Nuovi pensieri sul divieto di droga

Ok, ok, già, tieni i tuoi cavalli. Non ho rinunciato al libertarismo. Né ho infine, e completamente, ceduto alla malattia di Alzheimer. È solo che, dal momento che tutti noi che favoriamo la libertà economica ci opponiamo alla proibizione delle droghe, la parte contenziosa della mia personalità cerca naturalmente motivi dall'altra parte di questo dibattito.

Ciò, oltre al fatto che ho avuto la sfortunata esperienza in una recente conferenza alla quale ho assistito di aver ascoltato una presunta libertaria "difendere" la legalizzazione della droga; lo fece in modo tale da non dover essere particolarmente litigioso o difensivo riguardo al libertarismo per opporsi a lui. Inoltre, il fatto che questo seminario fosse stato costruito in modo tale da non essere stato in grado di criticare pubblicamente il caso oltraggioso che offriva rendeva ancora più importante il fatto che in qualche modo mi togliessi questo petto. Tu, gentile lettore, dovrai difendere il pubblico che altrimenti avrei potuto indirizzare.

Quindi, quali sono le ragioni, in generale, per mantenere lo status quo riguardo al divieto di sostanze che danno assuefazione?

1. Senza questa legge, i nostri film, programmi televisivi, opere teatrali, romanzi e altri veicoli di narrazione sarebbero molto meno arricchiti di adesso. Serie televisive pluripremiate come Law and Order e The Sopranos sarebbero particolarmente duramente colpite dall'abrogazione. È esagerato dire che la programmazione di questo genere non contiene altro che questo motivo, ma non di molto. Sicuramente, almeno metà dei temi esplorati nei poliziotti e ladri di genere dipendono dal fatto che esiste un mercato nero di marijuana, cocaina ed eroina.

2. I materiali di dipendenza che dovevano essere legalizzati andrebbero persi per un'intera serie di posti di lavoro. (Vedi, ho detto che avrei dato ragioni a sostegno del proibizionismo, non ho detto che avrei dato dei buoni a questo riguardo.Per quanto mi riguarda, non ci sono buone ragioni. Sono disposto a difendere l '"indifendibile" ma questo non è indifendibile). Stiamo parlando di giudici, poliziotti, guardie carcerarie, assistenti sociali, avvocati, procuratori distrettuali, assistenti sociali, psicologi, fabbricanti di munizioni, piccoli aerei e barche, ecc. sanguinanti, ecc. Potrebbe essere che uno dei motivi più forti per la conservazione di questa orribile legge è questo stesso fatto? Mi chiedo. Non, ovviamente, che sono necessari posti di lavoro. Questa è la sfortunata eredità di Keynes e Keynesianism. Come hanno dimostrato tutti gli austriaci da Mises a Hazlitt a Rothbard, non è razionale creare posti di lavoro solo per creare posti di lavoro. Potremmo tutti essere impiegati per scavare fossati e riempirli di nuovo, e morire di fame come risultato. No, l'intero punto di posti di lavoro è creare beni e servizi di valore, e quelli che nascono come conseguenza del proibizionismo delle droghe difficilmente si qualificano.

Quali sono, quindi, le ragioni odiose offerte da questo "libertario" in nome della legalizzazione della droga?

3. Le presenti leggi sulle droghe provocano una generale mancanza di rispetto per la legge e l'ordine, e questo è qualcosa di cui lamentarsi. Ma questo è altamente problematico dal punto di vista libertario. Migliaia? Decine di migliaia? Centinaia di migliaia? Ma quante leggi ci sono oggi? Questo è difficile da determinare. Probabilmente nessuno sa con esattezza, nemmeno in una certa data (ce ne sono di nuovi che salgono a bordo ogni giorno). Dipende dal fatto se le decisioni amministrative debbano essere contate o meno; e perchè no? Se è così, le leggi presumibilmente sono in milioni. Letteralmente.

E, di questi, quante sono le buone leggi, ad esempio le leggi compatibili con l'assioma libertario della non aggressione? Bene vediamo. Ci sono leggi contro l'omicidio, il furto, il trasgressione, la frode, il rapimento, l'assalto e la batteria, lo stupro … Sto esaurendo rapidamente gli esempi. Bene, suppongo che potremo prenderne qualcuna in più, forse, dai Dieci Comandamenti; e difesa dei contratti dalla legge civile. Ma questo è tutto.

