Parenting: Frustrazione nei bambini: Aarrgghh !!

La frustrazione può essere l'ostacolo più significativo dei tuoi figli al raggiungimento dei loro obiettivi. Abbiamo tutti sperimentato la sensazione di frustrazione quando non siamo in grado di fare qualcosa mentre perseguiamo i nostri obiettivi; ci sentiamo bloccati, diventiamo tesi e abbiamo difficoltà a focalizzarci. Il modo migliore in cui posso descrivere la sensazione è: AAARRGGHH !! È una sensazione davvero irritante, ancor più per i bambini perché sono meno equipaggiati per affrontare la frustrazione in modo costruttivo.

Ma cos'è esattamente la frustrazione e cosa la causa? In poche parole, la frustrazione si verifica quando il percorso verso un obiettivo viene bloccato. La maggior parte delle persone pensa alla frustrazione come a una brutta emozione, ma in realtà è più complessa di così. Il fatto è che la frustrazione è intrisa di noi e ha un enorme valore adattativo. La frustrazione inizia come una buona emozione perché quando siamo frustrati, siamo motivati ​​a rimuovere l'ostacolo che sta bloccando il nostro percorso verso i nostri obiettivi. Ci impegniamo di più e questo sforzo in più spesso si risolve nel chiarire quel percorso che ci consente di continuare a perseguire i nostri obiettivi.

Catena emozionale negativa

Sfortunatamente, se, nonostante i nostri migliori sforzi, non possiamo superare quei posti di blocco, la frustrazione può diventare un'emozione distruttiva. Infatti, se la frustrazione non viene affrontata in modo efficace e rapido, può innescare quella che posso la "catena emotiva negativa" in cui la frustrazione porta a una discesa in una serie di emozioni veramente malsane.

Se la frustrazione non viene affrontata in modo produttivo, può trasformarsi in rabbia. La maggior parte delle persone crede anche che la rabbia sia una brutta emozione, ma, come la frustrazione, ha anche lati positivi e negativi. La rabbia inizia come utile perché anche è motivante. Quando i bambini sono arrabbiati, vogliono andare dietro alla cosa che sta causando la loro rabbia. Sfortunatamente, per la maggior parte delle attività in cui i tuoi bambini sono coinvolti, ad esempio, nella scuola, nei giochi, nello sport o nelle arti dello spettacolo, la rabbia diventa rapidamente un'emozione dannosa. I sentimenti di rabbia sono come quelli della frustrazione, ma con il volume alzato considerevolmente. I corpi dei bambini diventano tesi quindi, se sono coinvolti in un'attività fisica, perdono la coordinazione e la qualità dei loro sforzi diminuisce. La loro concentrazione si restringe così tanto che gli mancano gli spunti importanti necessari per dare il meglio. E il pensiero dei bambini diventa offuscato dalla rabbia, quindi non sono in grado di pensare in modo chiaro o prendere decisioni giuste.

Se i tuoi figli non sono in grado di eliminare gli ostacoli dal loro percorso a questo punto, le loro emozioni passano allo stadio finale della catena emotiva negativa; sperimentano la disperazione. Hanno provato, provato e provato e ancora non riescono a rimuovere le barriere, quindi la cosa naturale da fare è smettere. Qual è il punto di continuare a provare se non funziona niente? Lo sfortunato risultato della conclusione della catena emozionale negativa è l'incapacità immediata di raggiungere i propri obiettivi.

È stata la mia esperienza che se i bambini passavano dalla frustrazione alla rabbia, gli sforzi continui di quel giorno falliscono di solito. E se i bambini sperimentano la catena emotiva negativa su base regolare – sprofondando ripetutamente nella disperazione – probabilmente perderanno la loro motivazione e non saranno disposti a fare uno sforzo prolungato nel futuro. Con ogni discesa lungo la catena emotiva negativa, i bambini arrivano a credere che le loro azioni abbiano scarso effetto e perdano progressivamente la fiducia nella loro capacità di raggiungere i loro obiettivi.

Il tuo ruolo

Il modo in cui i tuoi figli affrontano la frustrazione è influenzato dal modo in cui reagisci. Se modellate una risposta malsana alla frustrazione che sperimentate nella vostra vita, per esempio, con impazienza o rabbia, potrebbero apprendere che questo è un modo appropriato per affrontare la frustrazione. Se sei calmo, positivo e cerchi soluzioni quando ti senti frustrato, probabilmente i tuoi figli adottano questo approccio alla frustrazione.
Il modo in cui rispondi alla frustrazione dei tuoi figli influenzerà anche il modo in cui imparano a gestire la loro frustrazione. Se diventi impaziente e arrabbiato con loro, la loro frustrazione potrebbe intensificarsi e trasformarsi più rapidamente in rabbia e disperazione, impedendo ulteriormente ai tuoi figli di risolvere la fonte della loro frustrazione. Se rispondi alla frustrazione dei tuoi figli chiedendo loro con voce rassicurante ciò di cui sono frustrati e discuti su come vuoi aiutarli ad affrontarli, allora probabilmente si calmeranno e seguiranno la tua guida nella ricerca di una soluzione alla loro frustrazione.

