Opportunità di individuare l'inganno in un contesto forense

Mi viene spesso chiesto quali sono le strategie più efficaci per discernere se qualcuno sta mentendo. Sembra essere un argomento di vivo interesse e, in ritardo, uno stimolato dallo show "Lie To Me". Quelli tra voi che leggono spesso i miei blog qui su Psychology Today sanno che ritengo sia importante condividere la scienza dietro le comunicazioni non verbali , compreso ciò che sappiamo sul rilevamento dell'inganno. Ma è anche importante essere consapevoli dei limiti e dei limiti del tentativo di determinare quando qualcuno sta mentendo.

In " What Every Body is Saying" ho dedicato un capitolo alla scoperta dell'inganno, ma con questo avvertimento: ". . . la maggior parte delle persone, sia i laici che i professionisti, non sono molto bravi nel rilevare bugie. " (Navarro 2008, 206) Questa linea è stata scritta nel 2007 e nessuna ricerca o esperienza finora mi ha dissuaso da questa convinzione. In effetti, se leggi il mio ultimo post su " Nonverbals and DNA Exonerations ", puoi vedere, in modo molto dimostrabile, che noi umani siamo terribili nel rilevare l'inganno. In quei 261 casi di esonero del DNA che ho studiato, gli ufficiali sbagliavano il 100% delle volte nel valutare la verità e sbagliare il 100% delle volte nel valutare l'inganno. Questi numeri non sono solo stupefacenti, sono vergognosi e ricordano quanto siamo deboli nel rilevare l'inganno.

Detto questo, e ovviamente non facendo molti amici perché alcune persone lasciano che le credenze si intromettano nei fatti, ci sono cose che possiamo fare, durante un processo di intervista forense, per cercare degli indicatori di possibili inganni.

Spesso in ambienti pubblici, interviste televisive, testimonianze prima del congresso, mi viene chiesto di discernere se la persona intervistata è disonesta, sta nascondendo qualcosa o semplicemente sta mentendo. A cui di solito rispondo, queste non sono buone impostazioni forensi e in quanto tali non favoriscono l'ottenimento della verità né la valutazione dell'inganno. In realtà, questi eventi pubblici sono i peggiori tipi di interviste perché non sono condotti da buoni intervistatori. Molte volte le domande sono redatte da membri del personale del Congresso o produttori televisivi e gli intervistatori di solito non hanno competenze di intervista forense. Anche molte delle domande sono già conosciute dall'intervistato e, peggio ancora, come verranno chieste, che porta via da un processo forense più autentico.

Occasionalmente e per caso la verità è rivelata in questi ambienti pubblici. Un raro esempio di ciò è stato il caso della bufala Balloon Boy nell'ottobre del 2009. In quel caso, il figlio del noto ricercatore di pubblicità Richard Heene, inavvertitamente ha sconcertato la verità durante un'intervista in diretta con Wolf Blitzer. Siccome la verità è stata rivelata da suo figlio, Richard Heene ha emesso un'espirazione catartica (vedi video a 48-50 secondi), il tipo che sentiamo nelle impostazioni forensi quando una persona si rende conto che il jig è attivo e lui è stato scoperto. Ma questo tipo di rivelazioni raramente viene fuori nelle udienze pubbliche o quando gli individui sono confrontati dai media perché è così facile sfuggire al controllo quando il tuo intervistatore non è preparato, non sa cosa cercare, né è abbastanza agile da seguire- con domande più acute.

Per l'intervistatore addestrato, ci sono modi per fare domande, in un contesto legale, in cui si ha il controllo dell'ambiente e il tempo non è un fattore che può aiutarvi nel processo di valutazione per l'inganno. Nota che ho detto " fai domande " perché quando le persone sono autorizzate a rilasciare dichiarazioni vaganti o controllano il teatro dell'intervista, rendono difficile individuare l'inganno. Tuttavia, quando alle persone vengono poste domande da un intervistatore competente, in una sequenza appropriata con particolare attenzione, in realtà abbiamo quattro opportunità per rilevare l'inganno.

Quattro opportunità da valutare per l'inganno

Durante ogni processo di intervista, specialmente in un contesto legale, ci sono fondamentalmente quattro opportunità, per domanda, per valutare se la persona nasconde qualcosa, turbata da una domanda, mentendo o ha qualche tipo di conoscenza colpevole (solo il colpevole potrebbe sapere di informazioni molto specifiche).

Prima opportunità: porre domande

La prima opportunità è quando poni la domanda. Mentre l'intervistato sente la domanda cercare comportamenti che indicano che l'individuo sta congelando o limitando il movimento, viene influenzato negativamente dalla domanda (labbra compresse, ritiro del mento, negazione ventrale, ecc.) O inizia a pacificare. Questi indicatori sono ampiamente trattati nei miei libri, What Every Body is Saying e Louder Than Words , così come in molti dei miei precedenti articoli qui su Psychology Today . Un buon intervistatore pone la domanda e osserva senza essere invadente, senza mostrare dubbi o sospetti. Una volta che ogni domanda viene posta, l'intervistatore aspetta e osserva. Cosa stanno cercando? Qualsiasi segno di disagio che si vede solitamente sul corpo. Questo è uno dei motivi per cui ho scritto " Indizi per l'inganno ", in modo che l'osservatore potesse esaminare oltre 200 comportamenti associati all'inganno, iniziando dalla fronte fino alle dita dei piedi.

