Origini della credulità infantile (Pt 2)

Child Crying/Flickr
Fonte: Child Crying / Flickr

Susan Harter ha osservato che, dal punto di vista dello sviluppo, i bambini di età inferiore agli otto non sono in grado di formulare un senso indipendente di auto-separazione, cioè dal modo in cui percepiscono i loro genitori come osservarli. Oppure, si potrebbe dire, in tenera età i bambini non possono fare a meno di vedere se stessi mentre sono riflessi attraverso gli occhi dei loro custodi. Quindi i messaggi che ricevono su se stessi attraverso ciò che i loro genitori comunicano con loro – non verbalmente, così come influenzano verbalmente con forza il loro rispetto per se stessi.

Quindi quali sono i tipi di messaggi che i genitori incapaci, autoassorbiti o emotivamente disturbati possono comunicarci come bambini – messaggi che possono essere pericolosi per il nostro sano sviluppo? Che cosa dicono involontariamente i genitori, o implicano, che possono impiantare in noi un senso di auto carente, lasciandoci da adulti senza la stima, la sicurezza, la sicurezza o la conoscenza per resistere agli sforzi altrui di approfittarsi di noi?

Ovviamente, nella misura in cui raggiungiamo l'età adulta con molte credenze negative su noi stessi, il nostro "figlio adulto" è facile preda di coloro che ci manipolerebbero per guadagno personale. Se da grandi bambini "feriti" non siamo in grado di sentirci uguali o buoni come gli altri, è probabile che ignoreremo le nostre riserve personali e accettiamo ingenuamente la validità dei loro punti di vista sulla nostra. Perché anche se ora siamo adulti, dobbiamo ancora entrare nella nostra autorità per adulti. Dal profondo, siamo ancora spinti a mantenere idee negative e obsolete su noi stessi. E come, originariamente, potremmo essere giunti a dare piena credibilità alla valutazione sfavorevole dei nostri genitori – per ironia della sorte, per salvaguardare qualsiasi legame che potremmo stabilire con loro – potremmo, per ragioni di protezione simili, comprometterci nel presente- relazioni di giorno.

Ecco una lista selettiva di autocritiche negative (per la maggior parte inconsce) che, a causa di messaggi sprezzanti dei genitori, possiamo ancora trattenerci. Suggerirò come ognuna di queste convinzioni particolari possa creare – o sostenere – in noi una creduloneria che fa resistere agli sforzi altrui di imbrogliare o ingannare una sfida così formidabile.

Sono incompetente ( o difettoso, inadeguato, incapace, inetto, lento o stupido ). Questa costellazione di credenze ci porta a cercare – ea volte, acriticamente – l'orientamento e la guida da parte degli altri. Vedendo noi stessi, per quanto imprecisi, come meno competenti di altri, siamo inclini a scartare o respingere il nostro punto di vista di fronte a quello di qualcun altro. Inoltre, se abbiamo dubbi su ciò che l'altra persona ci sta proponendo, potremmo non essere in grado di porre loro molte domande. Perché potremmo temere che così facendo potremmo esporci a noi come "lenti". Quindi, poiché siamo riluttanti a fare le indagini necessarie per fare una scelta veramente informata, potremmo sentirci obbligati (o costretti) a prendere una decisione in contrasto con il nostro meglio giudizio. Ancora una volta, non possiamo fare a meno di mettere in discussione le nostre stesse competenze e, per quanto noi stessi , non siamo sicuri, non possiamo certo permetterci di sembrare stupidi. Dopotutto, essere "scoperti" sarebbe troppo umiliante.

Non sono abbastanza bravo (o, non posso essere abbastanza bravo ). In relazione alla credenza multidimensionale direttamente sopra (e anche alla maggior parte delle credenze sottostanti), mantenere una visione fondativa negativa di noi stessi può portare a un certo atteggiamento di rassegnazione o disperazione nelle situazioni sociali. È terribilmente difficile riconoscere e resistere all'astuzia di un'altra persona quando ci sentiamo in qualche modo inferiori a loro. (E questa "posizione" o "sceneggiatura" si sovrappone all'idea dell'analisi transazionale di Thomas Harris di "Io non sono OK-tu stai bene.")

