Parlando di gara

Durante una formazione per formatori, di recente ho co-guidato, una donna afro-americana, l'unica dell'intero gruppo (un altro afro-americano era lì solo per tre giorni), iniziata e volontaria per condurre un programma serale sull'identità razziale. Con il supporto di un'altra persona, e nello spazio di meno di un'ora, ha facilitato una discussione che emerse un numero di problemi e domande per diverse persone nella stanza.

Nella mia esperienza, che non è né vasta né minuscola, ogni volta che viene sollevata la questione di come ci relazioniamo alla nostra e alla razza altrui, la complessità e il dolore arrivano nella stanza – prima, durante o dopo l'evento. Io stesso sono stato in un grande dilemma su come trovare modi utili per sostenere queste conversazioni, e sto facendo meno di quanto mi ero abituato in questo settore, perché raramente ho visto il dolore che ne deriva, sia per le persone di colore che per i bianchi , impegnarsi in modi che supportano una trasformazione significativa. Sono grato ad alcuni miei colleghi che continuano a impegnarsi nell'inchiesta anno dopo anno, nel ritiro di NVC e Diversity, dove ritengo che siano all'avanguardia nello creare uno spazio dove l'onestà radicale, la cura completa e il rispetto per tutti in la stanza e l'apprendimento profondo per tutti accadono regolarmente. Lentamente, ho qualche speranza che le loro lezioni sostengano gli altri, così come me, nel condurre dialoghi di razza che siano veramente fruttuosi.

Fino ad allora, applaudo a chiunque di noi che ci prova, che si impegna, che dice ciò che crediamo veramente, che condivide e invita gli altri a condividere ciò che abbiamo paura di dire della nostra esperienza. Per quanto poco lo so, sono fiducioso che non parlare di razza non ci porterà da nessuna parte di nuovo.

Dopo la fine del ritiro, una persona si è avvicinata a me per iscritto e ha fatto un paio di domande a punta. Queste domande, e l'argomento nel suo complesso, sono così importanti per me, che ho scelto, con il permesso di quella persona, di rispondere pubblicamente. Questo è ciò di cui parla il blog di oggi. Chiamerò la persona che ha iniziato la serata Cassandra e la persona che ha posto le domande a Julie.

Cosa viene riconosciuto

La prima domanda di Julie è venuta in riferimento alla mia scelta, alla fine del cerchio, per riconoscere pubblicamente Cassandra per tutto quello che le è occorso, come l'unica persona Nera nella stanza – tutto il lavoro che doveva fare per arrivare in un posto dove poteva iniziare e condurre questo evento con una tale compostezza e grazia, pur ascoltando quello che avevo ogni ragione per credere che erano dichiarazioni dolorose e difficili da parte di alcune persone nella stanza. Julie era a disagio con la mia scelta. Ha scritto che in quel momento avrebbe voluto, ma non lo fece, dire: "Ma per quanto riguarda quello che ci è voluto per gli altri per arrivare qui? Soprattutto altri che potrebbero aver incontrato ostacoli che non sono così visibili. "Julie era, allo stesso tempo, consapevole" che c'è un posto per [confrontare] in termini di riconoscimento di cose come l'ingiustizia strutturale. "Per lo più, voleva sapere, come facilitatore del più grande evento all'interno del quale Cassandra ha diretto la serata, quello che mi ha spinto a scegliere di fare il commento specifico che ho fatto.

Ecco la mia trasparenza, il prossimo. Era un rischio per me fare questo, e non ero sicuro al momento se ciò che avevo fatto avesse senso. Ciò che mi ha motivato a dire quello che ho detto è stato anni e anni di sapere quanta gente di colore assorbe quando sono in un gruppo di schiaccianti maggioranza bianca, e il numero di volte in cui mi chiedevo come potesse continuare ad andare avanti senza mai essere riconosciuto . Le molte volte ho voluto riconoscerlo e non ho trovato abbastanza coraggio, e il sollievo che ho provato in quel momento di sapere che avevo abbastanza coraggio per farlo proprio perché ero il facilitatore. In altre parole, parole brusche: ho usato il mio potere come facilitatore per darmi la forza di parlare quello che ho sempre voluto dire. Il potere di avere semplicemente accesso ai privilegi in virtù di avere una pelle più chiara di altri non era abbastanza per bilanciare il rischio di ottenere risposte negative, il che è doloroso ammettere e vero.

