Parlando con Killers

Carlisle
Fonte: Carlisle

Per la mia lezione sull'assassinio seriale di questo semestre, ho suonato una cassetta di un'intervista con Westley Allan Dodd, un bambino predatore e assassino di tre ragazzi. Aveva fantasticato sulle sue future vittime e elaborato piani elaborati per quello che avrebbe fatto con loro. Catturato dopo aver tentato di rapire un bambino di sei anni da un bagno del cinema, ha ammesso gli omicidi di altri tre ragazzi nella zona di Vancouver, a Washington.

Due fratelli, Cole Neer, 10 e William Neer, 11, sono stati trovati pugnalati a morte in un parco. Non lontano da lì, il corpo di un bambino di 4 anni è stato scaricato.

Cercando la residenza di Dodd, la polizia ha trovato le foto delle sue vittime e un diario disgustoso che registrava i suoi crimini e dettagliava i piani per saperne di più. Anche se è stato fermato quando aveva 28 anni, aveva molestato i ragazzi per 15 anni.

Nell'intervista videoregistrata, parlava liberamente della sua lussuria e del modo in cui trattava le sue vittime. Credeva di meritare di morire. La sua calma era agghiacciante. Nel contemplare la sua condanna a morte, scelse di essere impiccato, poiché aveva impiccato una delle sue vittime.

Dodd era un ragazzo di bell'aspetto, senza uno sfondo di abuso, e nessuna ragione apparente per cui avrebbe sviluppato questa forma fatale di pedofilia. Quindi, quando il dottor Al Carlisle, ex psicologo carcerario della prigione dello Stato dell'Utah, mi disse che aveva scritto un libro che includeva le sue interviste estese a Dodd, volevo leggerlo.

La mente del diavolo copre Dodd, così come un altro serial killer bambino, Arthur Gary Bishop, dallo Utah. Carlisle include numerose citazioni da entrambi. (Ho rivisto il libro di Carlisle sulla sua esperienza con Ted Bundy qui .)

Ho recentemente completato un progetto simile con Dennis Rader, il killer "BTK" di Wichita, KS, Confession of a Serial Killer . Inoltre, in The Mind of a Murderer , ho descritto altri esperti di salute mentale che hanno deciso di scavare in profondità per conoscere gli autori di reati estremi. Quindi, il libro di Carlisle è tra quelle rare opere che ritrae un professionista che passa molto tempo ad ascoltare e analizzare le ammissioni più inquietanti su ciò che alcuni umani hanno escogitato per fare agli altri.

Inizia con una citazione del mio scrittore preferito, Dostoevsky: "Niente è più facile che denunciare il malfattore; niente è più difficile che capirlo. "

Carlisle ammette che la sua risposta iniziale a questi individui fu una repulsione. Ma, da medico, capisce la necessità di tracciare scrupolosamente la loro traiettoria verso la violenza. Nell'introduzione, Carlisle dice che non aveva pianificato di scrivere un libro su questi due criminali, ma la sua curiosità professionale è stata presa a calci. Se erano disposti a parlare ed esplorare onestamente, voleva sapere come erano cresciuti quei ragazzi apparentemente normali diventare uomini che hanno ucciso bambini per eccitazione sessuale.

"Se dovessimo mai trovare un modo per fermare l'abuso sessuale e l'omicidio di bambini", scrive Carlisle, "dobbiamo cercare di capirli".

Ha iniziato con la loro infanzia e ha esplorato la loro adolescenza. Pensò di aver visto le loro progressioni e fu in grado di individuare come i loro desideri si intrecciassero nella devianza.

"La mia opinione su alcuni serial killer con cui ho parlato", dice Carlisle, "è ciò che è accaduto nella loro mente dal momento in cui erano bambini fino all'adolescenza. Non necessariamente perché hanno preso la loro decisione, ma cosa è successo dal prendere una decisione, e come sono gradualmente cambiati da quando erano bambini attraverso i loro omicidi in serie. "

L'intervista ad Arthur Bishop diventa piuttosto inquietante quando Bishop descrive la sua ossessione consumatrice con i ragazzi. Ha pensato a loro tutto il tempo. "È un comportamento così colto", afferma, "imparato tante volte e rinforzato così tante centinaia di volte, potresti voler cambiare ma semplicemente non sai più come."

Bishop si sentiva impotente e senza valore. È diventato un circolo vizioso di provare a sentirsi bene, e l'unica cosa che lo faceva sentire bene era molestare i ragazzi. Poi ha dovuto dominarli e possederli. Ciò significava uccidere. "Il ragazzo se n'è andato, ma perché tu eri quello che l'ha fatto, in qualche modo sei spiritualmente responsabile per lui."

Mentre si trasformava in un killer, il senso di realtà di Bishop si spostò per adattarsi a ciò che stava facendo. Così ha fatto il suo quadro morale, che aveva radici nella religione. Vediamo qualcosa di simile con Dodd, che parla di accordi con Satana. Ha chiarito che, all'inizio, le cose che sapeva erano sbagliate erano anche troppo emozionanti per rinunciare. "Se è sbagliato ma divertente, è ancora più eccitante."

L'alienazione e l'umiliazione sembravano essere parte dello sviluppo di Dodd, isolandolo nella sua vita privata di fantasia. L'eccitazione sessuale lo ha ulteriormente isolato. Alla fine, Dodd iniziò ad esporlo ad altri bambini. Se l'è cavata. Ma poi ha perso il suo impatto, quindi ha aggiunto più atti audaci alla sua vita fantastica, che è diventata più pericolosa per i suoi bersagli. Quelle cose che lo hanno destato sono diventate le cose che lui ha ripetuto.

Da queste interviste, i lettori possono assistere allo sviluppo graduale, all'azione per atto, alla fantasia per fantasia, di come qualcuno diventa un assassino di bambini. Alla fine, Carlisle offre un confronto tra questi due bambini assassini e trae alcune conclusioni. La dipendenza sessuale è fondamentale, insieme all'isolamento e alla solitudine.

Questo è un libro rivelatore, un solido passo verso la prevenzione e il trattamento finale, specialmente se collocato accanto ad altre autobiografie criminali simili. Ho visto molti dettagli qui che corrispondevano agli oggetti che Dennis Rader mi aveva detto. Un'analisi qualitativa completa di queste narrazioni oscure in prima persona è una vera promessa.

Solutions Collecting From Web of "Parlando con Killers"