Parenting con bisogni speciali e Lowerarchy: parte seconda

Un aforisma: se sei inseguito da un orso, non devi correre più veloce dell'orso. Devi solo correre più veloce del corridore più lento.

Grizzly Bear/Gregory "Slobirdr" Smith/CC BY-SA 2.0
Fonte: Grizzly Bear / Gregory "Slobirdr" Smith / CC BY-SA 2.0

Il parallelo tra sorpassare un orso e calmarci con la bassa gerarchia di bisogni speciali può sembrare debole, ma in qualche modo il nostro cervello, attraverso una logica interna distorta, fa ragione che i nostri figli non saranno "mangiati" finché qualche altro bambino sarà più lento. Come ha commentato un contributore, possiamo pensare, "se qualcuno è più in basso sulla scala, beh, allora, mio ​​figlio ce la farà." La logica funziona con un orso. Sfortunatamente, non tanto per la sopravvivenza sociale.

Ho riflettuto sulla domanda che ho posto la settimana scorsa sul perché la nostra compassione fluisce inequivocabilmente mentre la nostra empatia no. Ci sentiamo per gli altri genitori, ma ci prendiamo anche la soddisfazione di minimizzare i nostri problemi accanto al loro o di aumentare le nostre sfide in opposizione al loro. Di nuovo torno alla rassicurazione che la lowerarchy fornisce. Molti dei commentatori che hanno risposto privatamente al post precedente hanno riferito che la loro emozione primaria nei confronti del figlio è la paura per il futuro: cosa riserva il futuro ai nostri bambini in età scolare? Cosa significa per noi come operatori sanitari? Cosa succede quando moriamo? Cosa succede quando i nostri figli cercano di gestire lavori, case e relazioni? Se qualcun altro sta affrontando, e sopravvivendo, sfide più difficili delle nostre, allora sicuramente le nostre sfide sono gestibili. Non abbiamo bisogno di sentirci così spaventati se possiamo credere che qualcun altro debba essere ancora più spaventato.

Ma penso anche che la nostra vigilanza contro l'empatia abbia uno scopo interessante per l'autoconservazione. Una delle mie espressioni preferite di compassione da conoscenti ben intenzionati è, "Non so come lo fai." Probabilmente scriverò un post sul blog sull'impatto alienante di quella linea un giorno, ma per ora vorrei mi piace concentrarmi sulla mia risposta silenziosa. Principalmente non penso a come lo faccio. La maggior parte dei giorni mi dimentico di dispiacermi per me stesso e per mio figlio. Quasi tutti i giorni reprimo la paura e la stanchezza, perché "è così che lo faccio".

Se mi permetto di essere pienamente empatico nell'esperienza di un altro genitore, specialmente se quel genitore sta lottando, affronto due potenziali pericoli. Tornando al tema del post della settimana scorsa, perdo la sicurezza irrazionale, basata su schadenfreude, che mio figlio andrà bene perché non è così male come. . . quel ragazzo. Inoltre, però, l'empatia mi porterebbe a sentire la paura e la fatica che sente l'altro genitore. Nei giorni in cui mi sento forte e competente non posso permettermi di rischiare di cadere in quel posto. Non posso permettermi di essere trascinato nei giorni in cui sto calpestando con successo l'acqua. Ognuno di noi ha giorni forti, ottimisti o accettanti, e ognuno di noi ha giorni di disperazione in lacrime. Da una distanza di sicurezza possiamo sostenerci a vicenda, ma penso che qualche voce dentro ci protegga dall'empatia totale. Potrebbe essere pericoloso aprirci così pienamente. Da quella prospettiva, il mantenimento dei confini non sembra così sinistro. I confini possono essere artificiali, ma sono comunque necessari per la mia resistenza.

Barb Cohen
Fonte: Barb Cohen

La Lowerarchy, tuttavia, è più di un confine; è un edificio che alterna conforto e disperazione, sempre a spese delle altre persone e dei loro figli. Naturalmente la classifica delle persone non è riservata esclusivamente ai bambini con bisogni speciali. La maggior parte di noi ha vissuto le classifiche scolastiche a scuola e la maggior parte di noi ha fatto domanda per lavori in cui i candidati sono stati classificati. Le squadre sportive tagliano i giocatori e gli elenchi di inviti a nozze danno priorità ad alcuni conoscenti rispetto ad altri. Riguardo ai bisogni speciali, penso che siamo ingenui quando neghiamo l'esistenza della disabilità o i vari gradi di sfida. La mia domanda non è, "Come possiamo smettere di fare paragoni?" La mia domanda è: "Come possiamo smettere di usare i nostri confronti come base per la nostra valutazione di sé e dei bambini?"

Solutions Collecting From Web of "Parenting con bisogni speciali e Lowerarchy: parte seconda"