Parliamo dei nostri fallimenti

Dall'età di 4 anni, siamo a scuola imparando come aggiungere, sottrarre, leggere e scrivere. Impariamo a conoscere i padri fondatori, le capitali dello stato e la tavola periodica. Impariamo tutto sul mondo esterno e su quali elementi compongono il mondo in cui viviamo, ma siamo spesso lasciati non qualificati, impreparati e persi su come navigare nel nostro mondo interno personale.

Tanto è fatto per preparare bambini, adolescenti e giovani adulti per il futuro del mondo: diventare leader, presidenti, astronauti, dottori e avvocati. Tuttavia, la mia più grande preoccupazione è preparare le persone di tutte le età a comprendere e resistere al crepacuore, al fallimento, al dolore, al dolore e al dolore che vivranno senza dubbio durante il loro viaggio verso tutte le vette più alte. E, ancora più importante, che non sono soli nella loro ferita. Passiamo tutti momenti difficili. Tutti noi sperimentiamo disagi, ma non stiamo affrontando tutte le stesse difficoltà allo stesso tempo. È in queste esperienze comuni che apprendiamo che l'esperienza umana è più simile che diversa.

Essendo un adulto emergente, un ex bambino e un essere umano, sono colpito ogni giorno da come siamo tutti più simili che diversi. Potremmo non sembrare uguali dall'esterno. Potresti avere diversi capelli colorati, diverse malattie, una dipendenza, più soldi o meno soldi. Non importa quale macchina guidi o se guidi addirittura una macchina, tutti noi abbiamo dei fallimenti. Questi insuccessi sono spesso legati ai nostri sentimenti di auto-colpa, colpa, vergogna, tristezza e dolore. Sfortunatamente, nessuno ci insegna che questi sentimenti sono completamente normali e, in effetti, in qualche modo attesi. Non puoi avere il successo che desideri, a qualunque stadio ti trovi e non aspettarti il ​​fallimento. Il sole sorge solo attraverso l'oscurità della notte e per raggiungere qualsiasi obiettivo finale, ci saranno momenti di sfida. Basta guardare Michael Jordan che è stato in grado di diventare uno dei migliori giocatori NBA di tutti i tempi, anche dopo non averlo fatto nella squadra di basket del liceo.

A che punto inizieremo ad integrare le capacità di vita su come gestire le difficoltà nelle aule e nelle case? Dobbiamo renderci conto che trovare la nostra bussola interna è tanto importante quanto imparare la nostra geografia mondiale. Possiamo iniziare oggi insegnando ai bambini come gestire quei momenti in cui non hanno ottenuto il voto che volevano, quando sono stati ostracizzati da un gruppo di amici, quando la vita non è andata come previsto.

La parte difficile di tutto ciò è che noi, da adulti, dobbiamo ripulire il nostro mondo interiore perché possiamo insegnare solo al livello che comprendiamo. Quindi, se noi stessi viviamo con amarezza, rabbia, paura o scarsità, allora siamo limitati nella nostra capacità di insegnare ai nostri amici, bambini, adolescenti e giovani adulti sulla resilienza, l'accettazione e, soprattutto, la perseveranza verso un obiettivo più grande.

Conosco me stesso, per molto tempo sono cresciuto con il mito dell'impotenza. Pensavo che alcune persone fossero senza paura e che alcune persone non lo fossero. Ora ho capito che la paura non è qualcosa che alcune persone hanno e altre no, ma è qualcosa che tutti abbiamo e solo alcune persone scelgono di comprarlo. Alcuni si impegnano con la paura e lasciano prendere la paura. Alcuni dicono "fanculo" con la paura e fallo comunque. L'impavidità non è l'assenza di paura, ma sente la paura e lo fa comunque.

Non so se ho la risposta giusta per dove cominciare, ma direi che inizia con spietata onestà su dove siamo. Viviamo in questo mondo in cui tutti andiamo in giro con i nostri fallimenti e paure, ma nessuno ne parla. Comprensibilmente, non pubblichiamo su Facebook quando veniamo rifiutati dalla scuola di specializzazione, quando il nostro fidanzato decide di rompere con noi, quando il nostro amico ci tradisce, o quando otteniamo il divorzio dal nostro coniuge di 10 anni. Ciò che pubblichiamo su Facebook sono i momenti felici, gli aspetti della nostra vita che vogliamo rivivere e, nel farlo, possiamo inviare inconsciamente il messaggio che nascondiamo, non parliamo e persino non elaboriamo il difficile momenti. In tal modo, possiamo creare una società di individui che pensano di essere soli nella loro esperienza, non sapendo che tutti gli altri hanno attraversato qualcosa di simile, ma hanno anche scelto di non annunciarlo al mondo.

Dobbiamo iniziare a creare un linguaggio che permetta alle persone di sentire le cose difficili da sentire. È attraverso quel dialogo che iniziamo a possedere la nostra storia come un'altra parte della nostra vita che può essere successivamente utilizzata come strumento per aiutare qualcun altro a vivere un'esperienza simile. Perché la verità è che in qualsiasi momento della vita puoi essere sia studente che insegnante. Sei uno studente per coloro che hanno creato la strada davanti a te e sei anche un insegnante per coloro che devono ancora attraversare quello che hai passato. Spesso dico alle persone nella mia sostanza che usano il gruppo di trattamento che ci sono persone che sono un giorno meno sobrie di te e puoi offrire loro qualcosa perché hai avuto un altro giorno di esperienza. Allo stesso modo, ci sono persone davanti a te che sono state sobrie più a lungo di te che possono darti strumenti che non hai ancora incontrato.

Con ciò, mi chiedo che cosa stiamo insegnando alle persone per le quali stiamo facendo strada? Insegniamo loro a nascondere i loro sentimenti, ignorare i fallimenti e negare la loro verità? E ancora più importante, come insegnanti, lo facciamo noi stessi? Queste sono tutte domande che dobbiamo porci perché, mentre osserviamo il mondo e vediamo la violenza, le interruzioni della comunicazione e le difficoltà relazionali, dobbiamo chiederci quanto di ciò stia succedendo nella nostra vita personale? Perché la nostra capacità di risolvere i problemi del mondo è profondamente radicata nella nostra capacità di risolvere i nostri problemi.

Rubin Khoddam è uno studente di dottorato in psicologia clinica presso la University of Southern California, la cui ricerca e attività clinica si concentra su problemi di uso di sostanze e resilienza. Ha fondato un sito Web, Psych Connection, con l'obiettivo di connettere idee, persone, ricerca e auto-aiuto per connetterti meglio a te stesso e alle persone intorno a te. Puoi seguire Rubin su Twitter cliccando qui!

Solutions Collecting From Web of "Parliamo dei nostri fallimenti"