Ordinamento dei fatti dalla finzione: perché l'esperienza conta

Non so nulla delle macchine, ma mio padre sì. Ecco perché sto chiedendo il suo consiglio prima di acquistare una nuova auto. È il miglior esperto a mia disposizione e mi fido del suo giudizio. Ecco perché sto facendo affidamento sulla sua esperienza per aiutarmi a prendere una decisione informata.

Perché menzionare questo? Perché questo articolo riguarda l'importanza di riconoscere l'esperienza quando la vedi e di sfruttarla al meglio.

Bev Webb, 2012
Fonte: Bev Webb, 2012

Ma siamo tutti esperti, giusto?

L'estate scorsa, il Segretario alla Giustizia del Regno Unito, Michael Gove, ha affermato che "le persone in questo paese hanno avuto abbastanza esperti". Anche se questo può essere corretto, l'implicazione che l'esperienza non ha più valore è discutibile.

Abbiamo affidato a lungo tempo esperti per prendere decisioni, da quelli importanti come se seguire o meno un particolare corso di terapia a quelli più banali come quello in cui andare in vacanza.

In breve, dobbiamo fare affidamento sull'esperienza degli altri per riuscire a farcela con successo nel mondo. Semplicemente non possiamo sapere tutto, non è possibile.

Ma come fai a sapere un esperto quando ne vedi uno? Come sai che puoi fidarti di loro? Un buon primo passo è ricordare che non siamo tutti esperti, ma pensiamo che lo siamo. Questo è pericoloso.

La competenza salva la vita

Negli Stati Uniti, il mito MMR è stato perpetuato dal modello di accesso Jenny McCarthy al Oprah Winfrey Show. Il 28 settembre 2007, promuovendo il suo libro "Più grande delle parole: il viaggio di una madre nell'autismo curativo", McCarthy affermò che l'autismo di suo figlio derivava dall'avere avuto delle vaccinazioni. Le sue affermazioni erano basate sul caso studio solitario, suo figlio, e, nelle sue stesse parole: "L'Università di Google". Brotherton nota che è un'istituzione ben frequentata.

Fonte: di Michael Dorausch – originariamente pubblicato su Flickr come Jenny McCarthy indirizza il pubblico, CC BY-SA 2.0

Il problema è che Jenny McCarthy non sa di cosa sta parlando.

La scarsa conoscenza della scienza, unita a una mancanza di fiducia negli esperti, si traduce in persone come Jenny McCarthy che commettono il grave errore umano di affidarsi agli aneddoti per trarre conclusioni sul mondo. Gli aneddoti sono aneddoti, niente di più. Il plurale di aneddoto non è dati.

Purtroppo, le persone sono più attratte dalle testimonianze e dai resoconti in prima persona del mondo per trarre conclusioni, che probabilmente hanno a che fare con il nostro amore per le storie.

Discutendo dei miti che circondano la presunta relazione tra vaccinazioni e autismo, Foster e Ortiz evidenziano come Internet fornisce accesso immediato a informazioni sia scientifiche che pseudoscientifiche, consentendo a coloro che si trovano su entrambi i lati del dibattito di distribuire le informazioni rapidamente e ampiamente.

Le informazioni online possono essere molto fuorvianti e sostituiscono progressivamente i consigli degli esperti. Perché?

Gli esperti falsi non sono esperti

Come spiega Spectre, una parte della ragione per cui non ci fidiamo più delle autorità come quelle che abbiamo fatto in precedenza, troppa fiducia in esse. Discutendo del negazionismo, Spectre osserva come gli argomenti di negazionismo siano tipicamente rafforzati da informazioni accurate che vengono prese selettivamente selvaggiamente fuori dal contesto e supportate da falsi esperti che non sembrano falsi. YouTube, per esempio, è disseminato di disinformazione.

Un falso esperto non è un esperto. Proprio come le notizie false non sono notizie.

Esperti fidati risparmiano esperti di vita, che hanno dimostrato competenza in una determinata area, sanno più di tutti noi. Questo è ciò che li rende esperti. Di conseguenza, Daniel Levitin spiega che le opinioni degli esperti dovrebbero essere giudicate più remunerative di quelle che mancano di formazione specialistica. Spiega elegantemente che:

"Esistono al mondo esperti in molti settori che ne sanno più di noi. Non dovrebbero essere fidati ciecamente, ma le loro conoscenze e opinioni, se superano determinati test di validità e inclinazione del volto, dovrebbero essere tenute in maggiore considerazione rispetto a quelle che non hanno una formazione specialistica. Il bisogno di educazione e lo sviluppo di competenze non è mai stato più grande "(p 336)

E a proposito di opinioni …

Le opinioni sono proprio queste … opinioni

Come spiega il grande pensatore Edward De Bono, le opinioni si basano su una prospettiva che riflette l'insieme delle circostanze in cui si posiziona qualcuno; derivano da una combinazione di informazioni, valori, sentimenti ed esperienze.

Abbiamo tutti opinioni. Sono dell'opinione che il film Fight Club sia migliore del libro. Sono dell'opinione che i Radiohead siano la migliore band al mondo . E così via. Puoi non essere d'accordo con me su queste opinioni, perché hai diritto a se stesso – non perderò il sonno per questo. Ma non devi fidarti delle opinioni pseudoscientifiche di Jenny McCarthy, né delle opinioni di nessuno quando mancano di autentica competenza.

Non tutte le opinioni sono uguali.

Conosci i tuoi limiti

Alla gente piace sentirsi in controllo del proprio ambiente. Raghunathan nota come il desiderio di controllo può portare a una sicurezza eccessiva e che molti di noi sono più fiduciosi sulla validità delle nostre opinioni, atteggiamenti e giudizi che dovremmo davvero essere. Non siamo tutti esperti, e sarebbe saggio ricordarlo.

Helfland, scrivendo nel numero più recente di Skeptical Inquirer, discute l'aumento della disinformazione e il modo in cui alimenta le teorie del complotto. Spiega che c'era una volta in cui la maggior parte delle persone che scrivevano su un particolare argomento facevano ciò in quanto avevano accumulato conoscenze specialistiche sull'argomento – questo, come spiegato sopra, non è più il caso.

Internet ora consente a chiunque di lanciare i rispettivi cappelli sul ring su qualsiasi argomento, a volte beatamente inconsapevoli del potenziale danno che causano nel processo, e talvolta non li ignora del potenziale danno che causano nel processo.

E questo non vuol dire che tutti gli esperti debbano essere fidati implicitamente. Lontano da esso. Piuttosto, dobbiamo esercitare l'umiltà e riconoscere i nostri limiti, cercando l'esperienza quando ne abbiamo veramente bisogno, da esperti fidati.

Come spiega Levitin, è meglio conoscere una quantità moderata di cose con certezza rispetto a un gran numero di cose che potrebbero non essere effettivamente così. Questo significa semplicemente che dobbiamo fare affidamento sugli esperti.

Per trarre da un esempio di argomento, la maggior parte delle persone non è abile nel stimare il vero livello di consenso scientifico sui cambiamenti climatici. È almeno 97, ma forse fino a 99,99. La ricerca rileva che solo il 10% degli americani identifica correttamente questo livello elevato tra gli esperti.

Non abbiamo avuto abbastanza esperti, e non lo faremo mai. Poiché il mondo diventa sempre più complesso, dovremo attingere sempre più dalle loro competenze.

Solutions Collecting From Web of "Ordinamento dei fatti dalla finzione: perché l'esperienza conta"