Fallirò (o, non potrò riuscirci ). Altri, che potrebbero non avere il nostro miglior interesse in mente (vale a dire intriganti o conniventi), potrebbero, attingendo alla nostra profonda riserva di dubbi sul successo, convincerci a rinunciare a un progetto o una sfida, a rovesciare le scale a loro favore. In generale, la perseveranza è la chiave per il successo. Ed è ovviamente più difficile perseverare in qualcosa quando la nostra mancanza di fiducia nelle nostre capacità si intensifica solo quando siamo attivamente dissuasi dal procedere in avanti. In tali circostanze, ovviamente, siamo stati ingannati. Ma alla fine (come in tutte le credenze negative che sto descrivendo), è davvero la nostra programmazione interiore che ci frode.

Sono sciocco (o sciocco ). Percepirci in questo modo rende molto più facile per gli altri ingannarci, mettere qualcosa su di noi. È difficile non abbandonare il nostro potere adulto per decidere quando siamo condizionati a vederci in una luce così regressiva. E tale deferenza verso gli altri può essere costosa.

Non sono ascoltato (o preso sul serio ). È difficile onorare, articolare e rispettare i nostri giudizi quando in profondità crediamo che la nostra valutazione delle cose sarà ignorata. Tuttavia, inconsapevolmente, i genitori insensibili possono darci il messaggio che il modo in cui pensiamo e sentiamo le cose non ha alcun significato, non ha alcun peso, con lo sfortunato risultato che possiamo imparare ad astenersi regolarmente dall'affermare le nostre riserve.

Sono una frode (o impostore ). Ironia della sorte, se ci consideriamo "falsi" (cioè, potremmo sembrare competenti per gli altri, ma nondimeno sentirci fondamentalmente incompetenti), tali dubbi su se stessi aumentano la nostra suscettibilità ad essere "presi in giro" da una vera frode. E tali distorsioni che inducono la creduloneria nella nostra immagine di sé possono essere una delle conseguenze più spiacevoli di avere più incertezze su noi stessi di quanto facciamo con gli altri.

Mi sento un bambino . La convinzione, o il sospetto sottostante, che non siamo veramente grandi ci può indurre a dare troppa fiducia alle parole degli altri, certamente più che se ci vedessimo come tutti gli adulti che erano. È difficile non permettere agli altri un certo dominio su di noi se li vediamo come occupanti un ruolo ascendente nel nostro rapporto con loro.

Non posso fidarmi di me stesso (o del mio giudizio, percezione, autorità , ecc .). Se i nostri genitori avessero l'abitudine di rimproverarci, sia per i nostri modi di pensare, i punti di vista, sia per la nostra credibilità, possiamo lasciarci con una diffusa diffidenza verso se stessi che ci rende particolarmente vulnerabili a coloro che potrebbero desiderare di sfruttarci. Possiamo dare agli altri l'autorità di dirci come agire perché dobbiamo ancora venire alla nostra autorità. Come molte delle convinzioni negative già discusse, le insicurezze infantili residue ci mettono a maggior rischio di essere ingannati o ingannati come adulti. E ancora, l'ironia più dolorosa in tutto questo è che nella nostra incapacità di riconoscere la nostra stessa autorità, ci stiamo strappando via. Mancando di autostima, fiducia e sicurezza, siamo inclini ad accettare acriticamente e ad accettare l'autorità forse falsa degli altri.

Ci sono molte altre auto-credenze negative che aiutano a definire la nostra suscettibilità di essere ingannati o defraudati. Elencherò ed espanderò questi ulteriori "fattori di rischio" nella Parte 3 di questo post. Seguendo questo, nelle Parti 4, 5 e 6 descriverò in dettaglio almeno 21 modi per aiutarci a superare qualsiasi vulnerabilità che possiamo avere per essere derubati da altri.

Solutions Collecting From Web of "Origini della credulità infantile (Pt 2)"