OCD

Google images
Fonte: immagini di Google

Diane, un tecnico di registrazione del suono di 23 anni, è stata indirizzata per tentato suicidio e depressione. Era snella come una sbarra e sembrava appesantita dall'anoressia. Eppure, aveva un senso dell'umorismo di patibolo che le permetteva di far luce sui suoi problemi.

Diane ha spiegato di aver tentato il suicidio, l'ultima volta circa cinque anni prima come matricola al college. Era stata appena respinta dal suo fidanzato a tre mesi e aveva aggiunto che le sue relazioni erano tutte di breve durata. Mi spiegò che poteva essere molto vicina a qualcuno, ma poi le cose andavano sempre in pezzi. Era entrata e uscita dalla psicoterapia da quando aveva 14 anni. La terapia verbale non l'ha mai aiutata. Ho chiesto se avesse problemi a fare amicizia al liceo. Ha detto di no, il problema era tenere gli amici. L'hanno sempre abbandonata.

Ho chiesto se Diane pensasse a se stessa come super sensibile al suono, poiché quello era il suo baluardo professionale. Lei rispose di sì. Uno dei suoi ex terapeuti pensava che potesse avere un autismo ad alto funzionamento. Eppure, un altro pensiero aveva una personalità borderline. E cosa ne pensi, ho chiesto. Lei rispose che non lo sapeva, ma si sentiva sempre sola e che a nessuno importava mai. Anche i tuoi genitori, ho chiesto. È qui che tutto ha inizio, ha detto.

Diane raccontò che mentre crescevano, i suoi genitori si comportavano come estranei l'uno con l'altro. All'età di dieci anni, iniziò a rendersi conto che i suoi genitori stavano insieme per il solo bene di lei, anche se avevano risentimento e amarezza l'uno verso l'altro. Sua madre ha lottato con l'alcol e suo padre era un ingegnere del lavoro. Diane disse che non aveva mai beneficiato di una relazione madre-figlia. Suo padre non è mai stato ricettivo fino a quando non è diventata depressa e ha smesso di mangiare a 14 anni. Tuttavia, pochi mesi dopo averla stabilita con la comunità terapeutica, ha detto che doveva passare più tempo al lavoro.

Ho chiesto a Diane se sua madre o suo padre le avesse mai detto quanto fosse amata o che l'avesse elogiata in qualche modo. Diane si fermò e rispose, "Mai". Si sentì mai legata da bambino. Diane ha detto che poteva ricordare un vicino che amava mentre cresceva. Inoltre, ricorda vagamente qualcosa su sua madre che ha avuto una depressione post-partum.

"Devi essere piuttosto arrabbiato con i tuoi genitori per averti deluso," dissi. "Hai perfettamente ragione", rispose lei. "E non sei mai stato in grado di esprimere la tua rabbia per il timore di guidarli ancora più lontano," aggiunsi. Riconobbe che era vero, che sua madre era troppo malata per affrontarlo e che suo padre si sarebbe semplicemente spento ancora di più. "OK", dissi a Diane, "la tua rabbia è stata completamente scaccata, bloccata e bloccata al punto in cui ti ha colpito. Non potevi accontentare i tuoi genitori da bambino, dato che sentivi che ti offendevano per averli fatti sopportare la reciproca compagnia quando crescevi. Ti sentivi in ​​colpa, non amato e non amabile, che qualcosa non andava in te. Ti sentivi anche fuori controllo della situazione, e lo eri. Quindi hai smesso di mangiare per controllare il tuo peso, diventando persino compulsivo al riguardo. "

Diane interruppe, "Vuoi dire che ho il disturbo ossessivo compulsivo?" Dissi a Diane che se si fosse qualificata come un disturbo ossessivo-compulsivo, un autismo ad alto funzionamento, una depressione cronica o un disturbo della personalità era fuori questione. Ciò che veramente importava era cosa avrebbe fatto a riguardo. E la prima cosa da fare era iniziare a potenziarsi non solo convalidando la rabbia repressa verso i suoi genitori, ma, nonostante le mancanze dei suoi genitori, ammetteva che volevano solo il meglio per lei.

"Vuoi dire che dovrei perdonarli per avermi tradito," ribatté Diane. "Sì", risposi, "la tua rabbia irrisolta verso di loro non solo è diventata la tua nemesi, ma ti ha impedito di amare e prendersi cura di te stesso".

Diane scoppiò in lacrime e disse che nessuno le parlava mai così. Le ho consigliato che solo convalidando la rabbia irrisolta verso coloro che amiamo possiamo essere in pace con noi stessi, liberi dal tormento interiore che ci spinge verso comportamenti autodistruttivi.

*

Questo blog è stato co-pubblicato con PsychResilience.com

Solutions Collecting From Web of "OCD"