Overprescribing Drugs per trattare problemi di salute mentale

Abbiamo sentito così tanto in questi giorni su come le psicoterapie possono aiutare le persone con problemi di salute mentale. Ma le cifre più recenti tendono a suggerire che ben il 57% delle persone con problemi di salute mentale viene trattato esclusivamente con farmaci senza alcuna forma di psicoterapia. E questa cifra non sta diminuendo – sta salendo! – dal 44% al 57% tra il 1998 e il 2007. Inoltre l'uso pediatrico degli SSRI è aumentato significativamente tra il 1994 e il 2000, in gran parte per trattare l'ansia e la depressione infantile, e ha spesso si è verificato senza l'approvazione regolamentare.

Quindi il trattamento farmacologico da solo è un modo efficace per trattare i problemi di salute mentale? A dire il vero, ci sono almeno alcune persone che beneficiano di alcuni trattamenti farmacologici, specialmente se soffrono di problemi di salute mentale acuti che potrebbero riprendersi da relativamente rapidamente.

Tuttavia, ci sono numerosi buoni motivi per cui le droghe da sole non dovrebbero essere il trattamento riflessivo di scelta per molti problemi di salute mentale, e ho elencato alcuni dei seguenti motivi.

1. Nel caso di alcuni problemi di salute mentale, come la depressione, tra il 50-60% degli individui che assumono farmaci antidepressivi mostrano miglioramenti, ma in molti casi i trattamenti farmacologici sono associati ad un aumentato rischio di ricaduta successiva e un trattamento più efficace potrebbe essere quello di combinare il trattamento farmacologico con terapie psicologiche.

2. Trattare alcuni problemi comuni di salute mentale con i farmaci fin dall'inizio può effettivamente "medicalizzarli", trasformando quelli che potrebbero essere stati periodi acuti a breve termine in un problema cronico a più lungo termine. Ad esempio, quasi tutti conoscono qualcuno che è stato in antidepressivi per la maggior parte della loro vita. Buoni affari per l'industria farmaceutica, ma questi farmaci hanno un effetto significativo sui sintomi a lungo termine?

3. Prescrivere i farmaci all'inizio di un problema di salute mentale perpetua un modello medico di salute mentale che può portare molti pazienti a credere che il loro recupero sia fuori dalle loro mani e nelle mani di esperti medici. Questo è come etichettare un problema di salute mentale come una "malattia", e questo può avere effetti negativi molto significativi sulla capacità di auto-regolazione e auto-aiuto dei malati. Ad esempio, gli studi dimostrano che i recenti tentativi di etichettare l'obesità come una "malattia" ha in realtà un significativo effetto negativo sull'autoregolazione dei sintomi dell'obesità.

4. Sfortunatamente, la maggior parte dei criteri diagnostici attuali per i problemi di salute mentale sono categoriali piuttosto che dimensionali. Cioè, i criteri indicano che ti verrà diagnosticata una malattia mentale o non lo farai (l'approccio categoriale). Al contrario, l'approccio dimensionale suggerisce che i sintomi della salute mentale sono in una dimensione da lievi a gravi. L'attuale modello categoriale è perfetto per concepire i problemi di salute mentale come "malattie" che hanno un punto diagnostico di "cut-off", e questa concezione porta con sé tutti i problemi descritti al punto 3. Inoltre, è anche uno scenario perfetto in cui le aziende farmaceutiche possono promuovere l'uso di farmaci per trattare i problemi di salute mentale come "categorie di malattie".

5. Le compagnie farmaceutiche hanno bisogno di vendere farmaci per sopravvivere, quindi avranno un incentivo a inventare nuovi disordini per generare un mercato per nuovi farmaci. Molto spesso questo può portare alla medicalizzazione di processi emotivi perfettamente normali, come il lutto. Un buon esempio del modo in cui i normali processi psicologici possono essere surrettiziamente medicalizzati e fatti apparire "anormali" per creare mercati è nell'esempio della menopausa femminile.

