overconfidence

La madre di tutti i pregiudizi.

L’eccesso di sicurezza è la madre di tutti i pregiudizi psicologici. Lo dico in due modi. Innanzitutto, l’eccessiva sicurezza è uno dei più grandi e più onnipresenti tra i molti pregiudizi a cui il giudizio umano è vulnerabile. Ad esempio, il 93% dei conducenti americani dichiara di essere migliore della mediana [1], che è statisticamente impossibile [2]. Un altro modo in cui le persone possono indicare la loro confidenza su qualcosa è fornire un intervallo di confidenza del 90% attorno a una stima; quando lo fanno, la verità spesso rientra nei loro intervalli di confidenza meno del 50% delle volte, [3] suggerendo che non meritavano di essere sicuri al 90% della loro accuratezza. Nel suo libro del 2011, Thinking Fast and Slow, Daniel Kahneman [4] ha definito eccessiva fiducia “il più significativo dei pregiudizi cognitivi”. Tra l’altro, l’eccessiva sicurezza è stata attribuita al naufragio del Titanic, all’incidente nucleare di Chernobyl, al perdita di Space Shuttle Challenger e Columbia, la crisi dei mutui subprime del 2008 e la grande recessione che ne è seguita, e la fuoriuscita di petrolio Deepwater Horizon nel Golfo del Messico. [5] Overconfidence può contribuire a tassi eccessivi di negoziazione nel mercato azionario, alti tassi di fallimento imprenditoriale, controversie legali, partigianeria politica e persino guerra. [6]

Il secondo modo in cui l’eccessiva sicurezza si guadagna il titolo di madre di tutti i pregiudizi è dando agli altri pregiudizi decisionali denti. Se fossimo opportunamente modesti sulle vulnerabilità psicologiche, saremmo meglio in grado di proteggerci dagli errori a cui la natura umana ci rende inclini. [7] Invece, un’eccessiva fiducia in noi stessi e nel nostro giudizio significa che troppo spesso ignoriamo la nostra vulnerabilità ai pregiudizi e agli errori. [8] Decenni di ricerca sul giudizio e sul processo decisionale hanno documentato queste euristiche e i pregiudizi che creano. Includono, ma non sono limitati a, disponibilità, rappresentatività, ancoraggio, inquadratura, riferimento-dipendenza ed egocentrismo.

Questa lista sarà familiare a chiunque abbia letto libri popolari sul processo decisionale di Kahneman, Ariely, Bazerman, Gilovich, Heath e altri. Leggendo questi libri e i loro avvertimenti precauzionali contro l’eccessiva sicurezza, si potrebbe concludere che sarebbe saggio ridurre la fiducia con cui affrontiamo la vita. Se l’eccesso di sicurezza può farci finire nei guai, sembra che dovremmo ridurlo, ma quanto? Dovremmo minimizzare completamente la fiducia? Questa è una ricetta per il dubbio e l’inazione perpetui.

Se invece ti rivolgi ai libri di autoaiuto come guida, potresti essere tentato di arrivare alla conclusione opposta: la sfida è mantenere alta la tua fiducia. Questi libri sono accompagnati da titoli entusiasmanti come “Fiducia: come superare le tue convinzioni limitanti e raggiungere i tuoi obiettivi” e “Sei un idiota: come smettere di dubitare della tua grandezza e iniziare a vivere una vita fantastica.” Libri come questi danno maggior sicurezza al suono terribilmente invitante. Ma sicuramente la risposta giusta non è che dovremmo avere la massima fiducia. La massima fiducia nel futuro potenziale di guadagno porterà probabilmente a spese insostenibili. La massima fiducia nella tua popolarità ti renderà insopportabilmente fastidioso. [9] E se ti porta a prendere più rischi, la massima fiducia nella tua immortalità può effettivamente ridurre la tua aspettativa di vita.

C’è un altro modo: una via di mezzo, tra troppa e non abbastanza confidenza. Questa zona di fiducia Goldilocks è dove le credenze razionali incontrano la realtà. È fondamentalmente basato sulla verità e sul buon senso. È costruito su convinzioni che possono essere giustificate da prove e onesta autoanalisi. Si muove tra la pericolosa scogliera dell’eccesso di sicurezza e le sabbie mobili di insicurezza. Non è sempre facile trovare questo sentiero stretto; ci vuole onesta riflessione di sé, analisi equilibrate e il coraggio di resistere al pio desiderio.

Questa via di mezzo non è la via della mediocrità, ben lontana da essa. È eccezionalmente raro essere ben calibrati nella propria confidenza [10]. Richiede di comprendere te stesso e ciò che sei in grado di raggiungere. Richiede che tu conosca i tuoi limiti e quali opportunità non valga la pena di perseguire. Richiede di agire con sicurezza in base a ciò che sai, anche se significa prendere una posizione, fare una scommessa o parlare per un punto di vista che è impopolare. Ma richiede anche la volontà di considerare la possibilità che tu abbia torto, di ascoltare le prove e di cambiare idea. Questa è una rara combinazione di coraggio e umiltà intellettuale, che porta a un pensiero attivamente aperto. Ci vuole solo la giusta dose di fiducia.

Riferimenti

[1] Ola Svenson, “Siamo meno rischiosi e più abili dei nostri compagni di viaggio?”, Acta Psychologica, 47 (1981), 143-51.

[2] A condizione che tutti siano d’accordo su come valutare la guida; Eric van den Steen, “Rational Overoptimism (and Other Biases)”, American Economic Review, 94.4 (2004), 1141-51.

[3] Marc Alpert e Howard Raiffa, “Un rapporto di avanzamento sulla formazione degli esaminatori di probabilità”, in giudizio sotto incertezza: euristica e pregiudizi, ed. di Daniel Kahneman, Paul Slovic e Amos Tversky (Cambridge: Cambridge University Press, 1982).

[4] Daniel Kahneman, Thinking Fast and Slow (New York: Farrar, Straus and Giroux, 2011).

[5] Ashraf Labib e Martin hanno letto, “Non solo riorganizzare le sedie a sdraio sul Titanic: imparare dai guasti attraverso l’analisi di rischio e affidabilità”, Safety Science, 51.1 (2013), 397-413; Don A Moore e Samuel A Swift, “I tre volti dell’eccesso di fiducia nelle organizzazioni”, in Psicologia sociale delle organizzazioni, ed. di Rolf Van Dick e J Keith Murnighan (Oxford: Taylor & Francis, 2010), pp. 147-84.

[6] Brad M Barber e Terrance Odean, “Il commercio è pericoloso per la vostra ricchezza: la performance di investimento azionario comune degli investitori individuali”, Journal of Finance, 55.2 (2000), 773-806; Dominic DP Johnson, Overconfidence and War: The Havoc e Glory of Positive Illusions (Cambridge, MA: Harvard University Press, 2004).

[7] Emily Pronin, Daniel Y Lin e Lee Ross, “The Bias Blind Spot: Percezioni di preconcentrazione nel sé contro gli altri”, Personality and Social Psychology Bulletin, 28.3 (2002), 369-81.

[8] Max H Bazerman e Don A Moore, Judgment in Managerial Decision Making, 8 edn (New York: Wiley, 2013).

[9] Cameron Anderson e altri, “Conoscere il tuo posto: auto-percezione dello stato nei gruppi faccia a faccia”, Journal of Personality and Social Psychology, 91.6 (2006), 1094-1110.

[10] Philip E Tetlock e Dan Gardner, Superforecasting: The Art and Science of Prediction (New York: Signal, 2015).

Solutions Collecting From Web of "overconfidence"