È ora di abolire la revisione delle prestazioni dei dipendenti

Secondo solo a licenziare un dipendente, i manager valutano le valutazioni delle prestazioni come l'attività che non piacciono di più. In effetti, la ricerca neuroscientifica ha dimostrato che fornire feedback di valutazione delle prestazioni negative causa un reale dolore fisico sia al dipendente che al manager. La realtà è che la tradizionale valutazione delle prestazioni praticata nella maggior parte delle organizzazioni oggi è fondamentalmente imperfetta e incongruente con i nostri ambienti di lavoro basati sulla valutazione, basati sulla visione e collaborativi.

La pratica di dare valutazioni annuali dei dipendenti o valutazioni delle prestazioni è ampiamente accettata come strumento essenziale e prezioso in tutto il mondo del business. Amazon offre oltre 200 titoli incentrati su questo argomento, con oltre 50 titoli pubblicati dal 1994.

La maggior parte delle recensioni delle prestazioni dei dipendenti sono processi annuali, in cui il manager valuta annualmente il lavoro dei subordinati. In alcuni casi, i dipendenti partecipano anche all'autovalutazione. In molte organizzazioni, gli aumenti salariali annuali sono legati alle valutazioni delle prestazioni, e spesso anche, secondo uno studio, i manager spesso ritardano il loro completamento perché non sono motivati

Robert Sutton, professore della Stanford University, afferma che le valutazioni delle prestazioni fanno più male che bene. Uno studio del 1998 realizzato da D Integration Dimensions Incorporated , ha rilevato che gli stessi datori di lavoro hanno espresso una schiacciante insoddisfazione per le revisioni delle prestazioni. La società di consulenza People IQ , in un sondaggio nazionale del 2005, ha rilevato che l'87% dei dipendenti e dei dirigenti riteneva che le revisioni delle prestazioni non fossero né utili né efficaci. . In un articolo pubblicato su The Psychological Bulletin, gli psicologi A. Kluger e A. Denisi riportano il completamento di una meta-analisi di 607 studi sulle valutazioni delle prestazioni e concludono che almeno il 30% delle revisioni delle prestazioni è finito in una diminuzione della performance dei dipendenti.

Tom Coens e Mary Jenkins, nel loro libro, Abolishing Performance Appraisals: Why They Backfire e What To Do Al contrario, gli studi di dettaglio che mostrano chiaramente le valutazioni delle prestazioni non funzionano e delineano cosa potrebbe sostituirli. Garold Markle, nel suo libro Catalytic Coaching: The End of The Performance Review, sostiene che le recensioni delle prestazioni hanno raggiunto la fine della loro utilità e dovrebbero essere sostituite da un sistema di coaching manager-dipendente.

Aubrey Daniels, un consulente di gestione di fama mondiale, sostiene nel suo libro Oops! 13 Pratiche di gestione che sprecano tempo e denaro, che le valutazioni delle prestazioni non funzionano e sono in realtà controproducenti. Daniels cita uno studio della Society for Human Resource Management (SHRM), che ha rilevato che il 90% delle valutazioni delle prestazioni sono entrambe dolorose e non funzionano; e inoltre, producono una percentuale estremamente bassa di top performer.

Charles Jacobs, autore di Management Rewired: Why Feedback non funziona e altre lezioni di supervisione di Brain Science, afferma che il cervello è cablato per resistere a ciò che viene comunemente definito come feedback costruttivo, ma di solito è una critica negativa. La scienza del cervello ha dimostrato che quando le persone incontrano informazioni in conflitto con la propria immagine di sé, la loro tendenza è quella di cambiare le informazioni, piuttosto che cambiarsi. Pertanto, quando i manager forniscono feedback di valutazione delle prestazioni critiche ai dipendenti, i meccanismi di difesa del loro cervello sono attivati ​​e la motivazione a cambiare è improbabile.

Samuel Culbert, scrivendo sul Wall Street Journal e autore di Get Rid of the Performance Review! In che modo le aziende possono smettere di intimidire, iniziare a gestire e concentrarsi su ciò che realmente conta, dice che "è ora di mettere fine alla rassegna delle prestazioni dalla sua miseria", aggiungendo, "questa finzione aziendale è una delle più insidiose, più dannose e tuttavia più onnipresente delle attività aziendali. "Culbert sostiene che le recensioni sulle prestazioni" infondono la sensazione di essere dominati. Mandano ai dipendenti il ​​messaggio che l'opinione del capo delle loro prestazioni è l'ingrediente chiave della retribuzione, dell'assegnazione e dell'avanzamento della carriera ".

Chiaramente, la revisione annuale delle prestazioni è stata progettata per un ambiente di lavoro in cui il controllo delle prestazioni dei singoli dipendenti era una funzione chiave. Nella squadra odierna e nell'ambiente collaborativo, questa prospettiva non ha più senso. Alcune domande chiave che devono essere risolte sono: Perché stiamo perpetuando un sistema che la ricerca (compresa la recente ricerca sul cervello) mostra non è solo inefficace, ma controproducente; e quali sono i processi migliori per sostituire la revisione delle prestazioni?

Solutions Collecting From Web of "È ora di abolire la revisione delle prestazioni dei dipendenti"