Papa Francesco e persone con disturbi mentali

Papa Francesco e persone con disturbi mentali

Lloyd I. Sederer, MD

Due settimane dopo essere stato eletto papa, il giovedì santo, Francis si inginocchiò in ginocchio e lavò e baciò i piedi di 12 delinquenti giovanili detenuti, due musulmani e due donne. Questa è stata un'altra straordinaria partenza per "Personaggio dell'Anno" da Time Magazine, poiché la convenzione papale è stata una rievocazione di ciò che Gesù ha fatto con gli apostoli, ma con 12 sacerdoti in una cerimonia tenuta a San Pietro o in un'altra grande chiesa romana. Quando uno dei giovani chiese perché, papa Francesco rispose: "Le cose dal cuore non hanno una spiegazione".

Questo era anche l'uomo, un erudito gesuita, che a 76 anni rispose a una domanda sui preti gay con cinque parole che oscillavano il mondo: "Chi sono io per giudicare?" Questo fu l'uomo che balzò nel suo Papato allontanandosi dal La lunga disapprovazione della Chiesa di essere gay offrendo, in effetti, il messaggio del Vangelo "Colui che è senza peccato tra di voi, sia il primo a gettare un sasso …" (Giovanni 8: 7). Papa Francesco ha aperto le sue braccia e quella della Chiesa cattolica alle persone indipendentemente dalla loro fede, sesso, preferenze sessuali o comportamenti passati. Quest'uomo, questo nuovo Papa, ha dato il benvenuto a tutti; era inesorabilmente positivo e paragonò la Chiesa ad un ospedale da campo durante la guerra, che di fronte a "una persona seriamente ferita … devi guarire le sue ferite".

Il messaggio del Papa, che prendo come ebreo, è non settario. Come psichiatra, penso che il suo messaggio sia in sintonia con quello che sta diventando l'etica prevalente della buona cura della salute mentale – una convinzione che tutti hanno promesso, in grado di recuperare e ricostruire dalle disgrazie della vita, e dovrebbe essere in grado di avere ciò che tutti noi desideriamo, cioè il il calore delle relazioni, la sicurezza della casa, l'esperienza della comunità e la dignità di poter contribuire alla società.

Lo stigma contro le persone con disturbi mentali è stato ancora più lungo rispetto alla Chiesa cattolica. La colpa di essere malati o di comportarsi in modo strano ha accompagnato questo stigma. Come giovane medico mi è stato insegnato a prevedere ai giovani con una grave malattia mentale (e alle loro famiglie), come la schizofrenia, il disturbo bipolare o le condizioni post-traumatiche, che non avrebbero mai potuto raggiungere relazioni durature o successo in una carriera. Era un messaggio a quelli malati che dovevano rassegnarsi a una vita desolante e ad un destino che non poteva essere neutralizzato. Era, inoltre, una presa di posizione clinica che, ironia della sorte, impediva ai medici di fornire ciò che potrebbe essere più importante di ogni altra cosa, promuovendo la speranza e aiutando a guarire le ferite della malattia.

Il messaggio di Francesco è chiaro: come persone e istituzioni dobbiamo essere accoglienti (non giudicare); non rimandare al dogma di autorità potenti e gerarchiche ("Eccessiva centralizzazione … complica", ha detto); servire i bisognosi (i feriti); e pratica ciò che predichiamo. Questa è sempre più la lezione che sta prendendo piede anche nel mio campo, dove si sta diffondendo un potente concetto di recupero . Recupero significa sostenere speranza, inclusione, trovare punti di forza, costruire resilienza e valutare, soprattutto, i bisogni e i desideri del paziente in primo luogo e non la convenienza dei professionisti o delle organizzazioni, né i mandati di insegnamenti ricevuti o teorie saccheggiate. Il recupero non nega la malattia; neanche questo sarebbe stato d'aiuto. Il recupero riguarda la realizzazione di una vita nonostante i limiti, che sembra avere un'applicazione molto maggiore rispetto a quelli con disturbi mentali e che creano dipendenza.

Poche persone hanno il privilegio straordinario e la responsabilità di occupare il palcoscenico del mondo. Il nuovo Papa ha ribadito l'attenzione non solo di 1,2 miliardi di cattolici, a livello globale. Sta parlando a tutti noi. Ha attirato la nostra attenzione. La leadership che esercita nel suo Papato non osa perdere un'occasione così rara e importante. L'accoglienza che riceve, non solo da parte dei cattolici, parla di quanto il suo messaggio sia quello che stavamo aspettando di sentire.

…………………………………………………………………………………………………………………………………… ………… ..

Il nuovo libro del Dr. Sederer per famiglie con un disturbo mentale è The Family Guide to Mental Health Care (Prefazione di Glenn Close).

www.askdrlloyd.com

Le opinioni espresse qui sono esclusivamente mie. Non ricevo alcun supporto da società farmaceutiche o di dispositivi.

Copyright Dr. Lloyd Sederer

Solutions Collecting From Web of "Papa Francesco e persone con disturbi mentali"