One Big Lucid Dreaming Lovedoll

La "nonna dell'erotismo" Susie Bright

sull'assalto al

cancelli dello status quo, diventando una vecchia signora sporca, e altri modi per essere felici.

Ariel: hai appena scritto un delizioso libro di memorie, Big Sex Little Death . Accompagna le liste dei bestseller LGBT e sale sulle liste nazionali: pistole, droga, attivismo adolescenziale, sesso a tre, campo comunista, giornalismo rivoluzionario. Sei un attivista di tipo Bodhisattva, accontentato di ritardare la felicità personale fino a quando tutti gli esseri sono liberi, o stai divertendo abbastanza lungo il modo di chiamare questo quasi Nirvana?

Susie: Temo di essere un masochista del lavoro che invidia il divertimento. Un problema che deve essere rimosso prima che diventi un vaiolo.

Dico che farò più tempo libero, divertimento più antipatico, ma poi l'esasperato vincitore del pane in me parla: "Oh sì? E chi pagherà le bollette? "

Il mio pasticcio interiore e pieno di casse non chiude mai. Giuro che un giorno fartirò tutto e diventerò un drogato di Oxy che vive su un'amaca.

Il presente è difficilmente il Nirvana e non c'è una pentola di relax oro alla fine dell'arcobaleno. Ma prendere d'assalto le porte dello status quo è piuttosto elettrizzante di per sé.

Ariel: Nell'introduzione a The Second Sex , Simone de Beauvoir mette in guardia le attiviste donne contro di noi stessi troppo con la questione della felicità – o almeno contro di noi stessi troppo con il tipo di felicità che ci è stato insegnato a cercare.

Dice: "Le donne dell'harem non sono più felici delle donne votanti? La governante non è più felice della lavoratrice? … In particolare coloro che sono condannati alla stagnazione sono spesso dichiarati felici con il pretesto che la felicità consiste nel riposo. Questa nozione la rifiutiamo … "

Come una donna che non ha mai (apparentemente) riposato, dove hai trovato il più grande raccolto di felicità?

O la gioia non è la tua preoccupazione?

Susie: La amo scrivere su quell'argomento, nel senso che l'ignoranza può essere beatitudine, ma chi lo vuole? Sono d'accordo. Non penso alla felicità come a uno stato che si ottiene e poi si mette in "parcheggio" come un'auto in un parcheggio della Pink Cloud. Per me, la felicità è fugace, ed è per questo che è così ricercata e amata nella memoria.

Fare qualcosa di creativo mi fa sempre uscire dalla mia routine, come scrivere: allevia sempre il mio brutto mojo. Così è stare fuori, tutte le cose sane come ballare e sudare e cantare e scavare un buco per piantare un albero da frutto. Devo sempre litigare con il mio cattivo umore per dargli un vortice. Non ricordo mai in anticipo che queste cose mi facciano subito sentire bene. Devo in qualche modo ingannarmi per iniziare e poi, voilà, all'improvviso mi sto divertendo molto.

Per quanto riguarda la rivoluzione, mi sento molto fortunato di essere stato nel mezzo di alcune rivolte, proprio nel mezzo, dove si vedevano alcune persone cambiare il mondo. Non c'è niente come la giustizia; quando dici "gioia" è più vicino che ci sia arrivato.

Quando i giovani hanno riempito la piazza in Egitto la scorsa primavera, ho appena pianto la mia mente con ricordi e felicità. Sapevo esattamente come si sentivano: stare svegli tutta la notte a parlare e cantare, le braccia collegate, la sensazione di poter fare l'amore con chiunque, che tutto è possibile, guardando i dittatori che si sbriciolano davanti ai tuoi occhi. Bei tempi.

Ariel: Un paio di scrittori della mia classe online erano al Cairo per la rivoluzione e questa era una magia anche da qui, che si collegava ogni giorno, chiedendosi se fossero in grado di andare online, chiedendosi cosa avrebbe portato il giorno. Il resto di noi era così preoccupato per loro, ma grandi applausi salivano quando si collegavano per dirci cosa la CNN non voleva.

Susie: Adoro gli amici online che ho creato in quei giorni e da allora sono in costante contatto con Twitter.

