatto sì che la natura di congratulazioni del Mese della storia della donna sembri una fredda forma di conforto.

Incidente 1: il personale è politico

Un oratore sta arrivando nel mio campus che crede che le donne dovrebbero guadagnare un terzo di quello che fanno gli uomini e fanno i due terzi delle faccende domestiche. Questo oratore non è un pazzoide senza credenziali, ma un professore di scienze politiche, Harvey Mansfield, che sostiene la sua misoginia con il prestigio di Harvard. Riesci a immaginare un argomento simile contro un altro gruppo che è costantemente sottopagato e promosso? Bene, sì, in realtà argomenti simili sono fatti contro le minoranze razziali, in particolare i neri americani, tutto il tempo. Questo razzismo e sessismo si uniscono come febbraio e marzo poiché giustificano lo status quo di premi sproporzionati per gli uomini bianchi.

Incidente 2: Pensa globalmente; agire localmente.

Questo incidente locale, una nota minore negli annali del patriarcato vivente, si è intrecciato con un affare molto più serio e globale quando uno studente, un attivista femminista cinese, mi ha detto che i suoi colleghi a casa sono stati arrestati. Le giovani femministe, che sono state trattenute dalle autorità cinesi dal 7 marzo, in precedenza hanno iniziato un movimento Occupy the Toilet per sottolineare come ci siano pochissimi posti dove le donne possano usare il bagno e che questo è un modo per tenere le donne fuori dallo spazio pubblico . Quest'anno in onore della Giornata internazionale della donna, i suoi colleghi avrebbero protestato contro le molestie sessuali sui trasporti pubblici. Ora almeno cinque di loro sono detenuti in carcere e non sono stati in grado di parlare con i loro avvocati. Secondo l'uscita di notizie Quartz:

"I cinque attivisti di destra delle donne sono Wu Rongrong, Wei Tingting, Wang Man, Zheng Churan e Li Tingting, noto anche come Li Maizi. Le loro famiglie e gli avvocati non sono stati in grado di raggiungerli da quando la loro detenzione e la polizia non hanno rilasciato alcun dettaglio sulla loro ubicazione ".

https://marxistleninist.wordpress.com/2010/03/08/celebrate-the-100th-international-womens-day/
Fonte: https://marxistleninist.wordpress.com/2010/03/08/celebrate-the-100th-int…

Una serie di risposte, tra cui una campagna Twitter, #freethefive e un feed tumblr, Free the Five, richiedono la loro pubblicazione. Ma chiaramente le autorità cinesi ritengono che il femminismo sia una minaccia per il loro regime.

Il che mi riporta al locale. Secondo Mansfield, che sostiene che sebbene le donne siano naturalmente, biologicamente pari, superiori nei compiti domestici, siamo anche naturalmente inferiori ai compiti che svolgiamo nella sfera pubblica, come il lavoro. È esattamente questo tipo di pensiero patriarcale che giustifica il pregiudizio sessuale delle donne sui trasporti pubblici in Cina poiché le donne non "appartengono" lì. Quando queste coraggiose femministe cinesi hanno cercato di contraddire questa affermazione, hanno presentato una minaccia non solo alle autorità cinesi, ma al patriarcato più in generale.

E così il patriarcato alza la testa, a livello locale e globale, mentre gli eventi della storia delle donne riempiono il mio calendario di marzo. Forse l'anno prossimo, invece di porre fine alla lotta per i diritti delle donne in un passato storico, potremmo celebrare il Mese della Patriarchia Surviving. Niente più fiori e cioccolatini nella Giornata internazionale della donna, ma piuttosto coupon "uscire di prigione gratis" e denaro reale per compensare la disuguaglianza salariale sarebbe distribuito alle femministe di tutto il mondo e invece di essere complottato per essere donne, tutte quelle, di qualunque cosa il genere, che non beneficia direttamente del sessismo, si congratulerebbe per la sopravvivenza di un altro anno di sessismo, locale e globale.

Solutions Collecting From Web of "Patriarcato vivo e vegeto a marzo"