Parlare di morte può prevenire la sofferenza alla fine della vita

Movimenti come il Death Café possono aiutare a garantire che i bisogni dei pazienti siano soddisfatti.

Marica Villeneuve, Trauma and Mental Health Report artist, used with permission

Fonte: artista Marica Villeneuve, Trauma and Mental Health Report, usato con permesso

La morte arriva inaspettatamente. Il professor Massimo Pigliuccionce della City University di New York disse: “Puoi evadere le tasse. Ma finora, non puoi eludere la morte. “Ma che cosa stiamo cercando di eludere?

“Non sappiamo come o quando moriremo – anche se stiamo morendo”, ha scritto Joan Halifax, antropologa medica e insegnante Zen. “La morte, in tutti i suoi aspetti, è un mistero.”

Ma possiamo parlare. Nella conversazione, siamo in grado di chiarire i nostri desideri per la cura della fine della vita, esprimere la nostra paura dell’ignoto e addolorare la perdita di una persona cara.

Il “Death Café”, o “café mortel”, è un movimento in cui gli estranei si incontrano per parlare di morte per té e torta. Il primo “café mortel” è stato ospitato nel 2004 dal sociologo e antropologo svizzero Bernard Crettaz. Nel 2011, il movimento migrò nel Regno Unito e prese il nome di “Caffè della Morte”. Il loro sito web afferma:

“Il nostro obiettivo è aumentare la consapevolezza della morte per aiutare le persone a trarre il massimo dalle loro (limitate) vite”.

In un articolo per Aeon , la saggista freelance Clare Davies ha descritto il tipo di argomenti esplorati al Death Café:

“Gli ospiti si alternano per esprimere i loro pensieri e sentimenti attraverso una vasta gamma di argomenti. Come ci si sente a perdere un genitore? Cos’è l’esistenza? Cosa conta di più per noi nella vita? Il punto è parlare. Com’è la morte? Di cosa abbiamo esattamente paura? In che misura le nostre idee sulla morte influenzano il modo in cui viviamo? ”

Ma la morte non è un argomento facile … anche alcuni medici lo evitano.

Uno studio condotto nel 2015 da Vyjeyanthi Periyakoli presso la Stanford University School of Medicine ha rilevato che l’86% dei 1040 medici ha dichiarato di trovarsi “molto impegnativo” parlare con i pazienti della morte.

Tuttavia, le conversazioni che esplorano i valori dei pazienti sono essenziali per le cure di fine vita. Molti preferiscono rinunciare a trattamenti aggressivi che difficilmente prolungheranno la vita o miglioreranno la sua qualità. Le conversazioni assicurano che i pazienti siano protetti da trattamenti indesiderati e misure di salvataggio eccessive che possono portare a situazioni di pericolo.

L’angoscia di fine vita può assumere molte forme. Farmaci e interventi chirurgici spesso lasciano il corpo fragile e vulnerabile ad altre malattie, o dipendono da un ventilatore o da una nutrizione endovenosa.

In un articolo del New Yorker del 2010 intitolato “Letting Go”, il dottore e ricercatore di salute pubblica Atul Gawande ha scritto:

“Trascorrere gli ultimi giorni in un reparto di terapia intensiva a causa della malattia terminale è per la maggior parte delle persone un tipo di fallimento. Menti su un ventilatore, tutti i tuoi organi si stanno spegnendo, la tua mente barcolla sul delirio e permanentemente oltre il rendersi conto che non lascerai mai questo posto in prestito e fluorescente. ”

Le decisioni di fine vita possono essere stressanti per il paziente e il medico. Ma parlare di loro aiuta.

Nell’articolo del New Yorker, Gawande descrive uno studio del Coping with Cancer del 2008 in cui solo un terzo dei pazienti ha riferito di parlare con i medici degli obiettivi per le cure di fine vita, anche se in media erano quattro mesi dalla morte. Coloro che hanno avuto conversazioni al termine della vita erano significativamente meno probabilità di sottoporsi a rianimazione cardiopolmonare, essere messi su un ventilatore o finire in un reparto di terapia intensiva. Gawande ha scritto:

“Questi pazienti hanno sofferto di meno, erano fisicamente più capaci e erano meglio in grado, per un periodo più lungo, di interagire con gli altri. In altre parole, le persone che avevano sostanziali discussioni con il loro medico sulle loro preferenze di fine vita avevano molte più probabilità di morire in pace e nel controllo della loro situazione, e di risparmiare l’angoscia della loro famiglia “.

Audrey Pellicano ospita il New York Death Café e lavora come consulente per il dolore. Ha detto al New York Times:

“La morte e il dolore sono argomenti evitati a tutti i costi nella nostra società. Se parliamo di loro, forse non li temeremo tanto. ”

Questo sentimento è ripreso dallo specialista delle cure palliative Susan Block, che è stato intervistato da Gawande per l’articolo del New Yorker. Riguardo alle conversazioni di fine vita, ha detto:

“Una grande parte del compito è aiutare le persone a negoziare la travolgente ansia-ansia per la morte, l’ansia per la sofferenza, l’ansia per i propri cari, l’ansia per le finanze”.

La paura che circonda la vita è immensa e varia. Ma la morte viene indipendentemente. Forse ciò che è necessario è un cambiamento ideologico, supportato da movimenti come il Death Café, che offre alle persone l’opportunità di discutere della morte a distanza di sicurezza. Affrontando la morte, può emergere un maggiore apprezzamento della preziosità della vita, chiarendo ciò che desideriamo di più dal vivere e dal morire.

-Rebecca Abavi, autrice delle relazioni, trauma e rapporto sulla salute mentale.

-Editor dei bambini: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report.

Copyright Robert T. Muller.

Solutions Collecting From Web of "Parlare di morte può prevenire la sofferenza alla fine della vita"