Oppioidi: un'approvazione per gli anziani

Recentemente, l'American Geriatrics Society (AGS) ha suggerito che i pazienti con dolore cronico di età superiore ai 75 anni dovrebbero evitare l'uso di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Questa è una nuova raccomandazione basata sulle rivelazioni che sono state con noi per la maggior parte del decennio, per quanto riguarda i gravi rischi del tratto cardiovascolare e gastrointestinale associati all'uso dei FANS. Inoltre, è noto da tempo che i FANS possono peggiorare l'ipertensione e la funzionalità renale e l'insufficienza cardiaca congestizia, in particolare nella popolazione più anziana.

Pertanto, il paracetamolo, comunemente noto come Tylenol, è la terapia sistemica iniziale di scelta per il paziente più anziano con dolore cronico, assumendo naturalmente che il paziente non abbia una grave malattia del fegato. Tuttavia, le raccomandazioni AGS incoraggiano la considerazione dei farmaci oppioidi nell'anziano con dolore persistente. E il dolore persistente è un sintomo troppo frequente del paziente anziano, che sia dovuto a degenerazione spinale, artrite, dolore alle gambe notturno o cancro.

L'AGS ritiene che i FANS in molti casi siano associati a un rischio molto maggiore rispetto alle diverse strategie di trattamento degli oppioidi. Tuttavia, i medici devono essere vigili per gli eventi avversi associati all'uso di oppioidi e per il dolore episodico intenso.

Gli eventi avversi associati agli oppioidi negli anziani comprendono delirio, anoressia, nausea, vomito e stitichezza.

Ma come per la maggior parte degli aspetti delle cure mediche per quasi tutte le età, il trattamento del paziente più anziano con dolore cronico richiede un approccio individualizzato, tra cui l'intervento psicologico e la terapia fisica, tra gli altri.

Solutions Collecting From Web of "Oppioidi: un'approvazione per gli anziani"