Occupare Wall Street: basta dire di no ai bulli

"Se ti hanno mandato a coprire la Guerra del Golfo", mi fu detto una volta, "in qualche modo lo trasformeresti in una storia di relazioni". Cosa c'è di sbagliato nel vedere il mondo attraverso un obiettivo sociale? Nel 2009, ho scritto un libro che documentava l'importanza, nel bene e nel male, degli "estranei conseguenti", chiunque altro che non fosse la famiglia e gli amici intimi. La maggior parte di queste conoscenze sono benefiche, apportano novità, nuove energie e sostegno nella tua vita. Altri possono rendere la tua vita miserabile.

Così, quando un amico ha recentemente teorizzato che Occupy Wall Street è l'ultimo segno che le persone si oppongono ai prepotenti, ho immediatamente notato il suo punto. Quella Gheddafi è stata brutalmente lapidata e colpita a morte ha sostenuto la sua discussione. E i vari movimenti per i diritti civili non erano essenzialmente un caso di vittime che si sollevavano contro i loro oppressori? Per coincidenza, questa conversazione ha avuto luogo pochi giorni dopo che il New Jersey ha approvato la sua nuova legge antibullismo.

Il bullismo è una "cornice" adatta per molte delle cose che non vanno nelle nostre istituzioni finanziarie, nei nostri governi e nei nostri cortili. Per lo meno, i banchieri avidi devono imparare a "condividere" e funzionari eletti che si rifiutano di elevarsi al di sopra della politica in cerca di un terreno comune potrebbero fare una lezione su "usa le tue parole". Cerchiamo di insegnare ai bambini che sono non il centro dell'universo. Ovviamente dobbiamo estendere quella lezione anche agli adulti.

Per prendere a prestito dalla rete del film, le vittime delle ingiustizie qui e all'estero sono pazze di mali e non ce la faranno più. Ad esempio, l'UNESCO ha votato per ammettere la Palestina la scorsa settimana: 107 erano favorevoli, 14 contrari; 52 si sono astenuti e 21 erano assenti. Le persone che sostenevano che l'antisemitismo si nascondesse sotto il voto mancò un punto importante: i travolgenti ayes non riguardavano solo la Palestina o Israele. Era una specie di riprendersi il mondo contro l'America, il bullo. Che gli Stati Uniti, ritirati i loro finanziamenti all'UNESCO in risposta – in effetti, prendendo i suoi giocattoli e andando a casa – ha da allora infiammato quel sentimento.

Un bullo è qualcuno che non sa come avere una conversazione, tanto meno una relazione. Lui (o lei) prende gli ostaggi, usa alcune persone e picchia gli altri. I bulli non sanno come interagire a meno che non abbiano il controllo. Hanno poca empatia o fiducia, anche quando si tratta di altri significativi. Nella terapia di coppia, non è insolito per un terapeuta di famiglia etichettare un partner il "distancer" – colui che maschera la sua vulnerabilità, usando il ritiro o il bluster. Lui (di solito è il tipo) tiene ostinatamente la sua visione della verità e tende a incolpare il suo partner, l'inseguitore. Nel peggiore dei casi, diventa violento.

Sembra molto simile all'1%. Com'è triste che un paese fondato come rifugio dalla tirannia si sia trasformato in una cultura del bullismo. Quanto ironico è il fatto che i legislatori stiano cercando di approvare leggi contro di essa, tranne che negli stati in cui i bulli controllano il voto. La scorsa settimana, ad esempio, i repubblicani del Michigan sono riusciti a creare una legislazione che includeva una cosiddetta esenzione morale. Traduzione: Va bene molestare o picchiare verbalmente un altro ragazzo se il tuo messaggio è "Dio odia i froci".

Non ho una grande intuizione politica che risolverà i grandi problemi che affrontiamo come paese e come civiltà. Ma conosco molto delle relazioni. Punire i bulli per il loro comportamento non funziona senza l'istruzione rivolta all'autore e alla vittima. Anche le migliori leggi senza scappatoie vanno solo fino ad ora. Inoltre, non abbiamo tutti un piccolo prepotente in noi, anche se potremmo preferire chiamarlo "competitività" o "ambizione"? Non desideriamo i nostri quindici minuti e vogliamo che le cose siano come le vogliamo? È il modo americano.

Il vero cambiamento non può venire senza il dialogo e l'auto-riflessione. Non è solo questione di far capire ai bulli cosa hanno fatto. Occupy Wall Street sta certamente permettendo alle vittime di prendere provvedimenti che promuovano la guarigione: parlare contro i loro oppressori, cercare altri che condividono un terreno comune e acquisire fiducia in se stessi per influenzare il cambiamento. È il modo in cui sono iniziati molti movimenti di giustizia sociale. Ma è solo un inizio. Viviamo su un pianeta con così tanto spazio e risorse e con vaste disuguaglianze. Per quanto tempo continueremo a nutrire una mentalità win-lose? Ci vorrà molto più della protesta per liberare il mondo dai bulli.

Solutions Collecting From Web of "Occupare Wall Street: basta dire di no ai bulli"