Pablo Picasso dipinge i falsi? – Un Koan sulla creatività.

Durante il fine settimana, stavo leggendo il libro di Arthur Koestler, The Act of Creation, e sono rimasto colpito dalla qualità koan della seguente storia, che secondo Koestler è vero:

Un mercante d'arte (questa storia è autentica) ha acquistato una tela firmata "Picasso" e ha viaggiato fino a Cannes per scoprire se fosse autentica. Picasso stava lavorando nel suo studio. lanciò una sola occhiata alla tela e disse: "È un falso."

Pochi mesi dopo il rivenditore acquistò un'altra tela firmata Picasso. Di nuovo si recò a Cannes e ancora Picasso, dopo una sola occhiata, grugnì: "È un falso."

"Ma cher maitre ", ha esortato il rivenditore, "è successo così che ti ho visto con i miei occhi a lavorare su questa immagine diversi anni fa".

Picasso fece spallucce: "Spesso dipingo i falsi".

Conosco bene questo sentimento – la sensazione spiacevole che anche se un particolare pezzo del mio lavoro è originale, tuttavia si sente ripetitivo, imitativo, una variazione superficiale su un tema. E anche in altre situazioni, a volte mi sento come se stessi ripetendo qualcosa che ha funzionato nel passato, senza re-immaginarlo o dargli un nuovo spirito. Sempre un segnale di avvertimento per spingermi più forte, per rompere il familiare con qualcosa di nuovo.

Conosci questa sensazione – la sensazione di dipingere il tuo falso?

* Mi piace visitare il blog di Communicatrix.

* Se desideri iscriverti alla mia newsletter mensile gratuita , che mette in risalto il materiale migliore del mese da questo blog e dalla pagina Facebook, iscriviti qui o inviami un'email a grubin su gretchenrubin dot com (scrivi solo "newsletter" in la riga dell'oggetto). Circa 49000 persone lo capiscono.

Solutions Collecting From Web of "Pablo Picasso dipinge i falsi? – Un Koan sulla creatività."