Oltre Biederman e Antipsicotici per i bambini piccoli

Nel mondo dei blog c'è un sacco di comprensibile sdegno nei confronti di Biederman (anche se sorprendentemente poco sulla stampa – niente nel New York Times e un weekend festivo nel Boston Globe.) C'è indignazione sia per il fatto che Biederman e i suoi colleghi aveva, infatti, omesso di rivelare enormi spese di consulenza alle compagnie farmaceutiche, e che la punizione era abbastanza mite, considerando che a seguito del suo lavoro un gran numero di bambini piccoli erano stati posti su antipsicotici atipici, potenti farmaci che alterano la mente con gravi effetti collaterali. Inoltre, sembra che ci sia un bel po 'di prove che Biederman e i suoi colleghi stessero lavorando in collaborazione con le case farmaceutiche per promuovere sia questi farmaci che la diagnosi di disturbo bipolare nei bambini. Questo problema è completamente trattato in un blog chiamato Boring Old Man.

Leggere su questo argomento mi provoca anche molta agitazione. Ma l'indignazione non è abbastanza. Le domande a cui è necessario rispondere sono una: come abbiamo permesso che ciò accadesse? E due, quale strada possiamo prendere come alternativa a questa errata? Senza affrontare queste domande l'indignazione provoca semplicemente l'ipertensione.

La mattina scorsa ho avvertito un crescente agitarsi mentre mi sono immerso in questa selezione di post sul blog, quando fortunatamente il mio paziente 9 AM è arrivato alla mia pratica di pediatria comportamentale. Penso che la sua storia offre una risposta a queste domande. Come sempre, cambierò i dettagli per proteggere la privacy mantenendo l'essenza della storia.

Anna, 3 anni, è stata adottata dai suoi genitori, John e Diane, circa 4 mesi prima di questa, la nostra seconda visita. Alla nostra prima visita, ho incontrato per un'ora con i suoi genitori. Anna aveva subito perdite significative e traumi fisici nei suoi primi anni ed era stata adottata per affidamento dopo numerosi incarichi. Quando per la prima volta tornò a casa con John e Diane, lei aveva poco linguaggio, ma ora dopo soli 4 mesi in molti modi stava prosperando. Ma entrambi i genitori sono stati distrutti dai suoi capricci esplosivi quasi quotidiani. Il loro matrimonio fu gravemente teso mentre combattevano su come gestire questi scoppi d'ira. Diane mi aveva chiamato per la disperazione un giorno per dire che aveva bisogno di entrare prima, nonostante il fatto che il nostro appuntamento fosse solo a due giorni di distanza.

Dopo aver ascoltato per circa 45 minuti, mentre mi hanno raccontato la storia di quello che sapevano della vita precedente di Anna, delle loro vite e del modo in cui sono venuti ad adottarli, ho chiesto loro di descrivermi dettagliatamente che aspetto avevano questi capricci piace. A una frustrazione apparentemente minore, Anna avrebbe prima stretto i pugni per la frustrazione. Quando i suoi genitori sono intervenuti, questo si sarebbe trasformato in un'incontrollabile presa, mordere e sputare. Diane ha descritto di sentirsi piena di rabbia quando il suo bambino, altrimenti dolce, si è comportato in questo modo, e John ha insistito sul fatto che Anna avesse bisogno di "imparare ad ascoltarli". A volte le avrebbero concesso una pausa, mandandola nella sua stanza o minacciando di prendere via un bel giocattolo. Oppure l'avrebbero ignorata, lasciandola andare in giro. Con entrambi gli approcci, l'episodio si è concluso quando alla fine è semplicemente crollata per esaurimento.

Poco prima della nostra visita stavo leggendo il lavoro dello psichiatra Bruce Perry, che ha scritto alcune meravigliose dispense sugli effetti del trauma precoce sullo sviluppo e sul comportamento del cervello. Le idee del Dr. Perry nascono dalla sua frustrazione per il modello tradizionale di cura psichiatrica, dove i bambini che hanno subito traumi significativi sono tenuti a sedersi e parlare con un terapeuta della loro esperienza, e naturalmente sono anche medicati. Il suo modello di intervento si basa sulla conoscenza dello sviluppo del cervello ed è definito il modello neurosquantrale della terapia. Avevo il suo modello nella mia mente quando Diane mi disse: "È come se fosse in modalità sopravvivenza".

