Nutrimento psicologico: Michael Pollan e l'anima

Nel suo best seller In Defense of Foo d, il giornalista Michael Pollan ricorda ai lettori che sono confusi e ansiosi riguardo alle diete di moda che c'è una soluzione semplice: un buon nutrimento riguarda le relazioni.

Certo, parla qui delle relazioni tra il cibo e il suo suolo, il suolo e gli agricoltori, i contadini e i clienti, i clienti e le loro famiglie. Ci ricorda che il cibo deve essere compreso nell'intera rete ecologica di relazioni.

Il problema con così tanto consumo di cibo oggi, ci dice, è che l'idea di nutrimento è stata presa fuori dal contesto. Cercando la soluzione perfetta per la produzione e la distribuzione del cibo, la grande industria ha cercato di estrarre componenti di alimenti che sembrano portare salute, come gli acidi grassi Omega 3 e 6. Quindi producono cibo per produrne sempre di più, ma hanno bisogno di aggiungere conservanti per tenere i parassiti fuori da raccolti innaturali e prolungare il viaggio e la vita commerciale del cibo. Alla fine, ci dice, stiamo mangiando sostanze "simili al cibo" che hanno poca somiglianza con gli alimenti interi dei nostri nonni. Questi alimenti sono in realtà malsani, come risulta. Ricerche di follow-up su margarina e altre sostanze, diete squilibrate che promuovono proteine ​​integrali o carboidrati, sono state collegate a malattie cardiache, obesità, diabete e altri mali occidentali moderni.

Inoltre, l'intera ideologia alla base della dieta segue quello che lui chiama "nutrizionismo". Questa è una pseudo-scienza in cui la scomposizione di una sostanza nelle sue parti componenti dovrebbe aiutare a comprendere il tutto. Permette all'agrobusiness e alla politica di "prevedere e controllare" la ricerca sui risultati. Tuttavia, il risultato potrebbe indicare un'alimentazione più elevata, ma non una salute migliore; più calorie, meno sostanza.

Dimenticata è l'intera catena alimentare in cui gli alimenti integrali contengono elementi necessari per metabolizzare altri elementi, o che gli elementi sono più importanti nel loro equilibrio che nell'isolamento. Il nutrizionismo ignora il roughage necessario per dare ai mangiatori una sensazione di pienezza in modo che non mangiano tanto e vende cibo con gusti coinvolgenti come il salato e il dolce che rendono i consumatori anche bisogno di mangiarne sempre di più. Scoraggiati, questi prodotti sono approvati dalla FDA e da altre agenzie governative di controllo della qualità con etichette ambigue come "approvazione condizionata"; in tal modo, aumentando la confusione e l'ansia dei consumatori.

Infine, il nutrizionismo ignora il contesto culturale del mangiare bene. Promuove l'efficienza a costo di attaccamento, portando a cibi veloci, preparazione veloce e mangiare in auto e fuori dal contesto di famiglie e comunità. Ignora il rito del mangiare, la soddisfazione del lavoro condiviso, i buoni odori in una casa nutrice e il freno all'eccesso di cibo facendo mangiare la gente insieme e non in isolamento. Le persone sono sole, strapiene ma svuotate nella mente e nel corpo.

Cosa c'entra tutto questo con la psicologia e l'alimentazione dell'anima?

Innanzitutto, naturalmente, noi psicologi vediamo molti di questi pazienti. Sono sovrappeso, odiano i loro corpi e se stessi, e sono ansiosi, depressi e soli. Dovremmo curarli con tecniche per migliorare la motivazione e l'autodisciplina. Imporre suggerimenti positivi.

In secondo luogo, molta psicologia moderna – credo – soffre della stessa malattia della nostra malnutrizione alimentare.

Le persone che soffrono di problemi umani sono bombardate da una moltitudine sconcertante di possibili soluzioni. L'equivalente di diete sono terapie di moda, quelle che io chiamo la zuppa alfabetica delle scelte – terapie ABC, DEF – queste terapie sono state testate con la stessa pseudo-scienza occidentale che mira alla predizione, al controllo e all'efficienza a scapito della comprensione contestuale e saggezza. Sebbene la responsabilità in termini di ciò che le terapie funzionano e che valga la pena di finanziare è davvero importante, la politica della ricerca in psicoterapia è purtroppo simile a quella del cibo. Rompe la terapia in parti componenti e quelle terapie che possono permettersi ampi studi randomizzati controllati diventano stranamente quelle che funzionano. Sebbene la nuova tendenza nella ricerca basata sull'evidenza includa il giudizio clinico del terapeuta e l'esperienza soggettiva del paziente ed è quindi più a tutto tondo rispetto alla precedente ricerca empirica, tuttavia non ci dice molto su come le prove dei pazienti di cambiamento si sviluppa in tempo reale e in contesti di vita reale. Ci fornisce delle matrici sulla riduzione dei sintomi, ma non ci dice di significato e scopo. Porta a una proliferazione di "cure" frammentarie piuttosto che alla comprensione della condizione umana. Ci dà più informazioni, da cui stiamo già soffrendo una sovrabbondanza e indigestione, ma non saggezza.

Gran parte della migliore saggezza su come nutrire l'anima proviene dai nostri nonni e dalle tradizioni culturali, proprio come fa con il cibo. Alcune delle migliori ricerche sulla terapia di coppia, ad esempio, ci dicono che tutte le relazioni hanno alti e bassi, ma una buona relazione è più positiva rispetto ai momenti negativi. Le nostre nonne ci insegnarono a non andare mai a letto arrabbiati e a ricordare di mantenere freschi i rapporti e l'amore.

Mentre il dibattito sull'assistenza sanitaria infuria con la posta in gioco per il rimborso assicurativo di problemi psicologici, può essere consigliabile tenere presente che il nutrimento dell'anima è, come il cibo, essenzialmente sulle relazioni, la cultura e la salute dell'intera persona.

Solutions Collecting From Web of "Nutrimento psicologico: Michael Pollan e l'anima"