Omicidi di massa: una montagna di emozioni miste

Omicidi di massa a Isla Vista (IV), sei morti, tredici feriti : shock, rabbia e confusione.

Viviamo a cinque minuti dalla IV, il mio ventenne è lì per molti fine settimana: paura, impotenza e vulnerabilità.

Quindici adolescenti si accampano a casa nostra per il compleanno di mia figlia mentre i video e le storie esplodono in TV e in Internet il giorno dopo : provano disgusto, shock, paura e sconcerto. Uno dice "non sembra brutto" come le storie del suo rifiuto da parte delle donne in superficie.

Io e mia moglie attraversiamo la IV e passiamo 8 camion televisivi che parlano da tutto il mondo : ci sentiamo fuori posto, imbarazzati e irrispettosi per essere guardoni. Gli studenti si sentono arrabbiati e risentiti che la loro comunità sulla spiaggia si sia trasformata in un circo. Un segno che sostengono dice "vogliamo che la guarigione non voti".

Scrive Elliot Rodger nel suo manifesto che provava invidia e gelosia da quando aveva nove anni. Compassione e desideri era meno tormentato.

20.000 partecipano a un memoriale dell'UCSB : lutto, dolore, empatia e compassione per la famiglia della vittima, la rabbia che il perpetratore riceve così tanta attenzione, capacità di recupero, forza e speranza.

Il padre di una vittima racconta una storia alla folla su suo figlio, che termina con

"Siamo stati abbattuti, ma dobbiamo alzarci e andare avanti". La folla gli fa una standing ovation.

Le nostre emozioni sono traboccanti, possiamo essere sopraffatti e sentirci fuori controllo, non solo per Elliot Rodgers ma per tutti noi che abbiamo sentito parlare di questa tragedia. Ognuno di noi affronta le nostre emozioni e reazioni in modo diverso, sia che siamo uno studente, un genitore, un membro della comunità o un testimone globale del massacro e dei video in TV ripetutamente.

Cosa facciamo con tutti i sentimenti contrastanti sui nostri ultimi omicidi di massa?

Sono troppo vicino a negare, esternare o minimizzare questo evento come io e spesso facciamo con le tragedie.

Auto-consapevolezza emotiva:

L'autocoscienza emotiva è una delle competenze fondamentali dell'intelligenza emotiva per capire quali sono i sentimenti e le loro implicazioni.

"Un'emozione è uno stato psicologico complesso che coinvolge tre componenti distinte: un'esperienza soggettiva , una risposta fisiologica e una risposta comportamentale o espressiva ."
(Hockenbury & Hockenbury, 2007)

Dovremmo tenerlo dentro o farlo uscire? Come lo facciamo uscire e per quanto tempo?

Cosa fare con i sentimenti

Pensiamo che se neghiamo o riempiamo i nostri sentimenti essi si biodegradano e alla fine si dissolvono. Invece di biodegradarsi marciscono e sbucano di lato spesso in modi inappropriati.

Mia moglie ed io processiamo gli omicidi parlando di questo ed entrambi i nostri figli dicono che non vogliono più sentirlo, è negazione, paura, ansia, evasione, repressione o sollievo per non sentire la loro vulnerabilità? Per tutti noi, accettiamo di avere a che fare con queste emozioni a modo nostro.

Molti di noi hanno imparato a "NASCONDERE" i nostri sentimenti più profondi. Non abbiamo imparato come gestire in modo costruttivo e gestire i sentimenti. Un cambiamento benefico sarebbe quello di consentire ai sentimenti che sono stati nascosti a HID .

Per fare questo, possiamo cambiare HID con l'acronimo IHD. Ciò significa (1) Identificare e riconoscere i sentimenti, (2) Onore e accettare i sentimenti, e (3) Consegnare , sperimentare o comunicare i sentimenti a se stessi, a un altro o alla fonte. Quanto segue è una spiegazione più dettagliata di ciascuno di questi passaggi:

1. Identificare e riconoscere i sentimenti: i sentimenti sono una parte significativa dell'esperienza umana. I sentimenti non sono giusti o sbagliati; fanno parte della vita ed esistono nel loro diritto. Sperimentare i nostri sentimenti aiuta a superarli, piuttosto che evitarli.

Cavalchiamo le tempeste a casa e lavoriamo per metterci comodi in quelle situazioni di disagio. I sentimenti arrivano in ondate di intensità seguite dalla tranquilla tranquillità quando si abbassano.

Identificare i tuoi sentimenti aiuta dandogli un nome. Cosa provi ora mentre quella sensazione ti attraversa velocemente. In Alcolisti Anonimi dicono che devi "nominarlo per domarlo o nominarlo per rivendicarlo".

Ora sappiamo dai neuroscienziati del cervello che "influenzare l'etichettatura" come viene chiamato può aiutare a ridurre l'eccitazione emotiva, poiché identificare l'emozione è una funzione della corteccia prefrontale.

2. Onora e accetta i sentimenti : dopo aver identificato il sentimento, vogliamo onorarlo e accettarlo. Qui sei incoraggiato ad accettare e possedere i tuoi sentimenti come componenti preziosi nel sistema umano. In questa fase del processo, il messaggio "Va bene a sentire" prende il posto dei nostri messaggi condizionati "Non sentire". Onorare i tuoi sentimenti è un mezzo per possedere o essere responsabile per il tuo dominio emotivo. È un modo per essere fedeli a te stesso. A volte può essere opportuno arrendersi al sentimento piuttosto che combatterlo.

