Ortodossi queer

Wikipedia Commons, used with permission
Fonte: Wikipedia Commons, utilizzata con permesso

Di Alison Feit, Ph.D. e Alan Slomowitz, Ph.D.

Un ebreo ortodosso entra nell'ufficio del suo rabbino e dice: "Rabbi, sono nei guai, mi sembra di essere attratto solo da altri uomini. Cosa dovrei fare? "Il rabbino non è sicuro di cosa dire. Si chiede a se stesso: "Mi sta chiedendo una sentenza religiosa o pensa di essere io un terapeuta?" Dopo un silenzio imbarazzante, il rabbino dice: "Lascia che chiami il dottor Goldstein, forse può aiutare entrambi."

Cosa vuole quest'uomo dal suo rabbino? Cosa crede il rabbino che il dottor Goldstein possa dire a questo gay che non può? Il rabbino crede che il dottor Goldstein possa o debba cambiare l'orientamento sessuale di quest'uomo?

Il rinvio da parte di un rabbino ortodosso, o di qualsiasi membro del clero, che crede che lo scopo della terapia sia quello di cambiare l'orientamento sessuale, pone sfide etiche e legali. Ora, più che mai, tali rinvii mettono in evidenza importanti problemi culturali e legali difficili o forse impossibili da conciliare.

Questa vignetta, incentrata sul giudaismo ortodosso, racchiude un problema fondamentale che affligge la maggior parte dei gruppi religiosi tradizionali per i quali il desiderio e la sessualità dello stesso sesso sono in opposizione a percezioni religiose e spirituali integrali. Tali gruppi religiosi non possono più ignorare che la Terapia di cambiamento dell'orientamento sessuale (SOCE), come è stato praticato, non è etico, pericoloso, politicamente insostenibile e in alcuni stati illegale. Inoltre, la sentenza della Corte Suprema che il matrimonio gay è un diritto costituzionale in tutti e 50 gli stati, e la decisione del tribunale del New Jersey che la SOCE praticata da JONAH (gli ebrei offrono nuove alternative per la guarigione) è una frode al consumatore ha creato una realtà giuridica e culturale radicalmente nuova .

I medici erano soliti avere risposte chiare per gli individui religiosi che entravano in terapia cercando di cambiare gli aspetti fondamentali della loro sessualità: clinico e paziente concordavano generalmente che il desiderio dello stesso sesso era sia una malattia morale che psicologica. Tuttavia, dal 1973, quando l'omosessualità è stata formalmente rimossa dalla lista ufficiale delle malattie psichiatriche, le culture dei gruppi religiosi tradizionali e le pratiche ufficiali di salute mentale sono significativamente divergenti.

I principali ricercatori e professionisti nel campo della salute mentale considerano la sessualità omosessuale sana, spesso classificata come malattia dai leader religiosi. Questo crea un tremendo conflitto interno per l'individuo LGBTQ religioso. Oggi, i membri LGBTQ di qualsiasi confessione religiosa possono unirsi legalmente in un matrimonio civile, anche se non possono sposarsi in molte cerimonie religiose tradizionali. Tali individui ora affrontano un conflitto etico quando cercano aiuto spesso cruciale e salvavita per i problemi di salute mentale derivanti da questo complicato conflitto emotivo.

Per la maggioranza degli ebrei ortodossi la recente decisione della Corte Suprema è considerata un terribile errore. Man mano che le cose si riscaldano, molti si chiedono come gli ebrei ortodossi LGBTQ possano trovare il loro posto nella vita sociale e religiosa della comunità. Devono nascondere il loro orientamento sessuale per rimanere parte della vita ebraica ortodossa tradizionale? Come può questo atteggiamento di non accettazione essere giustificato quando l'American Psychological Association, l'American Psychiatric Association e il sistema politico americano sono contrari a ciò che è stato un credo ortodosso ortodosso?

Quindi cosa può dire il dottor Goldstein all'uomo gay? In una recente conferenza nell'aprile 2015, intitolata Desiderio, Fede e Psicoterapia, organizzata dagli autori, abbiamo discusso di alcune delle barriere tra i membri LGBTQ della comunità ebraica ortodossa e i leader rabbinici e comunitari ortodossi. Per la prima volta, i rabbini hanno partecipato a panel con attivisti LGBTQ e hanno tentato di lavorare in modo collaborativo su un problema che non andrà via da solo.

Furono create strane alleanze. Durante un momento particolarmente aspro, un attivista LGBTQ ha esclamato: "Non ti sto chiedendo di cambiare la legge ebraica, ma ti chiedo di riconoscere che gli studenti LGBTQ nelle scuole ebraiche sono ostracizzati e vergognosi!" Il rabbino rispose, "hai ragione, dobbiamo fermarlo ora! "E così è iniziato un dialogo.

Era un giorno di trasformazioni insolite. Un clinico che aveva lavorato con pazienti LGBTQ ortodossi ha osservato: "Devo ripensare completamente a come lavoro con questa comunità". Un rabbino ha risposto: "Mi sono improvvisamente reso conto che non so nemmeno cosa non so." Di più di recente, dopo il tragico omicidio di un adolescente in una manifestazione gay pride a Gerusalemme, un'importante organizzazione rabbinica ortodossa, il Rabbinical Council of America, ha ufficialmente partecipato a un servizio funebre a New York presso il Centro LGBTQ – uno dei suoi leader di spicco ha parlato con un leggio drappeggiato con una bandiera arcobaleno.

Mentre la divisione potrebbe restringersi, c'è ancora un'intensa opposizione a riconoscere LGBTQ come un'identità accettabile. Tuttavia, è diventato chiaro per noi che i rabbini e gli educatori vogliono trovare un modo per mantenere i valori religiosi, mentre allo stesso tempo coinvolgono sensibilmente e solidalmente persone che comprendono una gamma di identità di genere e sessuali.

I terapeuti sono in prima linea in questo cambiamento culturale poiché la loro formazione si concentra sul seguire la guida dei pazienti e aiutare le persone a esplorare le identità sessuali e di genere senza imporre i propri valori culturali e religiosi. La nostra speranza è che nei prossimi anni leader religiosi, politici e LGBTQ continueranno a stringere alleanze per aiutare gli individui religiosi LGBTQ a navigare meglio su questi complicati problemi.

Alison Feit, Ph.D. , È un redattore associato della rivista Contemporary Psychoanalysis ed è membro del gruppo di artisti, del servizio di abuso sessuale e del servizio di trauma presso l'Istituto William Alanson White. Il suo ufficio è nell'Upper East Side di Manhattan.

Alan Slomowitz, Ph.D. , È psicoanalista e psicologo e si è laureato nel programma della Divisione I presso il William Alanson White Institute. È membro del comitato di redazione di Contemporary Psychoanalysis e dell'Internet Editor del blog Contemporary Psychoanalysis in Action, il Dr. Slomowitz è supervisore della psicoterapia presso il William Alanson White Institute e il Ferkauf Clinical Psychology Health Enfasi Ph.D. Programma. Il Dr. Slomowitz è in uno studio privato e il suo ufficio è a Columbus Circle nell'Upper West Side.

Solutions Collecting From Web of "Ortodossi queer"