Ostacoli al sonno negli anziani – Insonnia, prima parte

unsplash.com/pexels.com
Fonte: unsplash.com/pexels.com

Il rischio di insonnia aumenta con l'età. La maggior parte degli studi afferma che l'incapacità di ottenere un riposo adeguato colpisce la maggior parte delle persone oltre i 65 anni (molti dei più giovani non riescono a dormire). Ci sono dozzine di motivi noti per cui le persone non possono dormire. Ecco alcuni dei più importanti.

Modifiche all'invecchiamento Sonno

Prendi un neonato. Molti neonati dormiranno beatamente tra le quattordici e le sedici ore, rifacendo rapidamente il cervello e il corpo. In un neonato, il sonno REM può avvicinarsi ai due terzi del tempo di sonno totale.

Che differenza fa l'invecchiamento.

Quando qualcuno raggiunge i 65 anni, il sonno si ridurrà in media a più di sette ore (ovviamente molti non si avvicinano a questo). Non solo il tempo di sonno totale diminuisce; così fa l'efficacia e l'efficienza del sonno. L'efficienza del sonno è un numero reale e importante – il tempo di sonno diviso per il tempo a letto. Quando hai 18 anni, l'efficienza del sonno potrebbe essere del 95% o superiore. Quando avrai 65 anni, anche se nel pieno della salute, potrebbe essere dell'80-85%.

Quindi c'è meno sonno. Il sonno che ottieni è meno efficiente. L'invecchiamento cambia anche gli orologi biologici.

Processo S e processo C

I ricercatori del sonno modellano due componenti principali della fisiologia come farci addormentare – Processo S e processo C. Il processo S include quanto tempo siamo in piedi. Se sei sveglio da 25 ore, è molto più probabile che tu dorma che se ne hai svegli dieci. Il potere di Process S diminuisce con l'età. E poi c'è il potente processo circadiano dell'orologio biologico, processo C.

Il processo C è una parte molto importante del perché possiamo sentirci completamente svegli alle 9:30 e completamente addormentati alle 10:30. Gli orologi biologici, in particolare quelli circadiani di 24 ore, forniscono gran parte della spinta che ci fa addormentare.

E questi orologi cambiano radicalmente con l'età. Primo, arrivano prima. Potresti andare a dormire alle 12:30 quando hai 19 anni e alle 22.45 quando hai 70 anni. In secondo luogo, gli orologi biologici diventano meno forti. Il loro potere di farci addormentare diminuisce.

Ora aggiungi televisori e telefoni cellulari. La luce è la principale fonte di tempo degli orologi biologici interni. Gli umani non si sono evoluti con l'elettricità. Le luci brillanti di televisori e cellulari non solo destano e ci tengono svegli. Cambiano anche i nostri orologi interni.

La luce del primo mattino sposta i nostri orologi prima. La luce notturna, soprattutto per la maggior parte della luce intorno alle 3-5 del mattino, sposta i nostri orologi più tardi. I dispositivi elettronici spesso confondono i nostri orologi interni. I segnali sono diventati meno coerenti. Sconfiggi orologi biologici e molti processi fisiologici di base vanno male. Le persone diventano più grassi. Più malato Meno produttivo E davvero stanco e assonnato.

TV o non TV è davvero la domanda.

Malattia con l'invecchiamento

Se le persone potessero continuare con le statistiche sulla mortalità delle ragazze di 11 anni, potremmo vivere più di mille anni. La sceneggiatura dell'invecchiamento ha priorità diverse.

In tutto il mondo la causa principale dell'insonnia è il dolore. L'artrite, in particolare l'artrosi, aumenta con l'età. Causa molta insonnia.

Così fa la maggior parte delle malattie croniche che affliggono l'umanità. Che si tratti di malattie cardiache o cancro, malattie polmonari o reflusso gastroesofageo, la malattia aumenta con il nostro tempo sulla terra. Come fa ciò che la cura della malattia può fare per dormire.

Farmaci con invecchiamento

Gli ottantenni prendono molte più pillole rispetto ai 20enni. Non è una questione di desiderio.

Con il tempo, la maggior parte di noi vede il girovita strisciante, la pressione sanguigna che invade, le articolazioni scricchiolanti. Come Big Pharma occupa un posto importante nella mentalità dell'allenamento del medico e in quello che viene pagato, lo stile di vita e i regimi comportamentali che mantengono le persone più sane e sentirsi giovani ricevono poca attenzione.

Molti farmaci comuni, come le pillole per la pressione, gli antidepressivi e le statine, possono interrompere il sonno. Forse l'esempio più insidioso sono i sonniferi.

I sonniferi fanno più che ridurre la sopravvivenza delle persone. Rendendo le persone abituate alla pillola dell'equazione = dormire, ostacolano tristemente la capacità di riposo delle persone.

Nei "migliori" studi clinici, i sonniferi possono aggiungere 10-15 minuti di sonno totale all'inizio. Questo generalmente non continua. Né i sonniferi producono una normale architettura del sonno. Ma quello che fanno estremamente bene è la gente falsa. I sonniferi fanno pensare che abbiano dormito meglio di loro.

Perché i sonniferi fanno dimenticare alla gente quanto spesso si svegliano. Il sonno è fondamentale per la memoria. Molte pillole per dormire disturbano la capacità delle persone di ricordare i loro numerosi risvegli.

Anche i dormienti "perfetti" possono svegliarsi brevemente per 15-20 volte a notte. Ma le persone che assumono sonniferi spesso risvegliano decine di volte a notte. Semplicemente non lo ricorderanno.

Utile in caso di jet lag o di problemi personali temporanei, l'uso cronico di sonniferi è molto più problematico.

Patologia del sonno primario

Non possiamo escludere l'effetto dei disturbi del sonno con il sonno. L'apnea notturna con i suoi molti risvegli provocatori non respiratori aumenta notevolmente con l'età. La maggior parte delle persone sopra i 65 anni ha più di 5 apnee o ipopnee all'ora. I calci delle gambe regolari, spesso piccoli movimenti delle gambe e delle braccia, colpiscono anche la maggior parte delle persone sopra i 65 anni. Gli arousali confusionali, facendo cose strane mentre sono ancora addormentati, aumentano molto con l'età.

Linea di fondo:

L'invecchiamento rende il sonno più difficile da ottenere. Un motivo in più per le persone a guardare alcuni dei dozzine di modi per migliorare il sonno – che è possibile verificare nella parte II.

Solutions Collecting From Web of "Ostacoli al sonno negli anziani – Insonnia, prima parte"