Pace e resistenza contemporanea: Cédric Herrou e noi

In un piccolo villaggio nel sud della Francia, nel 2017, vive un coraggioso collaboratore contemporaneo: Cédric Herrou [1]. È un contadino che ha aiutato i rifugiati africani lungo la via insidiosa verso l'Europa attraverso l'Italia e la Francia. Lo ha fatto apertamente, pubblicamente, in violazione della legge e nonostante molte critiche. È stato processato in tribunale e potrebbe essere incarcerato per questo, anche se non l'ha fatto, finora. Chi di noi avrebbe resistito alle convenzioni e alla legge per aiutare gli altri che hanno disperatamente bisogno di aiuto per sopravvivere? Quanti di noi hanno preso la via sicura e autoprotettiva e hanno consigliato anche agli altri di farlo? Ci sono modi in cui possiamo aumentare la probabilità che noi, o altri, saremo resistenti? Come possiamo insegnare l'obbedienza selettiva e la disobbedienza selettiva? Che cosa serve per disobbedire alla legge civile e rispettare i mandati morali, spirituali ed etici?

Quando guardiamo indietro nella storia e prendiamo in considerazione ben noti resistenti e soccorritori dell'Olocausto, come Schindler, li celebriamo e siamo sicuri che abbiano fatto la scelta giusta. [2] Ma al momento stavano facendo quelle scelte, non sono stati celebrati; lo stavano facendo in segreto, o venivano criticati duramente. Stavano disobbedendo alla legge e sfidando i loro governi. Stavano facendo quello che hanno fatto a grave rischio. Se dovessimo fare la scelta giusta oggi, dovremmo affrontare gli stessi rischi. Potremmo essere incarcerati. Potremmo perdere il nostro lavoro e stare in piedi. Potremmo perdere il rispetto professionale. Potremmo essere citati in giudizio. Potremmo essere uccisi. Cosa serve per disobbedire?

Ogni studente e professore di psicologia conosce gli studi di Milgram sull'obbedienza e successive repliche parziali di quegli studi, in parte perché l'etica della ricerca contemporanea non permetterebbe ai ricercatori di mettere i partecipanti attraverso quella che si è rivelata un'esperienza emozionante. La maggior parte dei partecipanti alla maggior parte di questi studi obbedisce alla persona che vedono come un'autorità, anche quando significa applicare ciò che sono portati a credere siano dolorosi e – nei primi studi – quello che credevano fossero shock mortali per uno sconosciuto.

La maggior parte, ma non tutti. Quali sono le qualità comuni a quei pochi partecipanti che disobbediscono? Alcuni studi recenti di Burger [3] rispondono a questa domanda. Coloro che resistono agli studi di obbedienza non sono più compassionevoli o empatici di quelli che continuano a scandalizzarsi. Questo non è il tema comune. Il tema comune è che credono di essere personalmente responsabili delle proprie azioni. In altre parole, non attribuiscono responsabilità agli altri. Si assumono la responsabilità. Questo risultato è coerente con una scoperta riportata da Kelman e Hamilton nel loro classico testo On Obedience. [4]

Allo stesso tempo, sappiamo da un principio ben supportato della psicologia sociale, che una persona che rompe con la convenzione probabilmente porterà anche altri a farlo. E più chi lo fa è più probabile che altri si uniscano.

Onorare i Resisters, diventare Resisters

A Oslo, c'è un museo dedicato ai molti resistenti della Norvegia durante la seconda guerra mondiale. [5] La maggior parte dei loro nomi non sarà mai conosciuta. La maggior parte di loro è morta senza che nessuno li ringrazia o dà loro gloria. Senza il loro coraggio, se tutti avessero preso la strada sicura e non ci fossero stati resistenti al regime nazista, potremmo già vivere in una società tirannica e autoritaria.

Oggi affrontiamo una sfida molto simile. Se non resistiamo alle forze anti-umanitarie, a favore della guerra, xenofobe e di supremazia bianca che dilagano nella società americana e nella sua leadership nel 2017, molto probabilmente le generazioni future saranno considerate come complice nell'istituzione di regole autoritarie e tiranniche e di genocidio . Silenziosamente in attesa non sarà visto, dalle generazioni future, come sufficiente o accettabile.

Possiamo insegnarci ad assumerci la responsabilità del nostro comportamento? Mentori anche gli altri a farlo? Come possiamo noi e gli altri essere pronti a resistere e disobbedire quando vengono dati ordini non etici? Se avessimo svolto un lavoro migliore nell'insegnare agli studenti di psicologia di assumersi la responsabilità e non obbedire agli ordini non etici, gli psicologi avrebbero potuto porre fine alla tortura a Guantanamo e nei siti di scatole nere durante l'era Bush. Se avessero rifiutato pubblicamente e apertamente, le loro azioni avrebbero potuto ispirare gli altri. Se insegniamo agli attuali studenti di psicologia a disobbedire, potremmo avere un trattamento più umano di quelli con malattie mentali che sono attualmente detenuti negli ospedali e nelle prigioni. Potremmo avere un sistema di incarcerazione che si concentra sulla riabilitazione piuttosto che sulla punizione. E potremmo avere una possibilità di prevenire l'autoritarismo negli Stati Uniti.

Alcuni di noi nella divisione 48 stanno iniziando il processo di educare noi stessi e gli altri ad essere resistenti. Un primo passo è quello di allenarci ad essere attivi quando assistiamo alle molestie altrui. La formazione si chiama "Active Bystander Training". Due psicologi, Luisa Saffioti e David Sacks, guideranno un Active Bystander Training all'APA nella Diviison 48 Hospitality Suite del Marriott Marquis di Washington DC. L'allenamento avverrà mercoledì sera, 2 agosto, dalle 19.00 alle 22.00. Ci sono alcuni posti disponibili. È gratuito e aperto a tutti coloro che parteciperanno agli eventi APA o Division 48. È possibile registrarsi all'indirizzo http://peacepsychology.org/bystander-registration

Nei blog futuri scriverò di più sulla resistenza nonviolenta, sulla disobbedienza e sul coraggio.

Rimanete sintonizzati!

Solutions Collecting From Web of "Pace e resistenza contemporanea: Cédric Herrou e noi"