Odia il tuo vicino?

Mi sto godendo il nuovo romanzo di Veronica Mars . Riprende in Nettuno dopo l'azione del film. Ma non è questo il vero argomento di questo blog. Si tratta di una frase familiare che si verifica nel romanzo, "reciproco disprezzo". Sfortunatamente, la frase risuona con me.

È una bella parola, detestare . Non sono sicuro che sia tecnicamente onomatopeico, ma sicuramente suona come quello che significa per me. Non ne sono orgoglioso, ma ci sono persone che detesto. Li trovo spregevoli. Alcuni di loro, suppongo, mi detestano subito. Ci sono anche altre persone che non detesto ma che probabilmente mi detestano. Giusto.

Una mia studentessa ha scritto un eccellente articolo sul perdono dal punto di vista dell'amore cristiano, e questo mi ha fatto pensare alla vita, all'amore e al disprezzo. In contrasto con il mio studente, tendo ad avvicinarmi al perdono da una prospettiva buddista. La prima nobile verità del buddismo è che la vita è sofferenza. Poiché tutti stanno soffrendo, tutti sono degni di compassione. Le persone ferite feriscono le persone, e così quando qualcuno mi fa del male cerco di considerarle come sofferenti e degne di compassione. Non hanno bisogno di chiedere perdono. Li perdono solo, senza dirgli nulla (ovviamente). Lo faccio non tanto per loro, ma per me stesso. Se li offendo e non li perdono, aumento solo la mia stessa sofferenza. Questa politica si prende cura di molti problemi, ma non tutti. Non detestare, per esempio.

Alcuni di quelli che detesto mi hanno fatto un torto e li ho perdonati. Alcuni non mi hanno fatto niente di male e non sanno neanche che esisto. In realtà, lo preferirei se non sapessi che esistevano! Infatti, se fossero fuori vista, o fuori portata d'orecchio, non li detesterei. Mi vengono in mente un ex collega, un politico e un ragazzo in palestra. Una volta odiavo queste persone, ma ora che sono fuori dalla mia vita non ci penso nemmeno. Questo è diverso dal tipo di odio e risentimento che alcune persone provano per un ex-coniuge, un genitore deceduto o un ex molestatore. Questi fantasmi infestano le persone anche quando non ci sono più.

Sono felice di dire che al momento non ho fantasmi del genere, ma purtroppo ci sono persone in carne e ossa che detesto. Non li odio, non li offendo (non tutti, non sempre, comunque), ma li detesto. Li detesto. Ispira sentimenti di disgusto. E qui, penso, è la principale differenza tra odio e odio. Il disprezzo è strettamente legato ai sentimenti di disgusto o fastidio e non implica necessariamente risentimento. Inoltre, l'odio sembra essere scatenato dalla stimolazione diretta mentre l'odio può persistere senza stimolazione diretta. Detesto gli scarafaggi, ma non li odio e non li offendo. Finché non sono intorno a me non ho alcun problema con loro.

Nel caso di certi uomini e politici disgustosi, posso trattare con loro semplicemente cambiando il canale quando arrivano e rendendosi conto che una volta che avranno avuto i loro 15 minuti di fama, cesseranno di occupare l'affitto dello spazio gratuitamente nella mia testa. Le persone che incontro nella carne, tuttavia, sono più difficili da gestire. Posso sperare che, come il mio ex collega e il ragazzo in palestra, alla fine se ne vadano, ma questo non è sufficiente come piano d'azione. Sono come un odore misterioso (disgustoso) o un rubinetto gocciolante (fastidioso). Chissà quando cesseranno?

Faccio del mio meglio per impiegare l'approccio buddista e mi rendo conto che quelli che detesto soffrono e che attraverso la loro sofferenza causano sofferenza agli altri, ma onestamente questo non funziona molto bene. Quindi cerco di ricordare a me stesso che c'è un elemento soggettivo e irrazionale nel disgusto. Non tutti trovano gli scarafaggi disgustosi, ma io sì. Non tutti trovano le stesse persone disgustose. Cerco di ricordare a me stesso che alcune persone mi trovano disgustoso, e probabilmente non c'è una persona sul pianeta che non sia detestata da qualcuno. Ne dubiti? Mia madre detesta Tom Hanks. Per quel che ne so, detesti Kristen Bell (alias Veronica Mars).

Il perdono non sembra essere il modo per superare il disprezzo perché non ci può essere nulla da perdonare – solo una continua, insopportabile esperienza di fastidio o disgusto da sopportare. Quindi qual è la soluzione? Tolleranza? Farsene una ragione? Combattere pensieri irrazionali? Odia e detesti? Ovviamente, non lo so. Fammi sapere se hai qualche idea.

Copyright William Irwin 2014

Solutions Collecting From Web of "Odia il tuo vicino?"