Come psicologo ed executive coach, spesso aiuto le persone a normalizzare i loro sentimenti che chiunque nella loro situazione potrebbe provare questi sentimenti.

Le persone si sentono sempre, a diversi livelli di intensità. Ogni sensazione porta informazioni su chi siamo veramente in quel momento. Fai del tuo meglio per viverli, sentirli pienamente e cavalcarli come un'onda. Nel tentativo di onorare e accettare i tuoi sentimenti non spendere un sacco di tempo facendo una delle seguenti azioni:

a) Essere con persone che cercano di negare o correggere i propri sentimenti

b) Ripieno, cambiamento o evitare i tuoi sentimenti

c) Spiegare i tuoi sentimenti o trovare una ragione per loro.

d) Alla ricerca della loro fonte o dissotterrarne la causa.

e) "Fare qualcosa" su di loro o "fare qualcosa" su di loro.

f) Sopportandoli come una sorta di martirio.

Quindi, una volta identificati i nostri sentimenti, onoriamo la loro esistenza o diventiamo onesti con noi stessi ammettendo che li abbiamo, nonostante il fatto che potrebbero non sentirsi bene.

Sentire è naturale; evitare i sentimenti è innaturale e presenta una diga nel flusso naturale delle emozioni.

3. Fornire esperienza o comunicare i sentimenti a te stesso; un altro o la fonte: in questo passaggio, i nostri sentimenti vengono recuperati, sperimentati e realizzati. Ci sono momenti in cui stai veramente vivendo i tuoi affetti profondi e non è necessario esprimere parole. Si è verificato un cambiamento. L'emozione è sentita e quindi consegnata tra due individui. Può essere uno sguardo, un sentimento condiviso, una mano sulla spalla o altra comunicazione non verbale. Questo è ciò che il memoriale dell'UCSB ha servito per le migliaia di persone presenti.

Assicurati che la persona a cui vuoi offrire i sentimenti possa effettivamente riceverli ed è pronta a prenderli. Non vuoi trasmettere i tuoi preziosi sentimenti a qualcuno che li nega o non li accetta come appropriato o peggio giudica loro e te.

Molte volte, tuttavia, è necessario uno sforzo maggiore per trasmettere queste emozioni. Ciò può comportare la comunicazione di questi sentimenti agli altri o alla fonte con cui i sentimenti sono stati vissuti. Esprimere sentimenti in modo responsabile con dichiarazioni I è appropriato. La difensiva o la colpa non consentono di trasmettere l'affetto più profondo. Idealmente, puoi insegnare e modellare come esprimere sentimenti più profondi, creando al contempo un ambiente sicuro affinché gli altri lo rendano possibile

Se una persona con cui ti trovi a tuo agio o la fonte di questi sentimenti non è disponibile, esprimerli a te stesso attraverso la scrittura di un diario può essere molto efficace.

L'atto di sperimentare e comunicare sentimenti profondi usando qualsiasi modalità disponibile può essere di per sé molto salutare. Questo offre un'opportunità di lasciarsi andare, che a sua volta può creare più energia per affrontare le relazioni qui e ora.

Una delle paure comunemente vissute dagli individui per quanto riguarda il modo di affrontare i loro sentimenti è che se davvero provano questo sentimento proibito, li travolgerà e non si fermerà mai. Questo non è vero.

I sentimenti sono come le onde che hanno momenti di intensità, quindi si dissipano e tornano indietro come un'onda. Le persone vicine a te devono capire questo per darsi il permesso di sentire. Nella maggior parte dei casi, una persona rimarrà in uno stato emotivo elevato per meno di dieci minuti e ci saranno sempre intervalli.

Quando i sentimenti sono veramente sentiti accettati e sperimentati, c'è un cambiamento o cambiamento. Il nostro magazzino di difficili emozioni profonde è FINITO. Cioè, le persone che persistono nell'affrontare le loro difficili emozioni profonde, entro un periodo di mesi, finiranno il lavoro.

Se non possiedi le competenze o l'addestramento necessari, non cercare di affrontare problemi con cui ti trovi a disagio. Tuttavia, il processo IHD di identificare e riconoscere i sentimenti, onorare e accettare i sentimenti, e quindi fornire i sentimenti in modo appropriato può essere una risorsa che tutti possono utilizzare per affrontare i tuoi sentimenti degli omicidi di massa in IV e altre emozioni inquietanti che si verificano nel tuo vita.

In sintesi, molti di noi non hanno mai imparato a gestire i sentimenti in modo costruttivo. Pensiamo che questi sentimenti irrisolti siano biodegradabili, quando in realtà ci stanno contaminando come una tossina. Quello che abbiamo imparato a fare con i sentimenti è:

Tenerlo in attesa Altro Off Hold On

Ecco come si diffonde la contaminazione. Ora possiamo aiutare le persone a navigare queste emozioni negative, imparando come

Lascialo Lascia che altri facciano

Visita Relly a www.truenorthleadership.com per strumenti e risorse gratuiti per migliorare la tua intelligenza emotiva.

Solutions Collecting From Web of "Omicidi di massa: una montagna di emozioni miste"