Obama e il pianeta Bunny

Mi piace Barack Obama, ma l'ho giudicato male. Ho scambiato l'ambizione per il coraggio e la conformità per il pragmatismo. Ha bisogno di una visita al Bunny Planet.

Il Bunny Planet appare in una serie di libri che ho letto a mia figlia di due anni, da Rosemary Wells. Dopo che i personaggi della serie hanno avuto una giornata infelice, sono stati portati via per vedere cosa "dovrebbe essere stato".

Sul Bunny Planet tutto è corretto, e arriviamo a capire che questa realtà alternativa era "tutto il tempo".

Cosa c'è di così terribile nei giorni di Barack Obama? In un breve discorso ha condannato migliaia di persone a morire senza motivo, soldati e civili allo stesso modo.

Dì addio a Mike dell'Indiana, andato per sempre in un'imboscata a mezzanotte. Rimpiangi Jenny del Mississippi, decisa da un cecchino mentre aggiusta il suo Ipod.

Ecco la madre afgana che allatta al seno il suo neonato – abbattuto nell'ombra dopo aver spaventato Willie dall'Arizona. Guarda dopo Willie vomitare, ma poi decide di non denunciare la vittima. Continua a guardare Willie mentre ritorna a casa, soffre sudori notturni e flashback, scende nella dipendenza e poi solca uno scuolabus.

Questo non è il cambiamento che qualcuno ha votato. Questo non è affatto un cambiamento. È la follia perenne di una specie sull'orlo dell'autoannientamento.

Obama ha intensificato una guerra in nome della pace, come molti hanno notato, e così facendo è diventato un membro del Washington classicamente illuso. Le sue precedenti decisioni economiche sono state brutali ma rimosse. Ora ha il sangue su tutte le mani.

Perché? Perché in un tragico fallimento dell'immaginazione, non era in grado di vedere il discorso che avrebbe dovuto essere. Andiamo, signor Presidente, al Bunny Planet. Liberiamo le nostre menti e ascoltiamo.

Miei amici americani, è tempo di qualcosa di completamente diverso. Dobbiamo andare oltre i paradigmi pericolosi e fuori moda della sinistra-destra, la falco-colomba, e dimostrare nella nostra politica il meglio dell'umanità. Dobbiamo garantire la nostra sicurezza a tutti i costi, ma dobbiamo farlo in un modo che nutre piuttosto che distruggere.

I miei consiglieri mi hanno detto che non si può fare. Ma tu non hai votato per loro, hai votato per me, e io non ti deluderò.

Tenendo presente questo dovere che fa riflettere, non annuncio trentamila paia di stivali sul terreno, come riportato erroneamente, ma cinquecentomila paia.

Esatto, sto ordinando un'ondata di cinquecentomila persone. Ma di quei cinquecentomila, solo una piccola parte saranno soldati. Il resto saranno americani disoccupati, americani sotto-impiegati e chiunque altro cerchi un nuovo inizio in questi tempi difficili.

Se vuoi servire il tuo paese e combattere il terrorismo, c'è un posto per te nel nostro team. Abbiamo bisogno che tu costruisca scuole, ospedali, autostrade e parchi eolici. Abbiamo bisogno di te per distribuire cibo e coperte, per servire il tè, per tenere mani tremanti e ascoltare storie strazianti.

Questo, i miei compagni americani, non è il Corpo di pace dei tuoi genitori. Intendiamo affari. Guadagnerai denaro serio e spenderai soldi seri. Incontrerai anziani tribali e creerai progetti di sviluppo insieme. Rimarrai fino a quando non saranno completi e addestrerai gli abitanti dei villaggi locali a soppiantarti.

I nostri soldati ti proteggeranno, ma è il tuo sacrificio che vincerà la giornata. Esatto, l'ho detto – sacrificio. Senza questo, lo status quo di Washington ci fermerà sulle nostre tracce prima ancora che possiamo iniziare. Ecco perché ho bisogno che tu ti iscriva stasera, alla fine di questo discorso, per la missione di una vita. Il nostro sito web ti sta aspettando – sacrifice.gov.

Sto mandando i nostri coraggiosi, sacrificando cittadini non solo in Afghanistan ma anche in Pakistan e in Medio Oriente. Dove prima abbiamo parlato di democrazia e liberato il caos, ora parleremo con parsimonia e costruiremo ponti. Non ci sarà più scelta tra aggiustare la nostra economia a casa e assicurare la nostra sicurezza all'estero. Questo progetto produrrà entrambi i risultati, in modo più rapido ed efficiente rispetto a qualsiasi altra opzione.

Eppure, ci sono già quelli che chiedono: "Come lo pagheremo?" E a loro dico, così come la riforma sanitaria deve essere neutrale, così anche questa iniziativa. Pertanto, sto chiedendo al congresso di passare un aumento delle tasse del 10% su tutti gli americani che guadagnano dieci milioni di dollari all'anno o più.

Con il calcolo dell'Ufficio di gestione e bilancio, questo aumento delle tasse creerà cinquecento miliardi di dollari nei prossimi cinque anni, che pagheranno per tutto. E se qualche gatto grasso si lamenta di questa tassa, figuriamoci si oppone, mentre tu stai bloccando una pala in terra sassosa a metà del mondo, quindi aiutami leggo i loro nomi in TV ogni notte.

Sulla scia di questo annuncio, i miei concittadini, i canali via cavo pullulano di sdegno. I lobbisti copriranno Capitol Hill come locuste.

Ma non ne ho paura, ti assicuro. Dalla mia parte ho, bene, tu. Se vuoi un lavoro, hai un lavoro. È il lavoro più difficile che tu abbia mai, ma salverà la tua casa dal precludere. Pagherà anche la tua assicurazione sanitaria, e forse ti permetterà anche di mettere da parte un po 'per il college di tuo figlio.

Un accordo onesto per gli americani che lavorano sodo? Una soluzione visionaria che non ha visto nessuno uscire da Washington da generazioni? Potrei essere inclinato contro i mulini a vento, ma non riesco davvero a vedere nessuno che ci fermi.

Ci sono grandi rischi in questo programma, naturalmente, proprio come ci sarebbe una guerra semplice, irragionevole, disgustosamente distruttiva. In effetti, il pubblico dei votanti può diventare impaziente con risultati sufficienti e diventare un presidente a termine.

E sai cosa … sarebbe tutto a posto. Preferirei combattere per te, le tue famiglie e le famiglie che lavorano sodo in tutto il mondo, piuttosto che venderti un fiume di sangue sprecato.

Il Bunny Planet è sempre stato presente, signor presidente. Lo è ancora.

Solutions Collecting From Web of "Obama e il pianeta Bunny"