"È ora di un silenzio siesta"

Forse hai sentito la favola delle due rane. Uno saltò accidentalmente in una pentola d'acqua bollente. Quando sentì il calore, saltò immediatamente fuori. L'altra rana saltò in una pentola di acqua fresca che veniva lentamente riscaldata a ebollizione. Nuotò allegramente mentre la pentola diventava sempre più calda, ignara del pericolo crescente.

Suona familiare? Dovrebbe. Anche noi nuotiamo in una pentola a lenta ebollizione inconsapevoli del pericolo crescente; e quel pericolo sono i crescenti decibel di rumore. Le nostre vite sono permeate di suoni – la nostra musica per iPod, la voce di esperti televisivi, il suono dei nostri telefoni cellulari, avvisi via e-mail e tweet; il rumore che nel tempo, non ci rendiamo nemmeno conto è lì.

Mentre possiamo pensare che sia innocuo, il rumore costante è un pericolo molto reale. L'Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro, ad esempio, riferisce che gli effetti del rumore eccessivo possono includere difficoltà di concentrazione, stress, tensione muscolare, ulcere, aumento della pressione sanguigna e ipertensione.

Gli umani non sono gli unici vulnerabili ai suoi pericoli. Studi scientifici hanno dimostrato che il rumore creato dall'uomo provoca una risposta altrettanto distruttiva alla fauna selvatica, interferendo con le funzioni vitali del nucleo, come la ricerca di cibo, l'accoppiamento e la cura dei giovani.

Mentre gli esseri umani non sembrano interessarsi, per fortuna l'azione è stata presa a nome dell'ecosistema. Secondo un recente articolo del New York Times, il National Park Service (NPS) ha implementato misure per ripristinare la tranquillità in alcuni dei suoi parchi principali. A Muir Woods, ad esempio, la grande foresta di sequoie fuori da San Francisco, è stata imposta una sorta di "silenzio siesta": i parcheggi sono stati spostati dall'ingresso, i veicoli elettrici di manutenzione ora scivolano silenziosamente nel parco e un misuratore di livello decibel ora si blocca fuori dal negozio di articoli da regalo misurando i suoni delle voci dei visitatori. Sembra che la foresta stia rispondendo, come recentemente sono stati osservati due gufi maculati, una specie in via di estinzione che un tempo credeva perduta nell'area.

E se seguissimo il comando NPS e facessimo un "silenzio siesta"? E se avessimo scollegato l'iPod, messo a tacere la cella, spento il televisore, la radio, gli allarmi e i timer? Anche se solo per mezz'ora al giorno, i nostri livelli di pressione sanguigna e di stress potrebbero abbassarsi per quei pochi momenti preziosi. Con uno sforzo continuo, forse i nostri livelli di concentrazione si accentuerebbero. Con un tempo costante lontano dal "rumore" quotidiano, forse i nostri rapporti con i nostri partner, i nostri coniugi e i nostri figli potrebbero migliorare. Ha funzionato in Muir Woods. Perché non nella vita quotidiana?

Non vivere la tua vita in una nebbia di rumore e distrazione. Non, come ha avvertito James Thurber, condurre una vita di "rumorosa disperazione". Concediti un po 'di silenzio siesta. Chissà? Un po 'di pace e tranquillità potrebbe portare un rinnovato senso di guarigione, crescita e possibilità nella tua vita; cose come quelle dei Gufi Spotted, una volta credevano perse.

Per ulteriori letture vedi: http://www.nytimes.com/2011/02/22/science/earth/22sound.html

Solutions Collecting From Web of ""È ora di un silenzio siesta""