Oltre l'eclisse della ricerca sui grandi sogni

Venerdì 19 febbraio, visiterò l'Atlanta Jung Society e parlerò di "Grandi sogni: religione, scienza e teoria di Jung sui sogni altamente memorabili", seguito da un seminario intitolato "Dreaming as Theatre of the Psyche" "Ho scritto il seguente saggio per la newsletter della Società come preludio al discorso e al seminario. Chiunque abita nell'area di Atlanta è invitato a unirsi a noi!

"Grandi sogni", come originariamente concettualizzato da CG Jung, sono sogni rari, estremamente vivaci e altamente memorabili che le persone sperimentano come radicalmente diversi dai contenuti relativamente banali e dimenticabili dei "piccoli sogni". Per apprezzare l'importanza di questa distinzione tra grandi e piccoli sogni, si deve accettare la premessa di base che i sogni in generale hanno un certo grado di significato. Sfortunatamente molti psicologi negli anni successivi a Jung persero fiducia in quella premessa, a causa di sviluppi scientifici che sembravano mettere in dubbio l'intera impresa della ricerca onirica. Durante la seconda metà del XX secolo, pochi investigatori dedicarono molto tempo o energia allo studio delle forme più insolite e intensificate dell'esperienza onirica che Jung caratterizza come sogni "grandi". Ora, tuttavia, grazie agli sviluppi tecnologici del 21 ° secolo nella scienza cognitiva e nell'analisi dei dati, si può fare un caso migliore per il significato psicologico e il valore terapeutico del sogno in generale, e in particolare dei grandi sogni altamente memorabili e di forte impatto. I tempi sono maturi per un nuovo approccio al tipo di sogni che Jung ha definito "i gioielli più ricchi nella casa del tesoro dell'esperienza psichica".

Il mentore di Jung nello studio dei sogni, Sigmund Freud, non era particolarmente interessato a distinguere tra diversi tipi di sogni, grandi, piccoli o meno. L'obiettivo principale di Freud era quello di illuminare le radici inconsce di un sogno nei desideri, nelle paure e nelle fantasie infantili del sognatore. Dal suo punto di vista il sogno stesso è irrilevante e può essere ignorato una volta identificato il desiderio sottostante. Infatti, poiché la teoria di Freud postula che il sogno serve a proteggere il sonno dalle eruzioni disturbanti dall'inconscio, un grande sogno potrebbe essere visto come un fallimento totale della funzione fondamentale del sogno. Nel suo lavoro terapeutico Freud si è concentrato su emozioni forti, immagini insolite e metamorfosi del personaggio nei resoconti dei sogni dei suoi clienti, che sono tutti segni frequenti di grandi sogni, quindi aveva una certa familiarità pratica con il valore del sogno intensificato. Ma non ha mai fatto il prossimo passo per esaminare le qualità distintive di questi sogni e riflettere su cosa intendono per la nostra comprensione psicologica della mente umana. Quel passo fu lasciato per l'ex amico e seguace di Freud, Jung.

In realtà, Jung ha compiuto due passi importanti che hanno contribuito a spianare la strada a ulteriori indagini in questo ambito. Oltre a nominare la differenza fondamentale tra i sogni medi e i grandi sogni altamente intensificati, Jung ha anche riconosciuto l'importanza di studiare i sogni in una serie, attraverso un periodo di tempo. Ha trovato nel suo lavoro clinico che guardare una serie di sogni, non solo singoli sogni isolati, ha consentito una migliore prospettiva sulle dinamiche psicologiche della vita di una persona rispetto a quella che si poteva ottenere da un singolo sogno. Non solo si trattava di un'intuizione inestimabile a fini terapeutici, ma forniva anche un modo per chiarire il concetto dei grandi sogni. Per dire precisamente ciò che rende un sogno insolito e straordinario, aiuta a sapere ciò che conta come il solito e ordinario schema del sogno. Studiare una serie di sogni può identificare quegli schemi generali, così diventa più facile determinare con più specificità ciò che rende grandi i sogni grandi.