Quindi, è pro libertario promuovere un generale rispetto della legge? Quasi. Praticamente tutta la legge è cattiva legge. Solo una percentuale infinitesimale di tutte le leggi è una buona legge. Rispettare la legge in generale, quindi, è promuovere il male. In che modo, quindi, dovremmo considerare di favorire l'abrogazione delle leggi sulla droga in quanto riducono il rispetto della legge in generale? Qualunque altra cosa possa essere detta su questa contesa, non si può sostenere che sia compatibile con il libertarismo.

4. L'economista va avanti all'infinito, su come lui come economista ha bisogno di dati per l'analisi delle politiche pubbliche. Senza dati, non si stanca mai di dircelo, è impossibile prendere una decisione informata sul fatto che le sostanze che causano dipendenza debbano essere legalizzate.

Ma questa è roba e sciocchezze. Se la droga debba essere proibita o meno dalla legge è una questione di economia normativa. I dati, in netto contrasto, sono parte integrante dell'economia positiva. Certo, in alcuni sistemi morali, ad esempio l'utilitarismo, quest'ultimo non è irrilevante per il primo. Ma per il libertario deontologico, si tratta di una questione di diritti. L'individuo (adulto) ha diritto di iniettare nel suo corpo ciò che vuole, dannoso o no? E la risposta è, certo che lo fa.

È più che curioso che questo professore di economia, dopo aver raccontato la necessità dei dati, e piangendo per la sua assenza, ciononostante prenda la parte pro-legalizzazione di questo dibattito. Forse le statistiche non sono poi così necessarie.

5. Secondo l'oratore di questa conferenza che sto criticando, il prezzo di mercato di una libbra di marijuana è attualmente di circa $ 3.000. Egli stima che i costi totali sotto la legalizzazione sarebbero dell'ordine dell'ordine di $ 3 per libbra. Pertanto, il profitto (più i costi del mercato nero, dato che questo mercato è illegale) ammonta a circa $ 2.997, pari al 99,9% del totale.

A questo diffusore "non piacciono" le persone che stanno godendo di questo differenziale. Preferisce la legalizzazione, in modo che non abbiano più accesso a questi fondi. Si rende perfettamente conto che quando e se il governo legalizza questo prodotto, tasserà il ripieno di esso, proprio come fa attualmente nei casi di alcol e tabacco. Offre ancora un altro motivo per legalizzare la marijuana che questo, in un colpo solo, porterà via i profitti dagli attuali produttori.

Ora sono pienamente d'accordo con la valutazione di questo professore del tipico abitante del mercato della droga. È cattivo e cattivo, pienamente disponibile e capace di usare la violenza contro la polizia, i concorrenti, a volte persino i clienti. È grazie a lui e ai suoi confratelli che abbiamo una nuova parola per descrivere le vittime innocenti della guerra delle bande di droga: "funghi". Il suo prodotto è spesso velenoso e il dosaggio incerto. Questi sono del tutto un sacco di persone piuttosto spregevoli. Naturalmente, come è ben noto nella comunità libertaria, queste caratteristiche derivano, interamente, dallo status illegale delle droghe. Durante il divieto di alcolici, i proprietari erano simili agli odierni spacciatori di droga. Oggigiorno, sotto la legalizzazione della birra, del vino e dei liquori, i fornitori sono indistinguibili da quelli che producono formaggio o gesso.

Tuttavia, con chi stiamo confrontando queste persone molto cattive? (Scherzo tipico dell'economista, domanda: "Come sta tua moglie?" Rispondi: "Rispetto a chi?") Risposta: li stiamo confrontando con il governo! Quante persone innocenti hanno assassinato tutte le bande di droga nel mondo? Un paio di centinaia? Un paio di migliaia? Alcune decine di migliaia? Al contrario, secondo RJ Rummel, Death By Government (New Brunswick, NJ: Transaction, 1996), i governi sono responsabili di aver ucciso non meno di circa 170 milioni di loro residenti e cittadini nel 20 ° secolo; stiamo parlando di non combattenti qui. Questo economista vuole dati? Ecco i dati. Cosa possiamo dire sullo status morale di un commentatore che preferisce una politica pubblica (parzialmente) sul fatto che una banda responsabile di una manciata di morti sarà privata di risorse finanziarie e che verrà data a una diversa banda di persone che hanno ucciso milioni di persone?

Sì, assolutamente legalizziamo le droghe. (Ti ho detto che sono ancora un libertario). E, forse, i nostri spettacoli e film saranno meno drammatici. Ma non ci sarà alcun vantaggio dalla depenalizzazione per quanto riguarda i posti di lavoro, il rispetto della legge o una migliore assegnazione di fondi dalla banda di droga alla banda del governo.

Solutions Collecting From Web of "Nuovi pensieri sul divieto di droga"