Inoltre, non volevo che Cassandra avesse un'esperienza in più che non viene riconosciuta quando sono il facilitatore e, quindi, in qualche modo, la responsabilità per il benessere di tutti.

Questa chiarezza in quel momento arrivò con una certa paura – che Cassandra non avrebbe gradito il riconoscimento, che altri avrebbero avuto esattamente l'esperienza che aveva avuto Julie, e che io non capivo abbastanza bene le cose, da immigrato a questa complessa realtà della razza relazioni (anche se trent'anni in esso). Prendevo volentieri la paura, e, comunque, quando Julie mi ha rivolto la domanda, la prima cosa che ho fatto è stata quella di incontrare un amico afro-americano locale e un formatore di diversità, che ha messo il mio cuore in pace apprezzando la mia scelta. Sono costernato nel vedere quanta incertezza interiore avrò ancora su questo problema che mi ha richiesto di ottenere qualche convalida esterna – essendo stato interrogato da una persona che non ero più sicuro internamente della mia scelta.

Ora, per articolare il ragionamento in modo più completo, voglio iniziare dicendo che sono assolutamente consapevole che ogni singola persona, anche quella con il maggior accesso alle risorse del pianeta, incontra immense barriere, molte delle quali invisibili, a vivere e prosperare . Sono fiducioso che molte persone nella stanza quella sera avessero avuto esperienze che hanno reso le conversazioni che abbiamo avuto quella sera sfidando. Stavo riconoscendo Cassandra perché quello che le ho visto fare era, a mio parere, unico. Assunse il ruolo di facilitatore, il che significava, in quel contesto, assorbire messaggi sfidanti e continuare a scegliere di mettere la sua attenzione nel tenere il tutto anziché avere la sua risposta personale. Ciò richiede una forza immensa a prescindere dall'esperienza razziale, e specialmente quando l'esperienza di assorbire tali commenti è un modo normale per lei. In una società segregata, i bianchi possono spesso proteggersi dal disagio di impegnarsi con le strutture e le abitudini che supportano questa separazione. I neri semplicemente non possono. Questo è uno dei modi in cui funziona il privilegio: permette a chi lo ha di non accorgersene e ai suoi effetti sugli altri.

Dato questo modo di vedere la realtà (che, concessa, potrebbe non essere d'accordo con gli altri), spero di trovare regolarmente la volontà di riconoscere ciò che vedo accadendo nella stanza, anche se c'è un po 'di disagio aggiunto per i bianchi. Sebbene io voglia agire con cura, sempre, credo che sperimentare certi disagi possa essere essenziale per crescere nella consapevolezza e trovare il coraggio di agire per creare il cambiamento.

Perché parlare di Race – e come

Julie ha anche sollevato un'altra domanda che volevo affrontare qui. Questo era più sul contenuto di ciò che Cassandra includeva nelle sue attività. Come diceva Julie, "Desidero nuove domande. … stiamo ancora sollevando le stesse domande di cui discutevamo 30 anni fa perché non c'è stato alcun progresso come società? O lo stiamo ancora facendo perché non riconosciamo i progressi che ci sono? O entrambi, e persone diverse traggono beneficio da diverse domande perché sono a diversi livelli di consapevolezza? "

Questo, insieme al commento di Julie secondo cui "alcuni di noi sanno più di quanto ci viene dato il merito dalle persone che guidano tali corsi di formazione", mi hanno portato a riflettere profondamente sul "perché" di queste conversazioni. Lo scopo è imparare? E 'consapevolezza? Sta creando la connessione? Qualcos'altro? Sapere certe cose porta a cambiare? Quelli di noi che hanno avuto un qualche tipo di allenamento per la diversità o dialoghi di razza si comportano in modo diverso? Qualcosa cambia le condizioni strutturali che rafforzano la separazione e la sfiducia che continuano a creare sofferenza per così tanti?