Per il colpevole, non tutte le parole hanno lo stesso peso. Un killer che ha usato un rompighiaccio reagirà a quella parola in modo diverso rispetto a quando gli viene chiesto di un machete o di un coltello o di una pistola. Quelle parole non avranno lo stesso effetto limbico, perché solo la parola "rompighiaccio", lo strumento della morte, è una minaccia per lui (Navarro 2010, 25-29).

Seconda opportunità – Elaborazione della domanda

La seconda opportunità per valutare l'inganno o la conoscenza colpevole è quando l'intervistato elabora la domanda che ha appena ascoltato. Ora è vero che alcune persone elaborano le domande molto velocemente mentre altre prendono il loro tempo. Non importa cosa, l'intervistatore sta cercando di vedere quali sono gli effetti sull'intervistato mentre elaborano la domanda. Chiedono di ripetere la domanda, forse una tattica dilatoria? Sono turbati dalla domanda? Sono titubanti, sembrano come se stessero facendo trigonometria nella testa (carico cognitivo), si sono improvvisamente bloccati le caviglie attorno alle gambe della sedia, stanno guardando dritto congelati, i loro occhi si muovono, hanno fatto battere le palpebre vai su? Cambiamenti nel comportamento o espressioni facciali significano cambiamenti nel pensiero o nelle emozioni. Se l'intervistato sta lottando con la domanda o sembrano essere turbati dalla domanda, allora è per l'intervistatore a determinare il perché.

Terza opportunità – Risposta

La terza opportunità di valutare l'offuscamento, l'inganno o la conoscenza colpevole è quando l'intervistato risponde alla domanda. Mentre rispondono, lo fanno con convinzione, senza esitazione, con una voce incrollabile, con dominio? Oppure limitano il movimento del braccio, calmano e si calmano, pretendono meno spazio, nascondono i pollici o le dita, i palmi rivolti verso l'alto piuttosto che verso il basso, è il mento più che fuori, e sono le spalle alzarsi verso le orecchie? Se appaiono miti, privi di fiducia, una spalla è alta mentre l'altra è bassa, la voce ha un tono più alto, c'è riluttanza a rispondere, o la loro voce manca di enfasi, ci possono essere problemi per esplorare ulteriormente. Tutte queste cose parlano all'intervistatore.

Quarta opportunitàPost risposta

La quarta opportunità di valutare l'intervistato è dopo che lui o lei ha risposto alla domanda. A quel punto un buon intervistatore aspetterà e vedrà la creazione di una pausa dall'aspetto naturale ma pregnante in modo che l'intervistato possa essere osservato per vedere se ci sono esalazioni catartiche , comportamenti pacificatori, dimenamento sulla sedia o sollevamento del torace. Questi comportamenti parlano anche i volumi all'intervistatore. La maggior parte delle persone non si rende conto che, dopo aver risposto a una domanda, l'intervistato, se ha conoscenza colpevole, si muove, si autoregola, espira con le guance gonfie, espira prolungato, si tocca da sé o si autoalimenta per alleviare lo stress o ha sopportato di sentire la domanda, elaborarla e rispondere a questa domanda. Ecco un'altra opportunità per cercare indicatori di inganno. Ovviamente, queste tecniche non possono essere utilizzate dalle personalità televisive o dagli inquisitori del Congresso perché l'impostazione non è favorevole a questo tipo di intervista forense lunga e approfondita.

Come ho affermato in precedenza qui su Psychology Today e altrove, errori di linguaggio, esitazione, mancanza di fiducia, indicatori di stress e ciucci in relazione a una domanda suggeriscono semplicemente che ci sono problemi. Indicano che uno stimolo (una domanda) sta creando stress e che c'è qualcosa da perseguire. Tuttavia, gli indicatori di stress non sono, e io ammetto, indicativi conclusivi dell'inganno (Ekman 1991, 162; Vrij 2000, 5-31). Come il mio amico Dr. Mark G. Frank, mi ha ripetutamente detto, "Joe, sfortunatamente, non c'è un 'effetto Pinocchio', quando si tratta di inganno" (Navarro 2008, 230).

Conclusione

Non ci possono essere indicatori conclusivi di inganno, ma ci sono cose che possiamo cercare sia in ciò che viene detto, sia nel linguaggio del corpo dell'individuo. L'esperienza mi insegna che abbiamo queste quattro opportunità d'oro, per ogni domanda durante un'indagine appropriata per cercare quegli indizi. Nelle mani di bravi ricercatori, queste tecniche spesso li portano a discernere la verità, a portare alla luce cose che sono nascoste, a individuare problemi di preoccupazione ea volte, a volte, a scoprire una bugia.

———

Per ulteriori informazioni e una robusta bibliografia si prega di contattare l'autore su www.jnforensics.com. Puoi anche seguire Joe qui sul blog di Psychology Today Spycatcher o su Twitter all'indirizzo: @navarrotells.

Bibliografia

Ekman P. (1991). Raccontare bugie: indizi di inganno nel mercato, nella politica e nel matrimonio . New York: WW Norton & Co.

Navarro, Joe. 2010. Indizi per l'inganno . Edizione Kindle, USA

Navarro, Joe. 2010. Più forte delle parole . New York: Harper Collins.

Navarro, Joe. 2008. Che cosa sta dicendo ogni corpo . New York: Harper Collins.

Vrij, Aldert. 2000. Rilevamento di menzogne ​​e falsità: la psicologia della menzogna e le implicazioni per la pratica professionale . Chichester, Inghilterra: John Wiley & Sons, Ltd.

Copyright © 2010, Joe Navarro Immagine del rompicapo di Clyde Lee Conrad, noto bugiardo.

Solutions Collecting From Web of "Opportunità di individuare l'inganno in un contesto forense"