PARTE II: Cosa c'è di sbagliato con le donne di ESPN

C'è qualcosa di un'opinione di consenso tra coloro che pensano allo sport per vivere che parte del fascino dei giochi è che i giochi non finiscono mai. A differenza di altre forme di intrattenimento, ad esempio un film o uno sport di gioco sono una narrazione continua. Quando vai a vedere Burn After Reading, l'ultimo film di George Clooney, non è necessario aver visto la sua precedente uscita, Leatherheads, seguire la trama. Ma lo stesso non vale per lo sport.

Lo scrittore sportivo Leonard Koepett ne parla nel suo Sports Reality, Sports Illusion: "In generale guardiamo spettacoli, ascoltiamo concerti o leggiamo libri senza riguardo al contenuto dell'ultimo spettacolo, concerto o libro che abbiamo vissuto. [Ma] nello sport, la relazione con eventi precedenti è automatica, quasi sempre presente in prima linea nella coscienza, e parte del melodramma che si sta svolgendo. "

In questo senso, la storia principale della sezione sportiva del New York Times di oggi è intitolata: "Dopo 3.846 giorni, è finalmente il momento dei raggi." Questi 3,846 giorni si riferiscono al divario tra la prima volta che il Tampa Bay Devil Rays è sceso in campo e stasera, la prima volta che scenderanno in campo in una partita di campionato. La tensione del gioco non si basa solo su una competizione tra due squadre che hanno lavorato duramente per tutta la stagione per guadagnare la possibilità di giocare il gioco di stasera, piuttosto una gara tra i fan Tampa sofferenti e la sofferenza molto più lunga, anche se più recentemente sazia- Fan dei Red Sox.

Nel mio ultimo post, volevo sapere cosa c'era di sbagliato nelle reporter delle donne per ESPN, perché le loro esibizioni erano così piatte, perché sembravano sempre essere un piolo quadrato in un buco rotondo e altre stranezze simili. E il motivo per cui ho sollevato la questione della continuità nello sport, delle narrazioni a incastro che rendono l'apprezzamento del gioco un dialogo in corso piuttosto che una volta, è perché affronta parte di questo problema.

La maggior parte degli sport discussi su ESPN sono interpretati da uomini. Sicuramente, danno la WNBA che è dovuta, prestare attenzione quando Danica Patrick vince una gara automobilistica, e riversare la giusta quantità di elogi su entrambe le sorelle Williams per trasformare il tennis femminile in uno degli sport più eccitanti in circolazione, ma il loro pane e la tariffa del burro è il calcio, il baseball e il basket, e finché uno di questi campionati non decide di integrarsi, questi giochi sono giocati solo da uomini.

E sono sempre stati interpretati da uomini – e questo fatto è importante qui. Oggi quando parliamo di sport, parliamo sempre di sport. Proprio come in politica, nello sport, il passato informerà sempre il futuro. Parte del problema con le donne di ESPN è che, nella mente del loro pubblico, ascoltare le donne parlare di sport esclusivamente maschili, è come ascoltare un uomo bianco parlare dei problemi della faccia nera con il razzismo, non importa quanto ben informato e ben intenzionato che possa esserlo l'uomo bianco, qualcosa suona vuoto.

Perché suona vuoto è una domanda più interessante. Dopotutto, non abbiamo mai avuto un presidente donna, ma ciò non significa che io scaldi quello che Arianna Huffington ha da dire su George Bush. Ma molti trovano l'ascolto di Hannah Storm che parla di Cleveland Browns ridicolo perché, dicono, "non ha mai giocato a questo gioco." E questo è particolarmente strano perché con il "gioco" non intendo il calcio, intendo il calcio professionistico. Non che la stragrande maggioranza degli spettatori di ESPN abbia giocato a quel gioco, ma ciò non sembra avere importanza.

Ciò che conta davvero è ciò che intendeva lo psicologo cognitivo James Bruner quando ha affermato che ci sono due principali modalità di pensiero: la "modalità paradigmatica" e la "modalità narrativa", un'idea che ho intenzione di espandere ulteriormente nel mio prossimo post.

Solutions Collecting From Web of "PARTE II: Cosa c'è di sbagliato con le donne di ESPN"