Se le sale di, ad esempio, i laboratori della comunicazione nonviolenta continuano ad essere piene di bianchi, anche quando il formatore non è bianco (come spesso accade qui, nella Bay Area, dove tre dei nostri istruttori principali sono persone di colore e le classi continuano ad essere per lo più bianche), quindi credo che non abbiamo trovato un modo per modificare sufficientemente le condizioni. Quindi so che voglio che continuiamo a provare, perché, nel complesso, immagino che senza essere in grado di parlare in modo produttivo della gara, i progressi verso un futuro diverso saranno così disperatamente lenti.

Alle prese con la sfida

E, tuttavia, per me stesso, non ho considerato prioritario affrontare il problema. Anche nei miei scritti su questo blog, questa è probabilmente la terza o quarta volta, al massimo, che sto affrontando questo argomento da quando ho iniziato a scrivere più di tre anni fa, in genere settimanalmente. So qual è la ragione di questa scelta: non lo faccio perché ho tanta confusione su ciò che può essere efficace. Non ho ancora visto nulla, specialmente in un contesto in cui le persone non scelgono di entrare, il che ha portato a risultati che mi hanno fatto sperare che qualcosa di fruttuoso sarebbe accaduto dopo che la conversazione fosse finita.

La questione della partecipazione volontaria è enorme per me. Quello che succede al ritiro NVC e Diversity ha così tanto successo proprio perché le persone scelgono di essere lì per rispondere a queste domande. Non so ancora come estrapolare da lì a rispondere alla fatica e al risentimento che così spesso sorgono, non solo dai bianchi, quando l'argomento viene fuori in altri contesti. Come sollevarlo in modo significativo in contesti che non vengono scelti è qualcosa che non ho capito. Ho temporaneamente perso la mia convinzione sulla creazione di tali conversazioni quando non ho una visione di ciò che farei diversamente che potrebbe portare a risultati che mi danno più speranza.

Parte dell'angoscia è che mentre posso dire a me stesso quanto voglio che ci sia una buona ragione per la mia scelta, so ancora che la mia stessa esitazione è possibile perché non vivo i risultati di queste condizioni in un modo ciò rende impossibile non frequentarli. Sono protetto, sono protetto. Io non sono colui che è seguito dalla persona di sicurezza quando vado in un negozio per comprare qualcosa; è il giovane uomo nero che è. Io non sono quello che ha meno probabilità di prendere un taxi, specialmente di notte. Posso, e ho chiaramente, scelto di concentrarmi altrove.

Non mi arrendo, però. Voglio credere che possiamo creare un mondo in cui la cultura dominante non è più dominante, in cui molteplici culture ed esperienze non sono solo tollerate, accettate o persino abbracciate, e invece sono parte integrante della formazione di ciò che la cultura nel suo insieme sembra piace. Voglio confidare che possiamo modificare le condizioni strutturali che producono così prevedibilmente risultati e esperienze di vita diverse per persone di gruppi diversi. Sono tutte questioni intense e dolorose, travolgenti su cui mi sento così triste.

Quindi che succede adesso? Mi piacerebbe sperare che scrivere così direttamente manterrà i miei piedi sul fuoco in cui tanto spesso invito gli altri, e che troverò il modo di lottare con tutti gli ostacoli interni ed esterni. Lavorare verso il futuro Voglio credere che sia possibile significa imparare modi migliori e migliori per parlare con gli altri attraverso le divisioni che ci hanno tenuti così separati, per venire insieme, per condividere quel lavoro con gli altri, per quanto scomodo possa essere il viaggio. Spero di trovare supporto per continuare.

Clicca qui per leggere le domande su questo post e unirti a noi per discuterle in una conference call: martedì 18 giugno, 5: 30-7 pm ora del Pacifico. Questo è un modo che puoi connettere con me e altri che leggono questo blog. Chiediamo $ 30 per partecipare alla chiamata, in base all'economia del regalo: in modo da pagare più o meno (o nulla) come si è in grado e disposti.

Solutions Collecting From Web of "Parlando di gara"