Insegnare la frustrazione padronanza

Nonostante il ruolo fondamentale che la frustrazione gioca nei loro sforzi per essere al meglio, raramente i bambini mostrano come affrontare la loro frustrazione in modo costruttivo. Il tuo obiettivo come genitori è insegnare ai tuoi figli a fermare la catena emotiva negativa alla frustrazione, rispondendo positivamente alla frustrazione quando si presenta per la prima volta.

Il primo errore che molti bambini fanno – e che i genitori spesso incoraggiano – di fronte alla frustrazione è semplicemente aumentare il loro sforzo, in altre parole, fare qualunque cosa stia facendo sempre più difficile. Ma poi stanno violando la Legge della follia: fare la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi.

Quando sorge prima la frustrazione, piuttosto che andare avanti, i tuoi figli dovrebbero fare esattamente l'opposto, in altre parole, fare un passo indietro dalla situazione che causa la frustrazione. Ad esempio, se tuo figlio non può risolvere un problema di matematica o imparare una nuova abilità sportiva che sta praticando, dovrebbe metterlo da parte e fare una pausa. Fermare l'attività crea una distanza emotiva dalla frustrazione, facilitando così la presa su di loro.

Successivamente, i tuoi bambini dovrebbero fare qualcosa che sia divertente e rilassante durante la pausa, ad esempio, fare uno spuntino (la fame è una causa significativa di frustrazione, in particolare tra i bambini piccoli), ascoltare musica o fare attività fisica. Questo passaggio riduce i sintomi fisici spiacevoli che derivano dalla frustrazione e genera emozioni, come la felicità o l'eccitazione, che possono contrastare i sentimenti di frustrazione. Un modo efficace per contrastare i sentimenti di frustrazione quando si sono ritirati dall'attività è fare in modo che i bambini facciano qualcosa in cui possano avere successo, alimentando così i loro sentimenti di fiducia e generando emozioni positive come l'orgoglio e l'ispirazione.

Una volta che la catena emozionale negativa è stata interrotta, i tuoi figli dovrebbero tornare all'attività concentrandosi sulla ricerca di una soluzione che allevia la frustrazione. Questo processo inizia con la comprensione del problema. Se sanno qual è il problema specifico, hanno maggiori possibilità di trovare una soluzione. Sebbene tu voglia dare ai tuoi figli molte opportunità per identificare il problema e trovare da soli la soluzione, ti incoraggio ad impegnarti in "coaching emotivo" quando necessario fornendo indicazioni e indicazioni per aiutarli a trovare le risposte di cui hanno bisogno. Ecco un suggerimento utile: a volte è utile suddividere il problema più grande in problemi più piccoli e più gestibili.

La realtà è che i bambini non possono sempre eliminare immediatamente gli ostacoli ai loro obiettivi, quindi gli sforzi continui nel perseguimento di tali obiettivi sarebbero inutili. Le barriere potrebbero essere semplicemente troppo grandi per superare quel giorno. I tuoi figli hanno due opzioni qui. In primo luogo, possono cambiare i loro obiettivi con quelli che possono essere raggiunti a breve termine. Ad esempio, supponiamo che il tuo figlio che gioca a tennis si stia frustrando perché sta perdendo una partita e nulla che possa fare cambierà la partita. In questo caso, continuare a perseguire l'obiettivo di vincere probabilmente lo porterà rapidamente lungo la catena emotiva negativa. Ma se sposta i suoi obiettivi, ad esempio, migliorando una parte tecnica o tattica del suo gioco, può comunque sperimentare un certo successo e ottenere qualcosa fuori dalla partita.

Secondo, ci saranno giorni in cui i tuoi figli non faranno alcun progresso verso i loro obiettivi e continuare a provare senza successo li scoraggerà e in effetti danneggerà i loro sforzi a lungo termine. In questo caso, potrebbe essere saggio deliberatamente "arrendersi" e scegliere di combattere un altro giorno.

Solutions Collecting From Web of "Parenting: Frustrazione nei bambini: Aarrgghh !!"