Parlando ai tuoi ragazzi riguardo al suicidio

Come utilizzare i resoconti dei media sul suicidio come un’opportunità.

Di Timothy Rice, MD

CC0 Public Domain

Fonte: Dominio Pubblico CC0

I recenti resoconti dei media sui suicidi di Kate Spade e Anthony Bourdain hanno suscitato molti sentimenti. Questi possono includere dolore, frustrazione, tristezza e confusione. Spesso i nostri sentimenti e reazioni sono misti, complessi e stratificati.

Se sei un genitore e hai sentito la notizia di un suicidio pubblicizzato, è probabile che anche tuo figlio abbia sentito la notizia. Gli adolescenti avranno i loro sentimenti e reazioni unici. Con meno esperienza degli adulti nella ricezione e nell’elaborazione di notizie stressanti, gli adolescenti sono posizionati in modo univoco per essere aiutati da un genitore informato e reattivo.

Iniziare una conversazione con i tuoi figli dopo un suicidio di alto profilo nei media è un’opportunità chiave. Anche se non devi aspettare qualche tragica notizia per avere questa importante conversazione, questi eventi sfortunati offrono un’opportunità speciale per creare qualcosa di significativo e di affermazione della vita da una perdita. In tal modo possiamo rendere omaggio al defunto.

Parlando con gli adolescenti del suicidio

È un malinteso comune che chiedendo pensieri suicidi in qualche modo pianterà questi pensieri. Questo porta molti genitori ad evitare questo argomento.

È importante che i genitori sappiano che nessuna prova suggerisce che chiedere in modo appropriato pensieri suicidi possa aumentare il rischio di sviluppare pensieri suicidi.

Il controllo con tuo figlio fornisce conoscenze che possono informare la creazione di un piano di aiuto appropriato. Il check-in mostra che sei disponibile per i tuoi figli su questi argomenti in futuro. Discutendo apertamente le tue reazioni emotive e dimostrando che ti senti a tuo agio con queste sensazioni, il tuo adolescente può interiorizzare questa funzione e impiegarla se necessario.

Come molti genitori sanno, molti adolescenti spingono via i loro genitori quando cercano di avere anche conversazioni banali, per non parlare di quelli importanti. Questo è un normale processo di sviluppo in cui gli adolescenti lottano per trovare una salutare indipendenza e separazione dai loro genitori. Spesso gli adolescenti proiettano un falso senso di indipendenza per proteggersi dal bisogno dei loro genitori troppo. È facile per i genitori sentirsi respinti e credere che il loro adolescente voglia spazio e distanza. Questa danza tra genitori e adolescenti può rendere difficile per i genitori fare il check-in con i loro figli adolescenti.

Nel caso di questi recenti suicidi, gli adolescenti possono minimizzare la loro importanza, oppure possono svalutare i tentativi di raggiungerli. Se riesci a sopportare questa reazione senza ferite personali e mostrare la tua presenza costante a loro e all’apertura, questo può mostrare ai tuoi figli che sei disponibile per discutere di questioni difficili e per fornire aiuto e supporto qualora queste preoccupazioni diventassero una realtà personale per i tuoi figli.

Ecco alcuni suggerimenti su come avviare una conversazione con tuo figlio su questo argomento difficile:

  • Hai sentito la notizia di Kate Spade? È stato difficile per me leggere le relazioni che ha lottato per così tanti anni. Cosa ne pensi? (Fornire un’autorivelazione limitata per modellare per i propri figli un’adeguata condivisione delle reazioni per promuovere la divulgazione aperta anche della reazione dei propri ragazzi).
  • Come ti sei sentito quando hai sentito la notizia? Ne hanno parlato a scuola oggi? Qualcuno che conosci ha qualche reazione difficile a questo? (Gli adolescenti sono spesso più a loro agio nello spostamento: possono preferire esprimere parti dei loro sentimenti o reazioni parlando delle reazioni reali o immaginarie delle figure nelle loro vite).
  • Molte volte queste persone hanno lottato con un disturbo dell’umore sottostante come la depressione, o non erano in grado di provare un senso di appartenenza. Sono queste le sfide per te? (Allarga la conversazione dal suicidio ai fattori di rischio sottostanti).
  • Voglio che tu sappia che io sono (o siamo) sempre qui per te se vuoi parlare. Prometto di ascoltare con mente e cuore aperti. C’è qualcosa che potrei fare per rendermi più disponibile? (Mostra presenza e ricettività).
  • Hai mai pensato al suicidio? Puoi dirmelo e possiamo parlarne. (Chiedi direttamente e senza ambiguità di mostrare che non hai paura).

Come rispondere se i tuoi ragazzi dicono di avere pensieri di suicidio :

Innanzitutto, è importante capire che pensare al suicidio non è intrinsecamente pericoloso. Molti, se non la maggior parte della gente, si troveranno a pensare ad un certo punto che il mondo sarebbe meglio senza di loro. Tuttavia, scoprire se tali pensieri esistono è un passo importante per garantire che il tuo bambino riceva un aiuto appropriato.

Se tuo figlio ha detto di aver pensato al suicidio, è tempo di scavare più a fondo chiedendo domande generali su quello che è successo o su ciò che stavano sentendo che porta a quei pensieri e su come si sentono ora. Chiedi informazioni su eventuali fattori di stress recenti nella loro vita come qualsiasi perdita personale per l’adolescente o la famiglia.

Le prossime domande sono forse le più spaventose, ma anche le più importanti da chiedere, e il modo in cui rispondi in modo ancora più vitale. Chiedi se hanno fatto piani o pensato a come tentare un suicidio, e quanto spesso ci pensano. È importante non reagire in modo eccessivo o sottovalutare. Raggiungi il tuo obiettivo di raccogliere informazioni ed essere un ascoltatore comprensivo e comprensivo pur rimanendo un genitore preoccupato.

Se il tuo bambino ha espresso pensieri di suicidio, ha detto che ci pensa spesso, ha pensato a un metodo o ha fatto un piano e ha avuto fattori di stress recenti, questi sono preoccupazioni significative. Prenditi del tempo per leggere ulteriori segnali di allarme e fattori di rischio come i cambiamenti nel comportamento, il ritiro da amici o hobby, l’avvio o l’aumento dell’uso di droghe / alcol o cambiamenti nell’appetito o nel peso. Considerare anche se esiste una storia familiare di disturbi dell’umore, suicidio o disturbi da uso di sostanze. Se sei preoccupato, chiama il pediatra o un consulente di salute mentale.

Poiché la valutazione del rischio è un processo molto individualizzato, nessun contenuto, incluso quello di questo articolo, dovrebbe essere preso come sostituto di una visita faccia a faccia con un professionista. Un’altra risorsa è il National Suicide Prevention Lifeline 1.800.273.8255.

Circa l’autore : Timothy Rice MD è uno psichiatra adulto e bambino e adolescente in pratica a New York, NY. Attualmente è il co-presidente della Task Force sulla salute mentale degli uomini della Federazione Mondiale delle Società di Biologia Psichiatrica, dove si concentra sulla sicurezza e la riduzione del fattore di rischio con bambini, adolescenti e giovani uomini. È membro dell’Associazione per la psicoanalisi infantile, dell’American Academy of Child and Adolescent Psychiatry e dell’American Psychoanalytic Association, dove è presidente del Child Advocacy Committee. I suoi interessi professionali e di ricerca includono la promozione della salute e del benessere nelle popolazioni giovanili.

Solutions Collecting From Web of "Parlando ai tuoi ragazzi riguardo al suicidio"