Parla dei tuoi punti di forza! 8 motivi per cui dovresti (parte 2)

Nella prima parte, ho discusso di come, quando ci viene chiesto di discutere dei nostri punti di forza, è facile creare una barriera: una falsa umiltà. La gente poi razionalizza questo mettendo la colpa sulla loro cultura, l'ansia personale e una miriade di altri motivi.

Qui, nella seconda parte, è la mia argomentazione sul perché la non-evitamento dei propri punti di forza è importante:

  1. L'uso dei punti di forza del personaggio è collegato a molti benefici, tra cui maggiore benessere, coinvolgimento, significato di vita, successo e diminuzione della depressione, per citarne alcuni.
  2. I nostri cervelli sono cablati per il negativo: per scoprire cosa c'è che non va. In effetti, la ricerca ha scoperto che il male è più forte del bene. Ad esempio, cattive condizioni di salute, relazioni e genitorialità hanno effetti più forti su di noi di buona salute, relazioni e genitorialità, rispettivamente. Quindi, abbiamo un disperato bisogno di uso delle forze, discussioni sulle forze, esplorazione dei punti di forza e apprezzamento delle forze. Questi aiutano a controbilanciare il nostro cablaggio naturale verso il negativo.
  3. Il modo in cui condividi i tuoi punti di forza è fondamentale. Lo scopo di discutere i punti di forza non è vedere te stesso come migliore degli altri. Quando si condividono i punti di forza, o qualsiasi altra cosa, le esigenze della situazione sono importanti. Importa quello che dici, quando lo dici e come lo dici. È vero che è immodesto se il tuo approccio consiste nel presentare direttamente o indirettamente i tuoi punti di forza come migliori delle forze degli altri o che, a causa dei tuoi punti di forza, sei una persona migliore di altri. Tuttavia, non è immodesto nominare e condividere i tuoi punti di forza.
  4. Il processo di condivisione di cose buone su di te è vantaggioso. La ricerca ha scoperto che ci sono benefici positivi vissuti dalle persone quando condividono le cose buone che capitano loro – queste sono vissute dall'ascoltatore e dal relatore. Questo processo è chiamato "capitalizzazione", come in, capitalizza le tue esperienze positive e storie positive. Questa ricerca ha rilevato che i benefici sono sia intrapersonali (ad esempio, ti senti più felice) che interpersonale (ad esempio, migliora il tuo rapporto con l'altra persona). Inoltre, più ampia è la gamma di condivisione, maggiori sono i benefici che si verificano. L'aggiunta di punti di forza, un'area di condivisione spesso trascurata, è un modo logico per capitalizzare.
  5. Non privare gli altri di sapere chi sei. Quando non condividiamo i nostri punti di forza, le nostre buone qualità o le nostre esperienze positive, stiamo privando gli altri dell'apprendimento di noi. Invece, altri vedono una facciata. Vedono solo un pezzo della tua personalità ma non la visione completa. Questo può porre una limitazione alle relazioni.

    Ho un amico la cui massima forza è l'umiltà. Proprio come tutti noi abusiamo delle forze del nostro personaggio di volta in volta, lei esagera la sua umiltà. Il risultato è che le persone non hanno la possibilità di conoscerla. Tendo a non sapere molte sue realizzazioni ed esperienze positive (o finisco per scoprirle dagli altri) perché non le condivide prontamente. Quindi, mi sento come se non la conoscessi bene come gli altri miei amici.

  6. Prova questo esperimento: se ti allontani dal parlare dei tuoi punti di forza, esplora questa domanda: cosa stai trascurando o evitando non dicendo qualcosa? Come discusso nella Parte 1, il segno distintivo dell'ansia (e di molti altri problemi) è l'evitamento. È facile evitare le cose, specialmente quelle che sembrano scomode … o quelle cose che potrebbero essere difficili … o quelle cose che sono imprevedibili. Molte persone mi dicono che evitano di condividere i loro punti di forza perché hanno paura di ciò che gli altri penseranno di loro. Non vogliono essere criticati o ostracizzati.
  7. Rieducare la memoria e l'attenzione: quando condividiamo esperienze positive aumenta la nostra memoria per gli eventi positivi che aiutano a spiegare perché ci sono buoni benefici nella condivisione. Questo ha senso: condividi come hai utilizzato uno dei tuoi punti di forza oggi e stai scavando nella memoria positiva, pensando ai dettagli e rivivendo le emozioni positive che ne derivano. Stai provando il tuo ricordo dei punti di forza. Oppure, un altro modo di pensarci è che tu, come ha detto il ricercatore Tayyab Rashid, usi l'intervento positivo per rieducare la tua memoria e attenzione.
  8. Conosci te stesso: riguarda la consapevolezza di sé. Discutere ad alta voce dei punti di forza lo porta fuori dalle nostre teste, dove tendiamo a vivere la maggior parte dei nostri giorni e impariamo a conoscere noi stessi. Lo mette fuori là, rendendolo più reale. Se manteniamo le nostre osservazioni e le nostre buone qualità all'interno, perdiamo un'opportunità per approfondire la nostra consapevolezza di sé.

