Out Of Darkness e Into a Glowing World of Technicolor

Di Gina Marie Applebee

Gina Marie Applebee, used with permission
Fonte: Gina Marie Applebee, usata con permesso

Svegliarsi sul divano dell'ufficio studenti laureati da un pisolino pomeridiano non era niente di straordinario all'epoca. Le emicranie erano andate avanti inesorabilmente per mesi prima. La profonda sensazione di bruciore sulla parte posteriore della mia testa che copriva la maggior parte dei pensieri e le lampeggianti allucinazioni di colore erano sufficienti a mettere un tossico acido al loro posto. Quello che era insolito era quello che accadeva quando mi alzavo a sedere. Fissai, con gli occhi chiusi, incredulo affascinato mentre mi rendevo conto improvvisamente che potevo vedere le mie mani. Mi voltai i palmi, guardai le mie dita aprirsi, chiudermi, aprirmi. Questo potrebbe non sembrare così straordinario. Ma era per me. Non avevo visto nulla con i miei occhi in circa cinque anni.

Poi di nuovo non stavo davvero vedendo. Stavo quasi guardando con gli occhi chiusi. Nessuno si aspetta di svegliarsi e vedere con gli occhi chiusi, per vedere con la loro immaginazione e tutti i sensi contemporaneamente. Nessuno si aspetta di trasformarsi in un incandescente essere technicolor, immerso in un mondo meraviglioso e infinitamente connesso di luce psichedelica. Nessuno si aspetta che il loro cervello si riconfiguri spontaneamente attraverso una sorta di bizzarro evento neurologico. Ma questo è esattamente quello che è successo a me. Apparentemente, diventare cieco era solo l'inizio di una straordinaria avventura.

Ora, quasi due anni dopo, la condizione non si è ancora dissolta in qualcosa che potremmo chiamare realtà relativamente tipica. Al contrario, l'insolito fenomeno percettivo che sono venuto a chiamare la sinestesia pan-sensoriale non solo persiste, ma continua ad evolversi.

Essenzialmente, tutti i miei sensi sono fusi in un tutto dinamicamente coerente. Visivamente, questo include una visualizzazione technicolor di me stesso. La mia mano brilla come fa la tua mano quando la tieni sopra una torcia. Il mio corpo è circondato da quello che sembra un piccolo campo elettromagnetico, completo di linee di luce elettrica gialla-verde e blu. In realtà è ridicolo come sembra, solo molto più bello.

Palpitando con una luminosità più forte, come faccio dopo una corsa, armeggio con le dita blu fluorescenti mezzo congelate per ottenere la chiave nella porta. Quell'esperienza di ciò che alcuni chiamano "fluire" quando è completamente nel groove naturale di qualche modello di azione, che sia in esecuzione, o yoga, o pratica del surf o creativa, è diventata più che un sentimento occasionale astratto per me. Piuttosto, è un modo di essere. Tutti i miei movimenti sono visibilmente tangibili.

In piedi con la schiena contro l'antico riscaldatore a muro a gas, osservo il calore che scorre su di me e attraverso la mia spalla sinistra in rossi profondi. Lo guardo diffondersi attraverso il resto del mio corpo più lentamente, fino alla punta del mio naso parzialmente "visibile". Osservando continuamente gli effetti delle interazioni, noto come la temperatura e le altre variazioni energetiche si manifestano visivamente. Questo è molto reale, dichiaro a me stesso. Questo è reale, e sicuramente non sta andando via.

La qualità della luce blu della mia visualizzazione a occhio chiuso è limitata principalmente a situazioni in cui visualizzo me stesso. Ma visualizzo anche tutto ciò con cui sono in contatto diretto.

Una volta che la stranezza iniziale di guardare cose con gli occhi chiusi era svanita, ho iniziato a sperimentare. Girando la tazza di caffè tra le mie mani, la sua immagine divenne più luminosa, più chiara. Il cerchio era decisamente più lucido. I confini si sono fatti più luminosi. Il bordo del tavolino aveva un confine distinto fatto di strana luce blu mentre mettevo giù la tazza. La stanza sembrava fatta di superfici chiare meno permeabili. Anche il pavimento, gli scaffali dei dischi e le finestre aperte si sono accesi nella mia mente. Potevo "vedere" i miei jeans con risvolti, come fossero fradici fino al ginocchio. Mi ha colpito qualcosa della profonda semplicità dell'ambiente. La mia mente, ancora sconvolta dall'assalto delle informazioni visive, iniziò a rilassarsi nella situazione.

