Pace te stesso, mamma!

Tra meno di due giorni, avrò finalmente la possibilità di fare qualcosa che ho voluto fare per diversi anni: partecipare a un triathlon olimpico di distanza con una nuotata in acque libere nel fiume Hudson. Durante l'allenamento, man mano che ho acquisito forza e sicurezza, è emerso un tema in tutte le corse mattutine, le esercitazioni di nuoto e gli sprint di tapis roulant: l'importanza del ritmo.

È venuto fuori un sacco di volte nelle ultime due settimane. Ho avuto la fortuna di iscrivermi a una clinica di abilità per il triathlon qualche mese fa in un centro locale. Per il gran finale del corso, gli insegnanti hanno cercato di simulare ciò che avremmo sperimentato il giorno della gara. Quindi circa 40 di noi hanno tirato le nostre mute (un compito che ha richiesto a due allenatori di sesso maschile di salire su ogni gamba della tuta per poter avere la cosa del dang) e sono saltato in una piscina gigante tutto in una volta per nuotare per 20 minuti in un ovale gigante formazione. La sensazione di urtare le braccia e le gambe nell'acqua increspata ha decisamente spinto i miei confini dello spazio personale. Ho perso il fiato per qualche istante quando la mia adrenalina è aumentata. Non ero sicuro che mi piacesse questa esperienza. E poi, ho fatto quello che uno degli allenatori ci aveva sempre detto. Ho espirato E poi l'ho fatto di nuovo e ho rallentato. Ben presto, stavo nuotando tra le boe con la folla e mi prendevo il tempo giusto. Quando è suonato il fischio, siamo stati convocati di lato per una rapida critica. Un altro allenatore ci ha chiesto se pensavamo di poter mantenere lo stesso ritmo per un intero miglio in acque libere? Ho alzato la mano insieme a tutti gli altri, annuendo sì. Ha scosso la testa e ci ha detto, non una possibilità . Ha spiegato che la sfida più grande nel giorno della gara non sarebbe stata la corsa. Sarebbe ritmo. Ha detto che dovevamo prenderlo ancora più lentamente.

Non ho potuto fare a meno di pensare che questo è il tipo di approccio che ho bisogno di ricordare in quei giorni in cui ho sovraffollato i ragazzi per troppe attività, bloccato la mia mattinata con troppi impegni di lavoro o mi sono trovato sotto la pistola con le scadenze per moduli scolastici, acquisto di regali di compleanno o pagamento di fatture. A quanto pare, non molto tempo fa, ho avuto l'opportunità di parlare con la dottoressa Kate F. Hays, una psicologa clinica con sede a Toronto specializzata in psicologia dello sport e della performance nella sua pratica, The Performing Edge . Abbiamo discusso che, proprio come gli sforzi atletici, anche nella maternità, ci sono molte situazioni diverse che possono aumentare l'adrenalina e l'ansia.

Da un lato, proprio come un corridore all'inizio della gara, hai bisogno di intensità per affrontare situazioni difficili che richiedono concentrazione mentale e resistenza fisica. Nella vita di una mamma, quella potrebbe essere la tua giornata di guida in tre ore di sonno o di far fronte a un bimbo ostinato in un ristorante affollato, ecc. Eppure, ci sono altre volte in cui rallentare te stesso è essenziale. Ci sono momenti in cui gli atleti … e le mamme possono diventare troppo amplificati per esibirsi al loro meglio, come quando la tua mente corre quando il bambino non smetterà di piangere.

"Il bambino sta piangendo e il tuo cuore inizia a battere e tu inizi a pensare, 'Non so perché piange,' e poi il tuo cuore inizia a battere più forte e poi inizi a sentire, 'Sono davvero incompetente.' Inizi a pensare: "Ho messo il pannolino giusto?" L'intera cosa può andare fuori controllo a meno che non intervenga, "mi ha detto Hays.

Dice che gli atleti e gli artisti che interpreta lavorano con il passare del tempo in qualcosa chiamato gestione dell'eccitazione e che le mamme possono trarre beneficio dalle stesse tecniche per essere eccitati o rilassarsi.

Solo il semplice atto di prendere un respiro può fare miracoli.

"Controllare la respirazione non solo stabilizza la frequenza cardiaca, ma fa anche una grande quantità di bene per la tua pazienza", spiega Delaine Mathieu, mamma di due ragazze e una ex ginnasta competitiva che ora corre e bici per tenersi in forma.

"Quando sono in bicicletta e sono nella zona 4, devo riprendere fiato per tornare giù. Lo stesso vale per il controllo della mia pazienza e pazienza con le mie ragazze. Quando voglio urlare, chiudo gli occhi e soffro! In pochi secondi, va tutto bene !, "dice.

Sentire il controllo del mio ritmo e il mio respiro, come una mamma e come un triatleta novizio è essenziale. Anche se, non è sempre facile da fare. Come qualsiasi altra cosa, ci vuole pratica. Questo mi è stato rafforzato lo scorso fine settimana quando finalmente sono riuscito a fare una nuotata nella Hudson.

La mia ondata di nuoto è stata l'ultima ad entrare. L'acqua era piuttosto calma quando abbiamo iniziato. Ma c'erano molte persone intorno a me. Ho provato a rimanere indietro e fuori dalle mani e dai piedi volanti. La mia respirazione si è un po 'superficiale nei primi momenti dopo il segnale di go. Per qualche ragione, continuavo a rivedere "Take the money and run" di Steve Miller Band nella mia testa e mantenevo il ritmo con i miei colpi. Ogni quattro colpi, ho preso un respiro. Ogni 10-20 circa, alzai la testa per assicurarmi che stavo andando nella giusta direzione. A circa metà strada, alzai lo sguardo per vedere se tenevo il passo con i cappucci da nuoto verdi che erano stati nel mio gruppo. Tutto quello che ho visto erano quelli rosa – il gruppo davanti a noi! Mi sono rallentato di nuovo ma ho cercato di mantenere un tempo prestabilito. Alla fine, ce l'ho fatta e mi sono sentito benissimo, nonostante uno scontro con una medusa a circa 50 metri dal traguardo.

Quello che ho imparato è che rallentare e sintonizzarsi sul mio ritmo non solo mi ha reso più forte, ma in realtà più efficiente (e quindi più veloce). E forse, cosa più importante, ha reso la nuotata molto più piacevole. In realtà ho assaporato l'esperienza, anche le parti che non erano così divertenti (le braccia agitate, l'ansia e, naturalmente, la medusa). Quante volte nella maternità cerchiamo semplicemente di attraversare il giorno e cancellare tutte le cose da fare nelle nostre liste di cose da fare?

Lo sport può insegnarci molto semplicemente godendoti la corsa. Cosa ne pensi?

Solutions Collecting From Web of "Pace te stesso, mamma!"