Nudo e Silenzioso

Che cosa succede se l'unica cosa che si frappone tra te e ciò che vuoi sei tu, ma non hai idea che sia vero?

Sampson: Ho costruito qualcosa di incredibile, stiamo lavorando con persone di livello mondiale e clienti di livello mondiale. Siamo i migliori in quello che facciamo, nessuno può toccarci. Ci sono arrivati ​​e sto guidando questa nave. Sono davvero intelligente, lavoro follemente duro e ancora, siamo in stallo. Non stiamo crescendo. Non riesco a vedere i miei punti ciechi. Non so la nostra prossima mossa. Puoi aiutarci? Mi potete aiutare? Per favore, farò qualsiasi cosa.

Mentore: questo dipende Sei aperto a ricevere?

Sampson: Ho appena chiesto il tuo aiuto. Certo che lo sono.

Mentore: Allora, iniziamo.

+++ Mesi Pass +++

Sampson: Perché non cambia nulla? Hai detto che avresti aiutato. Ma è tutto uguale. Non capisco.

Mentore: sei venuto da me in cerca di aiuto. Ne hai bisogno profondamente. Ero e sono ancora aperto a darlo. Hai condiviso che eri aperto a riceverlo.

Ma le tue azioni smentiscono le tue parole.

Il tuo più grande punto cieco non è il mercato, non sono risorse, idee o strategie. È la tua riluttanza ad essere vulnerabile. Per avere il fatto che, anche se ti sei messo qui, in questo momento, non sai cosa stai facendo o come andare avanti. Fino a quando questo non cambia, nessuno può aiutarti.

Sampson: Ma ti ho chiesto aiuto. Come puoi dire che non sono vulnerabile, aperto alla ricezione?

Mentore: quello che chiedi e quello a cui sei aperto non sono gli stessi.

Ho condiviso idee. Ho portato gli altri nella tua orbita molto più intelligente e compiuta di me, volenterosa e in grado di aiutarti. Ma ogni volta che parliamo – tu, io, loro – smetti di ascoltare e invece parli di noi, delle nostre idee e offerte di aiuto. Invece di ricevere, ti posizioni. Ed è diventato così automatico, non hai idea che lo stai facendo.

Capisci, non lo fai perché sei maleducato. Non perché tu sia ignorante. Non perché tu sia incapace. Sei, infatti, immensamente brillante, gentile e capace.

Lo fai perché ciò che ti viene offerto non viene da te .

Sei stato condizionato a credere, senza colpa tua, che devi essere l'UNO che capisce tutto. Che se non viene da te, sarai percepito come debole. Come inconsapevole. Come incapace. Questo pensiero ti distrugge. Hai bisogno che gli altri sentano di essere "in parità" con loro.

Quindi, invece di ascoltare, imparare e ricevere, parli. Tu posi. Si rifiuta. Ritorni all'illusione della forza e ripiega sul blocco della falsa sicurezza. Rifiutate di riconoscere la "novità" o la validità di qualsiasi offerta.

E, così facendo, spingi tutti quelli che si schiererebbero per aiutarti ad allontanarti senza nemmeno rendertene conto. Punisci il loro arrivo alzando il tuo scudo. Lasciandoli a battere la testa contro un'armatura che ti protegge dalla stessa cosa che pretendi di cercare. È incredibilmente frustrante chiedere aiuto, quindi rifiutare un modo per darlo.

Sampson: Allora, stai dicendo tutte quelle persone che si sono offerte di aiutarmi nel corso degli anni, ma poi mi hanno abbandonato … non si trattava di loro, si trattava di me?

Mentore: non posso parlare per tutte le persone. Ma posso dirti, le persone che ho raccolto per aiutarti chi, la maggior parte dei quali ha, usando le tue parole "abbandonato", sì, hanno condiviso tutte queste ragioni.

Quando sei venuto da me per la prima volta, hai agito in un momento di profondo dolore, ti sei lasciato vulnerabile e questo ha portato a una temporanea apertura al ricevere aiuto. Eppure, nel momento in cui è arrivato, il fatto che tu ne avessi bisogno e la realtà che l'accettava avrebbe richiesto di possedere il tuo inconsapevole agli occhi degli altri, ti terrorizzava. Quindi sei tornato indietro e ti sei abituato a uno spettacolo di spavalderia.

Ma forse la parte più pericolosa è questa. Non lo vedi Non sei nemmeno consapevole che lo stai facendo. Quindi continui a chiedere aiuto. Ti chiedi perché non cambia nulla. E perché la gente continua a dire che ti aiuteranno, poi si allontanerà da te.

Chiedere e ricevere sono due cose molto diverse.

Conosco questa dinamica così bene. Perché…

Io sono stato te

Io sono te.

Sarò di nuovo tu.

Sono attratto da creare. Sono sia oppresso che dotato dell'ego. Sono immensamente umano e sensibile. Io lotto con il mio bisogno di sentirmi forte, di avere tutte le risposte e di non essere visto dagli altri come "minore". Anch'io ho un'armatura.

Ma ho anche imparato, molto nel modo più duro …

Arriva un momento in cui devi stare nudo e silenzioso nella stanza.

Non solo abbassare gli scudi, ma tenerli giù . Possedere il valore e la verità delle idee e degli sforzi delle altre persone. Per non scartarli semplicemente perché non vengono da te. Posizionarsi in un luogo di profonda vulnerabilità, non come debolezza di uno spettacolo, ma di forza.

Sampson: Allora, ho bisogno di venire pulito al mondo su dove sono?

Mentore: No. Inizia con una sola persona, o un piccolo gruppo di persone che sono lì per le giuste ragioni. Chi ti ama, ti rispetta e vuole aiutare. Spesso è dolorosamente doloroso rimanere in questo luogo crudo e esposto abbastanza a lungo da permettere il vero cambiamento. Eppure, a volte …

Nudo e silenzioso è il luogo in cui il tuo prossimo io migliore si radica.

E dove la cosa che più vuoi crescere inizia a fiorire. Oppure, nel tuo caso, torna in vita.

Quindi, ti chiedo di nuovo.

Sei aperto a ricevere? Rimanere nudo e silenzioso?

Se è così, inizia il vero lavoro.

Altrimenti. I migliori auguri.

+++

Jonathan Fields è un imprenditore seriale, stratega aziendale, relatore e autore. Il suo ultimo libro è Uncertainty: Turning Fear and Doubt Into Fuel For Brilliance. Fields scrive su JonathanFields.com per quanto riguarda le prestazioni, l'innovazione, la leadership e l'imprenditorialità

Solutions Collecting From Web of "Nudo e Silenzioso"