Sia Freud che Jung svilupparono le loro idee sui sogni partendo dalle stesse fonti di conoscenza: le loro esperienze personali, le loro pratiche cliniche con pazienti mentalmente malati, le loro letture profonde della filosofia e teologia classica e le loro prime impressioni sul significato dell'evoluzione darwiniana per le teorie di natura umana. In termini terapeutici, gli approcci freudiani e junghiani all'interpretazione dei sogni hanno funzionato: hanno permesso ai clienti di esprimere preoccupazioni emotivamente importanti e sentimenti difficili, e hanno dato ai terapeuti una nuova finestra sui conflitti inconsci dei loro clienti. Il valore pratico dell'inclusione dei sogni in psicoterapia non è mai stato messo seriamente in discussione da chi ha una reale esperienza nel processo, e recenti lavori di Clara Hill e Milton Kramer mostrano quanto sia viva questa zona di studio.

Tuttavia, col passare del tempo, gli psicologi mainstream trovarono sempre più difficile sostenere le affermazioni teoriche dei primi pionieri dello studio dei sogni. In particolare, due colpi hanno suscitato un grande scetticismo nei confronti degli approcci freudiani e junghiani, portando a un'eclissi generale di interesse nei sogni di qualsiasi tipo o varietà attraverso la parte migliore del XX secolo. Il primo colpo è stata la scoperta di due tipi di sonno fondamentalmente diversi, noti come il sonno rapido (REM) e il sonno NREM (Non Rapid Eye Movement) da ricercatori americani, e indicati come sonno paradosso (PS) e sonno ad onde lente ( SWS) da ricercatori francesi. Entrambe le serie di termini si riferiscono a cicli regolari di variazione dei livelli di attivazione in tutto il cervello durante un normale sonno notturno. I ricercatori hanno scoperto presto che il richiamo del sogno era strettamente associato alle fasi più intense dell'attivazione durante il ciclo del sonno, il che suggeriva che i sogni erano causati da processi automatici del sistema neurale nel sonno (questo non è vero, ma sembrava così per molti anni). Questi risultati hanno reso molto più difficile sostenere che un approccio psicologico potrebbe raggiungere i livelli "più profondi" del significato di un sogno, poiché le neuroscienze avevano apparentemente dimostrato che la causa più profonda di un sogno è un processo puramente fisiologico nel cervello durante il sonno.

Il secondo colpo arrivò da studi sistematici sul contenuto dei sogni, come quelli di Calvin Hall e Robert Van de Castle a partire dagli anni '50. Questi ricercatori hanno accettato l'idea che i sogni contenessero un certo grado di significato psicologico, ma volevano usare metodi quantitativi per identificare dove si potevano trovare quei significati. La scoperta principale da questa linea di ricerca è stata la semplice continuità del contenuto del sogno con le preoccupazioni della vita di veglia. Le persone tendono a sognare le preoccupazioni principali della loro vita quotidiana regolare. La maggior parte dei sogni, secondo questi risultati, coinvolgono contenuti piuttosto ordinari e banali: essere in luoghi familiari, con persone familiari, fare cose familiari. Contrariamente al loro ritratto popolare come assurdità bizzarre e bizzarre, i sogni tendono a ritrarre racconti abbastanza semplici dei sentimenti delle persone sulle loro relazioni, attività e preoccupazioni più importanti nella vita di veglia.

La ricerca statistica sul contenuto dei sogni ha evidenziato una vera debolezza nelle teorie del sogno freudiano e junghiano, vale a dire una base ristretta di prove in termini di accesso a fonti ampie e diversificate di prove empiriche sul sogno. La ricerca sul sonno REM ha evidenziato un'altra debolezza delle teorie freudiane e junghiane: perdere la connessione con le migliori comprensioni scientifiche dell'interazione tra mente e cervello, psiche e soma. Insieme, queste due debolezze hanno minato la credibilità della teoria dei sogni di Freud come appagamento dei desideri volto a proteggere il sonno e la teoria dei sogni di Jung come compensazioni per gli eccessi di coscienza. Nessuna delle due teorie può spiegare le fonti neurologiche dei sogni o il loro contenuto banale, generalmente banale. L'interesse di Jung per i grandi sogni appariva particolarmente discutibile in questa luce, poiché sembrava condurre esattamente nella direzione opposta a quella che indicava la migliore evidenza scientifica.