6. Uno degli aspetti negativi, ma importanti, di molti farmaci usati per trattare i problemi di salute mentale è che spesso hanno effetti collaterali significativi e angoscianti. Questi effetti collaterali possono essere fisici e comprendono affaticamento, visione offuscata, disturbi gastrici, mal di testa, vertigini, disfunzione sessuale, rischio di disturbi cardiaci e aumento di peso. In molti casi (come gli antipsicotici) questi effetti collaterali sono abbastanza significativi da far sì che il 50% di quelli che assumono farmaci smettono di assumerli. Ma a parte i sintomi medici, alcuni trattamenti farmacologici possono anche aumentare sintomi psicologici come ansia, ideazione suicidaria e persino aumentare i tentativi di suicidio (specialmente nei giovani adulti).

7. Numerosi studi hanno suggerito che potrebbe esserci un significativo bias di pubblicazione negli studi randomizzati controllati (RCT) riportati dalle aziende farmaceutiche. Ad esempio, gli studi RCT che valutano l'efficacia dei trattamenti farmacologici sono significativamente più propensi a riportare un effetto positivo se lo studio è stato finanziato dall'industria farmaceutica che se i fondi provenissero da fonti non industriali. Questo tende a suggerire che le case farmaceutiche potrebbero non pubblicare studi che dimostrano che i loro farmaci sono inefficaci! E questo pregiudizio è anche in grado di sovrastimare in modo significativo l'efficacia dei farmaci per problemi di salute mentale.

8. Mentre la prescrizione di farmaci per problemi di salute mentale può avere un effetto palliativo a breve termine, i farmaci non aiutano ovviamente le persone a cambiare il modo in cui pensano o modificano gli ambienti socioeconomici che potrebbero essere la causa principale dei loro problemi psicologici. Sappiamo che i modi di pensare negativi e prevenuti possono mantenere problemi di salute mentale comuni come ansia o depressione: questi importanti fattori devono essere affrontati con la psicoterapia, non con i farmaci. Aiutare un individuo con problemi di salute mentale a superare condizioni socioeconomiche difficili è difficile in qualsiasi tipo di approccio terapeutico, ma i team multidisciplinari di professionisti della salute mentale sono sempre più in grado di aiutare i clienti con una gamma più ampia di problemi psicologici e socioeconomici.

9. Purtroppo, molti di questi professionisti della salute (medici di base e medici di famiglia) al primo contatto con persone che soffrono di problemi di salute mentale sono scarsamente qualificati per identificare problemi psicologici nei loro pazienti e hanno poco tempo da dedicare a trattare con questi tipi di problemi. Ciò rende sempre più la prescrizione di farmaci un'opzione attraente per i medici il cui tempo-per-paziente è limitato – un risultato che avrà tutti i potenziali effetti negativi della medicalizzazione del problema in una "malattia".

10. Al momento non disponiamo di ricchissimi "conglomerati di psicoterapia multinazionale" per soddisfare il peso finanziario dell'industria farmaceutica, quindi quando si tratta di "vendere" trattamenti per problemi di salute mentale, i farmaci avranno sempre il vantaggio commerciale indipendentemente dal fatto che sono più o meno efficaci delle terapie psicologiche. Questo è un campo di gioco non uniforme che deve essere affrontato.

Questi sono solo alcuni dei motivi per cui dovremmo diffidare della crescente tendenza a trattare i problemi psicologici con i farmaci e, in molti casi, i farmaci senza accompagnamento e supporto psicologico. Ci sono certamente tentativi in ​​molti paesi di aumentare l'accesso alle terapie psicologiche per coloro che ne hanno bisogno, ma mentre la salute mentale è ancora vista principalmente come un problema medico nei sistemi sanitari che promuovono modelli medici, è probabile che poco cambi rapidamente.

Solutions Collecting From Web of "Overprescribing Drugs per trattare problemi di salute mentale"