Omaggio

Ho fatto un respiro profondo e ho ascoltato il vecchio raglio del mio cuore. Sono. Sono. Lo sono – Sylvia Plath

Il sé è formativo alla psicologia. In effetti, il concetto è così fondamentale per il campo che la sua esistenza è quasi indiscussa. Tuttavia, il sé è difficile da descrivere. Nonostante i diversi metodi di fumo e specchi pensati per rendere il misterioso materiale, il sé rimane elusivo, noto ma sconosciuto.

È anche molto personale, il che potrebbe spiegare perché ci sia voluto tanto tempo perché la scienza ammettesse che gli animali diversi dagli umani hanno un senso di sé. Perché nel riconoscere che una presunta così diversa come una mucca, un corvo o uno scimpanzé possiede la stessa essenza che definisce un'identità individuale simile alla nostra [1], l'illusione dell'unicità umana svanisce con la stessa sicurezza dei vestiti nuovi dell'Imperatore. Bear in Mind di questa settimana è dedicato a un io molto speciale, Tom, uno scimpanzé che ha sopportato anni di incarcerazione e dolore come soggetto in esperimenti biomedici. Il 10 dicembre 2009, Tom è morto all'età di quarantaquattro anni.

Viktor Frankl ha detto che se non si può cambiare una situazione, allora si cambia se stessi. Per trent'anni, Tom non riuscì a fuggire dalla sua vita dietro le sbarre, né le procedure di routine, spesso pericolose per la vita, imposte al suo corpo. Eppure, in qualche modo è sopravvissuto. Indubbiamente, Tom si era trasformato in una persona che una volta si divertiva con la sua famiglia in paesaggi africani prima della sua cattura. Un'occhiata alla sua storia medica rivela le devastazioni psicologiche e fisiche di numerosi esperimenti di laboratorio. Ma il suo sé essenziale è durato. Dopo essere stato rilasciato nel santuario, Tom divenne un leader saggio e compassionevole di altri rifugiati scimpanzé, anch'essi esiliati dalle loro terre, estendendo persino l'amicizia agli umani, la specie che aveva causato la sua dolorosa sofferenza.

Sì, Tom aveva un sé: provato sia dal rigore della scienza [2] sia da coloro che si prendevano cura di lui e lo conoscevano [3]. Tom aveva un sé, un grande, e uno a cui tutti potremmo aspirare. Grazie, Tom, per averci mostrato la vera umanità.

[1] Bradshaw, GA, J. Yenkosky e E. McCarthy. 2009. Disregolazione affettiva aviaria: modelli psichiatrici e trattamento per i pappagalli in cattività. Atti dell'Associazione dei veterinari aviari . 28th Annual Conference, Minnesota.

[2] Bradshaw, GA, T. Capaldo, G. Grow e L. Lindner. 2009. Effetti del contesto sullo sviluppo dell'autopultura post-trauma biculturale negli scimpanzé. Psicologia dello sviluppo. 45: 5, 1376-1388.

[3] http://www.faunafoundation.org

Gay Bradshaw, PhD, PhD è direttore esecutivo di The Kerulos Center ( www.kerulos.org ) . È l'autrice di Elephants on the Edge: quali animali ci insegnano l'umanità , un ritratto psicologico approfondito di elefanti in cattività e in natura. Il suo lavoro si concentra sulle relazioni uomo-animale e sul recupero del trauma di specie che comprendono elefanti, orsi grizzly, tartarughe, scimpanzé e pappagalli.

Credito fotografico e copyright M. Seres
Courtesy Fauna Foundation

Solutions Collecting From Web of "Omaggio"