Parlando con Siri del suicidio

La scorsa settimana, un amico mi ha inviato questo video:

Per 10 minuti, puoi guardare una donna che cerca di ottenere Siri, l'assistente personale animato presente su iPhone 4S, per aiutarla a ottenere aiuto. La domanda per la donna che cerca in tutti i modi di convincere Siri a capire la sua richiesta è: "Perché Siri non aiuterà qualcuno che è un suicida?"

Ma la domanda che mi è stata lasciata chiedendo mentre guardavo, guardavo, e guardavo – e diventavo sempre più a disagio con l'inutilità di Siri – era più grande:

Perché è così difficile aiutare qualcuno che è un suicida?

Molte persone che sono suicide non escono e chiedono aiuto nel modo articolato e diretto che fa la donna nel video. Quindi, può essere difficile aiutare qualcuno che è suicida perché è difficile per qualcuno che è suicida chiedere aiuto.

Ma c'era qualcos'altro che mi tormentava mentre guardavo e ascoltavo Siri fallire ancora e ancora e ancora. Qualcosa suonava così familiare. Era il ritornello di Siri, "Non so cosa intendi con …"

"Non so cosa intendi con 'mi sento depresso'".

"Scusa, non capisco cosa intendi con 'mi sento un suicida'".

O questo vincitore, quando Siri viene detto, "Ho bisogno di aiuto psicologico": "Ho trovato 10 rivenditori di motociclette".

A volte, siamo noi, i fornitori, gli amici o la famiglia, che lo rendono difficile. Rendiamo più difficile ottenere aiuto perché facciamo in modo che le persone siano molto specifiche su ciò che sentono. Oppure fraintendiamo, pensando che quello che stanno dicendo non può essere vero.

Il meglio di noi potrebbe cercare di ottenere aiuto da qualcuno, abbinarli a una risorsa esistente, solo per scoprire che quello che pensavamo sarebbe stato un buon servizio non è aperto dopo le 17:00, o non è coperto da assicurazione, o non lo è avere aperture per tre mesi.

Per me, le risposte di Siri riflettevano una buona parte di ciò che accade nella vita reale quando si tratta di accedere ai servizi di salute mentale. Ritardi, confusione, tempo perso, mancanza di risorse o almeno una mancanza di consapevolezza sulle risorse: queste sono tutte realtà delle cose così come sono.

Sì, mi piacerebbe che Apple vedesse questo video e scoprisse un modo semplice per Siri di ottenere rapidamente il numero di Lifeline nazionale per la prevenzione dei suicidi quando viene chiesto qualcosa sul suicidio, ma più di questo, mi sentirei meglio se Siri non fosse t un tale riflesso della vita reale. Vorrei che fosse più facile aiutare qualcuno che è un suicida.

Se hai navigato con successo nel sistema di assistenza sanitaria mentale e hai delle strategie da condividere per renderlo più facile agli altri, per favore condividili qui.

Solutions Collecting From Web of "Parlando con Siri del suicidio"