Durante tutto questo tempo, medici e terapisti continuarono a fare il loro lavoro valido e prezioso con i sogni, ma "ecletticamente", con pochi orientamenti teorici o fondamenti nella ricerca empirica. Pochi professionisti della salute mentale hanno ricevuto qualsiasi tipo di formazione o istruzione su come lavorare con i sogni dei clienti. Qualche anno fa, quando scrissi un libro sull'educazione dei sogni, Dreaming in the Class con Phil King e Bernard Welt, fummo sorpresi e rattristati nel trovare così poche scuole di psicologia professionale che offrivano classi o moduli di corsi sul tema dei sogni.

Diversi investigatori intrepidi hanno perseguito negli ultimi anni studi dettagliati sulla fenomenologia dei grandi sogni. Harry Hunt, Roger Knudson, Don Kuiken, Mark Solms, Tracey Kahan, Jayne Gackenbach, Ryan Hurd e altri hanno contribuito a una migliore comprensione di ciò che Hunt chiamava "la molteplicità dei sogni", ma il tenore generale della psicologia del 20 ° secolo ha svolta decisamente negativa verso lo studio dei sogni, e oggi i terapeuti stanno ancora pagando il prezzo.

Fortunatamente ci sono segni in aumento di un altro importante cambiamento nella ricerca sui sogni che fa ben sperare per una maggiore attenzione ai grandi sogni nei prossimi anni. Questi segni di cambiamento emergono dalle stesse due fonti di ricerca scientifica che sembravano così scoraggianti per lo studio dei sogni nei decenni precedenti. La neuroscienza del sonno ha raggiunto il punto di riconoscere la complessità e la sofisticazione veramente notevoli delle attività del cervello durante il sonno. Lontano da un deserto mentale privo di attività cosciente, il sonno coinvolge in effetti una grande varietà di processi cognitivi che operano in modi diversi, ma non necessariamente inferiori a quelli nello stato di veglia. In vari punti durante il sonno REM o paradossale, l'attivazione elettrica generale del cervello (misurata dai dispositivi EEG) equivale o addirittura supera i livelli osservati nel cervello durante la veglia. Questi e altri risultati chiariscono che il cervello addormentato è più che capace di generare i tipi di esperienze emotivamente cariche, visivamente intense e cognitivamente complesse che Jung ha definito grandi sogni.

Altrettanto importante, lo studio sistematico dei contenuti onirici si è ampliato per includere non solo i "sogni più recenti" raccolti dagli studenti universitari. Un'attenta analisi di vari tipi di sogni, compresi incubi, sogni lucidi, sogni d'infanzia, sogni legati alla morte e altri tipi di sogni altamente intensificati, hanno dimostrato che esistono modelli distintivi di forma e contenuto che si correlano in misura notevole con gli ultimi scoperte neuroscientifiche sulle attività del cervello durante il sonno. La capacità di identificare questo tipo di correlazioni è stata migliorata dalle tecnologie di database che consentono ai ricercatori di analizzare rapidamente e in modo affidabile grandi raccolte di resoconti dei sogni, confrontare le loro frequenze di utilizzo delle parole con altre raccolte di sogni e evidenziare modelli significativi di somiglianza e differenza. Il sito web Dreambank (dreambank.net) di G. William Domhoff e Adam Schneider, insieme al mio database Sleep and Dream (sleepanddreamdatabase.org), sono due risorse per esplorare l'uso di queste tecnologie e sperimentare diversi tipi di sogni e diverse applicazioni .

L'approccio di Jung allo studio delle serie di sogni può essere approfondito con questi nuovi strumenti per identificare schemi ricorrenti e tenere traccia dei cambiamenti nel tempo. Questo ha potenzialità eccitanti non solo per la pratica terapeutica, ma anche per la comprensione teorica della natura e delle funzioni dei grandi sogni. Più impariamo a conoscere le dimensioni significative di una serie di sogni, meglio potremo apprezzare le singolari esperienze di sogno che si distinguono dall'ordinario flusso del sogno, le esperienze che Jung sentiva erano uniche aperture nei tratti più profondi di la psiche. La scienza cervello-mente del 21 ° secolo potrebbe finalmente essere pronta a verificare le prime intuizioni di Jung sui grandi sogni e svilupparli in nuove direzioni creative.

Solutions Collecting From Web of "Oltre l'eclisse della ricerca sui grandi sogni"