Nuove prove del sonno facilitano l'apprendimento e la memoria

Un nuovo studio riportato sulla rivista Science il 6 giugno 2014 è innovativo nella compilazione di alcune informazioni mancanti su come il sonno influenza l'apprendimento, la memoria e le prestazioni. Negli ultimi decenni, sono state accumulate prove che il sonno è benefico e recentemente il sonno a onde lente è stato considerato lo stadio del sonno durante il quale si verifica molto consolidamento della memoria. Era stato ipotizzato che durante il sonno si verificasse un certo rafforzamento delle connessioni tra i neuroni, insieme ad una potatura delle sinapsi che aiuta a stabilire ricordi. La nuova scoperta è che il processo di rafforzamento e indebolimento sinaptico è stato osservato , fornendo supporto per l'ipotesi.

Un team di ricercatori della New York University e della Peking University di Shenzhen, in Cina (Wang et al., 2014) hanno usato topi geneticamente modificati per esprimere una proteina fluorescente. Dopo averli addestrati su un'attività di esecuzione / bilanciamento, hanno osservato i cambiamenti nelle sinapsi. Una scoperta è stata che i cambiamenti sono apparsi su specifici rami dendritici, cioè non erano distribuiti su un'intera regione del cervello. Periodi di sonno o privazione del sonno seguivano l'allenamento, e notevolmente, solo dopo il sonno apparivano alcuni dei nuovi rami. Inoltre, le spine appena formate erano ancora presenti un giorno dopo.

Questo nuovo studio si basa in modo significativo su un ampio corpo di letteratura che mostra l'importanza del sonno per i bambini. Dalla nascita, i bambini trascorrono gran parte delle ore di veglia imparando nuove informazioni e abilità. I bambini dormono per ore e ora è chiaro che il sonno è più di un semplice "riposo". Il ritrattamento attivo delle connessioni neuronali avviene durante il sonno. Man mano che i bambini invecchiano, il loro apprendimento continua, così come il loro bisogno di dormire. Sappiamo da tempo che un sonno sufficiente è vitale per l'apprendimento ottimale e continuiamo a ottenere una migliore comprensione dei meccanismi sottostanti di come il sonno facilita l'apprendimento.

L'implicazione è che se vogliamo che i bambini massimizzino la loro capacità di apprendere e conservare nuove informazioni e abilità, è necessario un sonno sufficiente. I genitori non hanno reso il sonno una priorità sufficientemente alta per la maggioranza dei bambini. Ma né la colpa né la soluzione per i problemi sono dei genitori. Molte delle pratiche governate dagli adulti nella società contemporanea hanno diminuito il tempo a disposizione per dormire. Gli adulti hanno fissato orari di inizio della scuola, spesso per la nostra comodità nel raggiungere il lavoro o per ospitare atleti dopo la scuola. Gli adulti hanno creato, venduto e acquistato dispositivi multimediali che impediscono ai bambini di dormire. Gli adulti hanno venduto e comprato bevande contenenti caffeina per i bambini. Gli adulti hanno programmato attività che coinvolgono moltissimi bambini nelle notti di scuola. Tutte queste azioni si sono sviluppate lentamente e sono diventate abituali, in modo che siano molto resistenti ai cambiamenti. Rendere il sonno una priorità più grande, favorire condizioni che favoriscano il sonno e rendere più tempo a disposizione per il sonno richiederà uno sforzo continuo e concertato a livello individuale e comunitario.

Wang, G., Wan Lai, C., Cichon, J., Ma, L., Li, W., e Gan, WB. (2014). Il sonno promuove la formazione specifica delle spine dendritiche dopo l'apprendimento. Scienza, 344 , 1173-1177.

Solutions Collecting From Web of "Nuove prove del sonno facilitano l'apprendimento e la memoria"