Ariel: Quando mi identifico come donna che rivendica la parola "strega" e ricordo ai miei amici che potrei essere una nonna da un giorno all'altro, hanno pietà di me e mi rassicurano che guardo ancora 15.

In effetti, non guardo 15.

Non voglio sembrare che abbia 15 anni.

Hai intenzione di essere una strega di Baba-Yaga felice e saggia quando arriverà il momento? O stai prendendo gli ascensori e il lipo?

Susie: Vorrei essere semplicemente attraente senza alzare un dito o spendere un centesimo. È un'opzione? Non è divertente diventare invisibili, sessualmente. Sicuramente noto il mio "atto di scomparire" e la mia vanità è ferita. Non c'è da meravigliarsi se la gente compra auto sportive e si prende gioco di sé.

Cominci a chiedermi quanto la tua libido sia ego e quanto sia la vera lussuria. Non sono mai stata una grande reginetta di bellezza, ma ho capito che essere giovane era sufficiente. Molta attenzione

Betty Dodson mi ha detto che l'unica via realistica per invecchiare le donne è quella di abbracciare la tua "vecchia signora sporca". Dice che il vantaggio di essere invisibile è che puoi fissare a tutti gli altri quanto vuoi. Sfregati in pubblico, nessuno ti vede nemmeno. Non si tratta della tua vanità, si tratta di ciò che desideri, di ciò che ti muove, non se stai andando a cercare qualcun altro. Quanto è nuovo per il punto di vista femminile, eh? Spero che mi stia dirigendo in quella direzione.

Ariel: In una scena particolarmente selvaggia e risonante del tuo libro di memorie, tua madre cerca essenzialmente di ucciderti. Nei capitoli successivi, il tuo rapporto con tua madre è meno violento, se non in qualche modo riparato. Tuttavia, credo che non avere l'amore materno come un incondizionato garantito faccia per un tipo completamente diverso di relazione con il sé e il mondo più grande. Sono colpito dal fatto che tu possa condividere questa storia senza travolgere la storia della tua vita. Puoi offrire un consiglio per le persone le cui madri hanno abusato di loro, disconosciuto, cercato di ucciderlo o fondamentalmente fatto sentire come inutili sacchi di spider? Forse una punta di consigli su come non rendere la nostra storia centrale, ma solo un tema ricorrente, solo un capitolo, se è così.

Susie: Sono così perplesso da questo come te. Perché una persona sopravvive e prospera dopo un trauma e un'altra no? Di certo non emergono senza cicatrici, ma quelle cicatrici non necessariamente mappano il resto della tua vita. Sono stato amato da molte persone care, sono stato presentato molto giovane alla vita della mente e delle arti, che è sempre stato il mio rifugio. Ho imparato molto dalla terapia e dalla mia speleologia psicologica; Devo allevare mia figlia e rompere alcuni degli incantesimi da favola, è così? O è solo il mio particolare sacchetto di ormoni e sali, una svolta del destino? Nei miei brutti giorni, non penso che mi daresti alcun riconoscimento.

Ecco il mio unico grande consiglio che non può essere negato: prendi le distanze fisiche dalle persone che stanno cercando di colpirti, ucciderti, ferirti. Diventate più grandi e scappate, salvate, prendete il cazzo. Ogni giorno che passa senza il dominio fisico e la minaccia, ti senti un po 'più sano di mente.

Ariel: Qual è l'intersezione tra sesso e felicità?

Susie: continuo a pensare che questa sia una domanda trabocchetto. Orgasmo, amore, intimità spontanea, amicizia per tutta la vita, ricordi teneri, possibilità di vita, la sensazione che tu sia umano, dopo tutto … sono troppo ovvio? Il sesso è interessante, è rivelatore, taglia le assurdità, ha la possibilità di una grande onestà … tutti quelli che potrebbero rendere un giorno felice o uno scioccante!

Ariel: Ah ah, è una domanda trabocchetto. Che ne dici dell'incrocio tra attivismo e felicità?

Susie: Vedere l'impossibile materializzarsi davanti ai tuoi occhi!

Ariel: E tra creatività e felicità?

Susie: scomparendo nel tuo mondo di storie. Lo adoro. Sono un grande folletto sognatore lucido.

Solutions Collecting From Web of "One Big Lucid Dreaming Lovedoll"