Ottieni quello che ti meriti?

Tu chi sei? Sei il divorziato, l'immigrato italiano, l'uomo d'affari fallito, l'atleta della scuola? Il modo in cui parli e ti presenti diventa parte della storia di chi sei. Permettere agli altri di definirti in certi modi diventa anche parte della trama di chi credi di essere e di come gli altri ti vedono. Non solo nella lingua che usiamo per gli altri o per gli altri quando ci descrivono, ma il linguaggio che usiamo quando definiamo noi stessi o nella nostra testa quando usiamo il parlare di sé. Questo può dare il tono a ciò che crediamo di poter ottenere e anche a ciò che crediamo di meritare.

Quando la gente mi chiedeva dove sono entrato nella mia famiglia, rispondevo "Sono il terzo di quattro, sai, un bambino di mezzo e tutto ciò che ne consegue". Spesso non lo avrebbero seguito ma nella mia testa quelle parole, che avevo adottato dagli adulti intorno a me mentre crescevo, recavano il significato: "Il bambino difficile, il bambino meno compiuto, il figlio meno amato o ricercato". Ogni volta ripetevo la mia spiegazione del mio posto nel mio famiglia stavo riconfermando queste cose a me stesso. Questa è stata la mia percezione di come sono stato valutato; anzi, anche su questo ho basato il mio valore personale. Non è stato fino a quando ho avuto la terapia che ho capito come il mio auto-definizione (qualcosa che avevo assunto durante l'infanzia quando è stato offerto) ha avuto un impatto su come ho visto me stesso e quindi come sono uscito nel mondo. Ha influito sulle mie aspettative su me stesso e sulle mie aspettative nei confronti del comportamento degli altri nei miei confronti e mi ha limitato in quello che pensavo di meritare o di poter ottenere, il che non era molto.

Dopo essermi reso conto di ciò, ho iniziato a rispondere alla domanda con "Sono una delle quattro, la ragazza più anziana". Non c'è nessuna associazione negativa per me in questa affermazione. In effetti sembra positivo. Divento anche più consapevole del discorso che ho usato. Non mi sono più detto che ero "stupido" o un "idiota" o "avevo ottenuto ciò che meritavo". Invece ho iniziato ad essere il mio capo di allegria, il mio migliore amico. "Che cosa hai imparato?" Rimpiazzò "Sei un idiota, hai incasinato tutto questo." Ho sostituito "Ti fa bene!" Con "Ti meriti di meglio, quali comportamenti otterranno?" A poco a poco ho cominciato a migliorare le cose per me stesso e credi in me. Questo non è accaduto tutto in una volta e naturalmente ho avuto dei contrattempi ma ho notato il tono e il contenuto della mia auto-conversazione e le spiegazioni che ho dato di me stesso agli altri, mi ha aiutato a scambiare messaggi negativi e produrre frasi più positive e meritevoli . Ho iniziato ad aspettarmi di più da e per me e ho capito.

Ho ancora momenti in cui sono giù su me stesso (chi no?) Ma da quando studio Analisi Transazionale che riguarda l'integrazione di un genitore gentile, attento e nutriente nella versione adulta di te stesso, ho la convinzione di essere buono, gentile e intelligente e mi merito delle cose buone, incluso l'essere amato per come sono. In effetti ho deciso "Sono abbastanza bravo". Mi ci è voluto molto tempo per arrivare a questo punto – dopo tutto ho 55 anni! Comunque non è un affare fatto, sto costantemente controllando la mia lingua e il mio atteggiamento nei confronti di me stesso e degli altri per assicurarmi di non cadere nella "trappola dell'ipotesi". Qui è dove presumo assolutamente qualsiasi cosa senza fatti o conoscenze per sostenerlo – qualsiasi cosa da "Saranno troppo intelligenti per interessarsi a quello che dico". A "Non ho niente di valore da offrire". E "Oggi sono vecchio e stanco." Sai cosa dicono – non farlo Supponiamo che faccia un "culo" con "u" e "me".

Siamo molto bravi a convincerci delle cose, in particolare del negativo. Ti esorto a verificare il tuo atteggiamento e il linguaggio che usi a te stesso e agli altri, sia nei confronti di individui e gruppi. Ascolta la lingua che usi e scoprirai che è direttamente correlata a ciò che ricevi in ​​cambio. Aspettatevi le cose buone e il buon comportamento degli altri e generalmente lo otterrete. E se non ti senti molto positivo o non ti piace così tanto in questo momento – "fingilo finchè non lo fai". Il nostro cervello non può distinguere tra manifattura artificiale falsa, falsa e dolce quindi, se necessario, puoi temporaneamente ingannarti per ottenere ciò che desideri e di cui hai bisogno: valore, autostima e tutte le cose buone finché non diventa autentico per te (e lo sarà). E non dimenticare di godere di questi premi, dopo tutto, te lo meriti!

Solutions Collecting From Web of "Ottieni quello che ti meriti?"