Ora altre persone e tutte le forme di vita appaiono come configurazioni di luce blu elettrico. Strani vortici di luci turbinano in forme vagamente somiglianti a persone, gatti o alberi.

Guardando le mie mani con chiarezza dopo Shavasana, trovo il modo di sedermi per una piccola meditazione post-yoga. Vivere con una consapevolezza intensamente integrata, lavorare con il respiro e il flusso sanguigno cerebrale che era una tale lotta nelle prime avventure tecnicolor sta diventando più facile attraverso la pratica. La mia insegnante colpisce la campana della campana e sento che il suono risuona e passa attraverso di me. In questo modo, i suoni sono simultaneamente sentite sensazioni. Il mio intero corpo risponde a qualsiasi forma di input vibrazionale. Di nuovo, il contrasto di un rumore improvviso o di un ronzio nell'immobilità è chiaro poiché disturba temporaneamente l'intera visualizzazione, per poi tornare al suo bagliore ambientale, come una superficie liquida. Questo si nutre di un senso di integrazione più profonda e dinamica con tutto ciò che mi circonda.

Al limite estremo, le mie sensazioni empatiche includeranno la sensazione in feltro delle corde della chitarra sotto le dita dei miei vicini al piano di sopra, o le pagine di un libro che girano nelle mani di un amico. La mia esperienza complessiva è priva di veli fenomenologici. Senza spaccature tra i livelli di coscienza, rimango a vari gradi spalancati al diluvio di ricchi stimoli ambientali. Ora, non c'è illusione di separazione.

Descrivendo questa sinestesia pan-sensoriale o qualunque cosa vogliamo chiamarla probabilmente sembra meravigliosa. Ed è meraviglioso, ma il processo per arrivare a questo posto è stato davvero estenuante. Abbastanza presto ho eliminato il concetto di "dolore" dal mio vocabolario mentale, mentre le sensazioni brucianti si sono spostate attraverso il mio sistema nervoso. Il mio corpo fisico non fu l'unico a subire questa infuocata riorganizzazione trasformativa. Era come se la mia mente si stesse continuamente sciogliendo e ricristallizzando, pedalando tra iper-significati e il puro caos. Non l'avrei mai fatto senza l'amorevole gentilezza delle persone nelle mie comunità di supporto.

Ho spiegato a me stesso l'intero fenomeno in termini di caos e complessi sistemi adattivi, una mia passione epistemologica che avevo esplorato profondamente per anni. Ma capire qualcosa non è la stessa cosa che imparare a conviverci. Imparare a vivere con essa richiede molto più tempo, prove ed errori. Ho osservato, riflettuto e sperimentato in modo estensivo nel modo in cui qualsiasi sistema naturale che ha subito un improvviso enorme spostamento si trasforma in una sorta di lenta crescita successiva.

All'inizio pensavo di essere solo in questa splendida realtà. Col passare del tempo, però, ho trovato il caso di Zoltan Torey. Ho iniziato a vedere connessioni con casi di risvegli della kundalini e persone con ogni sorta di esperienze trasformative. Ho iniziato a vedere una somiglianza tra le nostre storie. Mi sono reso conto di come il mio processo fosse la sua manifestazione di un onnipresente, fondamentale fenomeno di coscienza in evoluzione, solo più estremo e in technicolor.

Mentre l'incredibile processo metamorfico è stato straordinariamente impegnativo, ho adattato il mio stile di vita per accogliere la mia nuova consapevolezza nel modo più sostenibile possibile, un processo che è sempre un continuo lavoro iterativo in corso.

Puoi leggere di più su synesthesia nel nostro nuovo libro The Superhuman Mind: Liberare il genio nel tuo cervello , Hudson St. Press, Un impronta di Penguin Random House, agosto 2015. Disponibile su Amazon, BAM, Barnes & Noble e IndieBound

Solutions Collecting From Web of "Out Of Darkness e Into a Glowing World of Technicolor"