"Penso che tu abbia esattamente ragione", dissi loro. "Quando Anna si comporta così, le parti pensanti del suo cervello non funzionano. Sotto molti aspetti è come un bambino indifeso, in grado di usare solo le parti più primitive del suo cervello. Ha bisogno di te per aiutarla a gestire e contenere i suoi sentimenti. In quel momento, probabilmente in qualche modo a causa del suo trauma precedente, non è in grado di farlo da sola. "Poi ho detto" Devi essere il più generoso proprio nel momento in cui ti senti più arrabbiato ".

Diane e John rimasero in silenzio per un momento mentre riflettevano su questo. Per qualche ragione, forse perché avevano avuto un momento tranquillo insieme per raccontare la loro storia, hanno davvero preso questa idea. Infatti Diane ripeté la frase alcune volte, annuendo con comprensione ponderata. Il nostro tempo era scaduto e avevamo programmato un appuntamento per il seguito la prossima settimana, quando avrei incontrato Anna. Questo è stato l'appuntamento dopo la mia sessione di lettura del blog.

Anna mi rivolse un sorriso affascinante mentre entrava nella stanza e iniziava a esplorare i giocattoli. Ci sedemmo tutti sul pavimento e osservai la sua facile interazione con sua madre e suo padre. Poi dopo un po 'abbiamo parlato della nostra precedente visita. Diane ha detto: "Ci ho pensato molto – dobbiamo essere molto generosi quando ci sentiamo più arrabbiati." Descrisse l'osservazione di Anna che iniziava ad aumentare e diceva sottovoce: "Hai bisogno di un abbraccio?" Diane descrisse come ciò a volte causasse Anna fece una pausa, un po 'stordita dalla direzione che stava prendendo. Sia John che Diane stavano imparando come identificare, e quindi evitare, alcune delle cose che hanno innescato la sua fusione, distraendo la sua attenzione e dandole più amore e attenzione in questi momenti vulnerabili.

Tutti noi abbiamo riconosciuto che questo tipo di attenzione ponderata era un lavoro molto duro e che chiaramente avevano una strada lunga e impegnativa. Ma entrambi i genitori erano fortificati e avevano un'idea di cosa stavano lavorando. Avevamo pianificato di incontrarci di nuovo tra qualche settimana.

Che cosa dice questa storia sulla questione Biederman? Prima di tutto, i genitori sono disperati quando stanno lottando con un bambino in questo modo. Quando un clinico vede una tale famiglia, sente quella disperazione e, naturalmente, vuole aiutare. Le forze combinate del settore assicurativo sanitario, con scarsi rimborsi per l'assistenza sanitaria mentale e quindi mancanza di accesso a cure di qualità, marketing aggressivo da parte dell'industria farmaceutica e aspettativa culturale di una soluzione rapida insieme a questo Biederman et al fiasco, hanno permesso la diagnosi bipolare e antipsicotici atipici per, in un certo senso, riempire un vuoto. Come dichiaro nell'ultimo capitolo del mio prossimo libro Keeping Your Child in Mind,

I servizi di salute mentale per bambini, purtroppo, non sono ben coperti dai pagatori di terze parti e non sono commercializzati come farmaci da prescrizione. E come abbiamo visto, richiedono un duro lavoro e non offrono la "soluzione rapida" dei farmaci. In quanto tali, sono meno disponibili come forma di intervento per i bambini e le famiglie in difficoltà.

Eppure è solo la disciplina della salute mentale infantile, come esemplificato dal lavoro del dott. Perry e di altri che sono stati esposti a più di un anno nel programma di certificazione post-laurea per genitori mentali infantili, che offre la risposta al seconda domanda: qual è un percorso alternativo a quello offerto da Biederman e colleghi? Quella stessa mattina della lettura del blog e di questa visita, stavo comunicando con i colleghi sullo sviluppo di un nuovo programma che integra l'assistenza tra ostetrici, pediatri e psichiatri per affrontare le complicazioni emotive perinatali. È stato dimostrato che i problemi di comportamento esplosivo nei bambini sono spesso associati alla depressione postpartum. È questo tipo di lavoro preventivo che offre un approccio alternativo significativo.

Ora che, credo, è stato chiaramente dimostrato che questa esplosione della diagnosi del disturbo bipolare e dell'uso antipsicotico nei bambini piccoli era la strada sbagliata, abbiamo bisogno di andare avanti. Dobbiamo investire pienamente nel fare i cambiamenti necessari al sistema sanitario per permetterci di percorrere un percorso diverso verso un aiuto significativo per queste famiglie e bambini che lottano.

Solutions Collecting From Web of "Oltre Biederman e Antipsicotici per i bambini piccoli"