Quello che non sto dicendo:

Non sto sostenendo la condivisione egoistica che trascura l'altra persona.

Dobbiamo ascoltare ed empatizzare, di sicuro. Questi sono fondamentali per relazioni sane. Invece, sto cercando di eliminare qualsiasi scusa, timidezza o modi in cui potremmo ingannare noi stessi (ad esempio, credendo che non sia umile condividere) in modo da poter mettere il nostro piede in avanti e connetterci più profondamente con gli altri.

Non sto attaccando l'umiltà.

In effetti, al contrario. Gli scienziati dell'umiltà hanno scoperto che una vera umiltà non viene catturata degradando noi stessi, rimproverandoci, tenendoci zitti o sottomessi, piuttosto una vera umiltà implica avere una fiducia in se stessi e una forte autostima in cui possiamo facilmente dare la priorità e attirare l'attenzione verso gli altri. Una persona umile non fa affidamento sulla lode degli altri per sentirsi meglio. Per anni ho sottolineato l'importanza di questa forza di carattere e la condivisione dei nostri punti di forza da una prospettiva di profonda umiltà. Anche se i gruppi hanno occasionalmente riso quando ho sostenuto l'importanza dell'umiltà e la scoperta che è uno dei punti di forza meno comuni in tutto il mondo, ritengo che sia una forza di importanza critica e, come la chiama Everett Worthington, una virtù silenziosa .

Non sto dicendo di essere culturalmente insensibile o socialmente poco intelligente.

Invece, sto sostenendo che i nostri modi di comunicare con gli altri devono essere più equilibrati, e certamente ha bisogno di includere di più sui punti di forza.

Punti da asporto:

Si tratta di creare un approccio equilibrato nelle nostre relazioni. Se siamo semplicemente a condividere ciò che è sbagliato o ciò che è neutro, non stiamo rivelando l'intero quadro. E, se ci limitiamo a condividere solo il banale o il negativo, accettiamo la mediocrità e abbiamo meno probabilità di sforzarci di continuare a migliorare noi stessi e il nostro lavoro. L'idea è di condividere una vasta gamma di prospettive e sentimenti: il buono, il brutto, il brutto e il bello.

Riferimenti

Baumeister, RF, Bratslavsky, E., Finkenaeuer, C., e Vohs, KD (2001). Il male è più forte del bene. Revisione di Psicologia generale, 5 (4), 323-370.

Gable, SL, Reis, HT, Impett, EA, e Asher, ER (2004). Cosa fai quando le cose vanno bene? I benefici intrapersonali e interpersonali della condivisione di eventi positivi. Journal of Personality and Social Psychology, 87 (2), 228-245.

Linley, A. (2008). Da media ad A + : Realizzare punti di forza in te stesso e negli altri . Coventry, Regno Unito: CAPP Press.

McGrath, RE (in corso di stampa). Punti di forza dei personaggi in 75 nazioni: un aggiornamento. Journal of Positive Psychology.

Niemiec, RM (2014). Consapevolezza e forza del personaggio: una guida pratica alla crescita . Boston, MA: Hogrefe.

Peterson, C. & Seligman, eurodeputato (2004). Carattere forza e virtù: un manuale e una classificazione . New York, NY: Oxford University Press e Washington, DC: American Psychological Association.

Rashid, T. (2009). Interventi positivi nella pratica clinica. Journal of Clinical Psychology: In Session, 65 (5), 461-466.

Reis, H., Smith, S., Carmichael, C., Caprariello, P., Tsai, F., Rodrigues, A., & Maniaci, MR (2010). Sei felice per me? Come condividere eventi positivi con gli altri offre benefici personali e interpersonali. Journal of Personality and Social Psychology, 99 (2), 311-329.

Tangney, JP (2000). Umiltà: prospettive teoriche, risultati empirici e indicazioni per la ricerca futura. Journal of Social & Clinical Psychology, 19 , 70-82.

Tangney, JP (2002). Umiltà. In CR Snyder e SL Lopez (a cura di), Manuale di psicologia positiva (pp. 411-419). New York, NY: Oxford University Press.

Worthington, EL (2007). Umiltà: la virtù silenziosa . Philadelphia, PA: Templeton Foundation Press.


risorse

VIA Institute (organizzazione senza scopo di lucro)

Classificazione VIA (il sistema di punti di forza e virtù)

VIA Survey (il test validato per la ricerca)

Risorse di VIA per i professionisti

Solutions Collecting From Web of "Parla dei tuoi punti di forza! 8 motivi per cui dovresti (parte 2)"