Parlando ai bambini del suicidio

Il giorno in cui mia madre si è uccisa, aveva appena finito di preparare la sua casa in Marlborough Street per il ritorno anticipato dei suoi figli dopo una feroce battaglia per la custodia. Avevo solo quattro anni e il più giovane di sei figli. Crescendo in una famiglia mista di undici figli, ero sconcertato sul motivo per cui mia madre si tolse la vita e mi lasciò indietro. Mia madre era definita dalla sua assenza, e nella mia famiglia raramente parlavamo di lei.

Trovare le "parole giuste" per parlare con un bambino dopo aver perso un genitore sta intimidendo, in particolare quando un genitore muore per suicidio. Da bambina, psichiatra, madre e figlia, so in prima persona quanto sia difficile per le famiglie affrontare la segretezza, la vergogna e il senso di abbandono che possono esistere dopo un suicidio e capire cosa dire o non dire. Eppure, i bambini faranno fronte meglio quando ottengono una rivelazione onesta che è l'età appropriata. Non vuoi dare troppe informazioni sul modo in cui è successo, ma non vuoi mentire.

Il suicidio richiede una spiegazione, ma la risposta muore con la vittima. La ricerca mostra che con suicidi completati c'è spesso una combinazione tossica di malattie mentali, abuso di sostanze e impulsività. Spesso quando le persone muoiono per suicidio sono in una "caduta mentale" di confusione, disperazione e disperazione che deriva dalla depressione.

È essenziale che gli adulti sopravvissuti aiutino i bambini a dare un senso a un mondo appena complicato offrendo stabilità e rassicurazione e sostenendo i bambini nel porre domande. Comunicare che il suicidio è stato tragico, ingiusto e probabilmente inspiegabile può aiutare ad alleviare il senso di colpa corrosivo. I bambini spesso assumono erroneamente di essere responsabili. Quando non ottengono una spiegazione, spesso riempiono il vuoto con le loro stesse interpretazioni. Rassicurare i bambini che non sono da incolpare è la chiave: niente di ciò che hanno fatto o detto ha causato il suicidio dei loro genitori. La presenza costante di altri adulti può aiutare con la dolorosa solitudine, dare accettazione incondizionata e aiutare i bambini a credere di essere adorabili e capaci di andare avanti.

Senza questa rassicurazione, i bambini potrebbero temere che una morte autoinflitta possa in qualche modo essere contagiosa. Se è vero che il figlio di un genitore morto per suicidio ha cinque volte più probabilità di uccidersi rispetto a un bambino che non è esposto a questa perdita, non è una condanna a morte profetica. C'è una finestra di opportunità per aiutare le famiglie a capire il ruolo della prevenzione e cosa cercare in modo che possano intervenire precocemente con i propri figli.

Il modo in cui un bambino affronta il suicidio di un genitore è legato al genitore sopravvissuto che rimane forte e fornisce supporto. È fondamentale mobilitarsi se un bambino si isola, ha periodi di pianto prolungato e irritabilità, ha cambiamenti nei modelli di sonno, si comporta in comportamenti ad alto rischio, distribuisce oggetti preziosi o parla di suicidio. È fondamentale comunicare a questi bambini che la malattia mentale è di solito curabile anche se un genitore può essere morto di depressione. Il loro genitore ha bisogno di trasmettere una determinata fiducia che possa trovare un'alternativa all'autodistruzione e adottare misure per preservare la loro sicurezza.
Il suicidio di una persona amata in una famiglia può essere così confuso che la gente eviterà di parlarne; il dolore silenzioso che segue lascia ai bambini il fardello inespresso di cercare di dare un senso a un mistero incomprensibile. Condividere i ricordi e le foto del genitore è utile quando i bambini cercano di fare una narrativa significativa. Questa non è una conversazione una tantum, ma l'inizio di un dialogo che continuerà per tutta la vita del bambino. Le transizioni della vita, come la laurea, il matrimonio o il parto, possono suggerire un ritorno alla domanda inquietante del motivo per cui qualcuno che hanno amato si è ucciso, e perché qualcuno che li amasse vorrebbe lasciarli. La nascita di mia figlia ha sollevato nuove domande per me.

La mia ricerca di conoscere mia madre mi ha portato a scoprire una donna vibrante, molto capace, appassionata e tormentata, data alla depressione, che senza dubbio ha amato i suoi figli. La ricerca divenne una testimonianza dell'amore che dura più a lungo della morte. Come sopravvissuti, la nostra autoconservazione onora coloro che sono morti mentre troviamo le parole per il nostro dolore e la nostra confusione. Ora capisco che le cose brutte accadono a tutti noi, e alla fine si tratta di come dare un senso al trauma e lavorarci sopra. Dobbiamo cercare di essere coraggiosi nel nostro viaggio e porre le domande difficili. Possiamo trovare la forza nella convinzione che siamo tutti amati e nessuno di noi è sacrificabile.

Solutions Collecting From Web of "Parlando ai bambini del suicidio"