Nuclear Weapons R'Us – Not!

Larry - from TV movie 'Dr Strangelove'
La tipica "nuvola di funghi" di un'esplosione nucleare: test aperti negli anni '50
Fonte: Larry – dal film TV "Dr Strangelove"

Sembra meglio in un blog sulla "saggezza" per evitare la politica, specialmente qui nel Regno Unito così vicino alle elezioni generali del 7 maggio. Tuttavia, c'è un problema che vale la pena di parlare che tocca tutti, dappertutto, che – per gli psicologi che hanno familiarità con l'idea di Carl Jung del "Collettivo Inconscio" – trascende tutti i confini politici.

L'esistenza e la minaccia delle armi nucleari e di altre agenzie di distruzione di massa hanno vissuto nella mente collettiva per settant'anni, da Hiroshima. Per coloro che potrebbero usare la bomba su altri, e coloro sui quali potrebbe cadere, una tale minaccia favorisce uno spettro di emozioni tossico, persistente e pervasivo – ansia, rabbia, vergogna, senso di colpa e dolore tra di loro. In questa cosiddetta "Age of Anxiety", saremmo molto più sani emotivamente e spiritualmente, senza di essa.

Nel 2009, quando Barack Obama ha fatto una campagna per "un mondo libero dal nucleare" e reso il disarmo uno dei principali obiettivi della politica di difesa americana, lo ha aiutato a diventare eletto presidente degli Stati Uniti. Tristemente, secondo il New York Times (21 settembre 2014), "Con la Russia sul sentiero di guerra, la Cina che preme le sue rivendicazioni territoriali e il Pakistan che espande il suo arsenale, le possibilità complessive per il lascito del disarmo di Obama sembrano sempre più vaghe".

Tuttavia, il problema rimane vivo e non evaporerà prontamente. Di recente, in un dibattito televisivo ampiamente visto, un leader del partito britannico ha protestato contro il rinnovo del programma sottomarino Trident Nuclear – perché non era più appropriato o necessario, e perché il denaro risparmiato nei prossimi anni (stimato almeno £ 80 miliardi – circa 120 miliardi di dollari USA) potrebbero essere utilizzati in modo molto migliore: migliorare le difese convenzionali, combattere il cambiamento climatico, contribuire in particolare ai budget esigenti in materia di alloggi, sanità e assistenza sociale. Nicola Sturgeon ha quindi esortato il suo pubblico e la nazione ad accettare che, se sosteniamo il diffuso disarmo nucleare e il controllo in tutto il mondo, dovremmo aprire la strada e dare l'esempio ovvio.

Questa è una politica accorta perché le persone sentono, al livello psicologico più profondo, che è giusto andare oltre, andando oltre la "distruzione reciprocamente assicurata" e altre forme di MADness nucleare. Secondo la campagna "TRIDENT: Time to Move on", "Sondaggio dopo sondaggio rivela che la dismissione di Trident è una richiesta di maggioranza popolare in tutto il Regno Unito". Inoltre, "Oltre l'80% dei 500 candidati alle elezioni generali sono contrari al rinnovo".

Questa è la politica, ma riguarda anche l'anima di una nazione democratica, allo stesso tempo quindi una questione profondamente personale. Per ogni elettore, si tratta di affrontare la paura, trovare il coraggio e assumersi la responsabilità. Potresti premere il pulsante e avviare un'arma nucleare? Altrimenti, come puoi chiedere a qualcun altro di farlo? Se pensi di poter attivare un olocausto istantaneo a distanza, per qualsiasi motivo auto-importante tu possa considerare giustificato, ricorda questa cautela, conteneva una poesia di Thomas Merton sul genocidio nazista degli ebrei e di altre persone, "Canta da usare in Processioni attorno a un sito con le fornaci: "Ti credi migliore perché brucia nemici e nemici con missili a lungo raggio senza mai vedere cosa hai fatto?"

 blog.nuclearsecrecy.com
Rovine della scuola elementare Honkawa di Hiroshima
Fonte: Alex Wellerstein: blog.nuclearsecrecy.com

Ad esempio, una scuola elementare, a soli 800 piedi dall'epicentro dell'attacco di Hiroshima, è stata cancellata. Potresti approvarlo o no? Assoluta distruzione, malattia da radiazioni a lungo termine, la successiva nascita di bambini e animali mutanti: tutto questo sarà per te e per me se non lo fermeremo attivamente, democraticamente.

Anche se "il nostro popolo" (chiunque esso sia) non è il primo a innescare il maelstrom nucleare, tutte le nostre menti e le nostre anime sono a rischio. Nel mondo di oggi, più che mai, diventa sempre più evidente che, in fondo, le persone sono in qualche modo perfettamente interconnesse; l'umanità è indivisa. Questo è il "inconscio collettivo" al lavoro. Ci vuole maturità, tuttavia, per riconoscere che "noi", "il nostro popolo", include tutti. Ci vuole saggezza, compassione e coraggio per deporre le armi e offrire amicizia a quelli che abbiamo precedentemente scambiato per nemici.

Il vero nemico si trova nei nostri cuori e nelle nostre menti: il nostro orgoglio, la nostra rabbia, la nostra paura. Questi possiamo superare. Possiamo superarli insieme. Molti già lo sanno, e in questi beati operatori di pace e le loro convinzioni sta la speranza. L'invito a unirsi a loro è aperto. Ora sarebbe un buon momento.

Copyright Larry Culliford

Il prossimo libro di Larry, "Molto rumore per qualcosa: una visione della maturità cristiana" , sarà pubblicato da SPCK il 17 settembre 2015.

Gli altri libri di Larry includono "La psicologia della spiritualità", "Amore, guarigione e felicità" e (come Patrick Whiteside) "Il piccolo libro della felicità" e "Felicità: La guida di 30 giorni" (personalmente approvato da HH The Dalai Lama).

Ascolta Larry intervistato dal vivo su " The Coaching Show" il 4 febbraio 2015.

Ascolta l'indirizzo di Keynote di Larry alla sezione transpersonale della British Psychological Society tramite You Tube (1 ora e 12 minuti).

Vedi Larry che intervista JC Mac su "Emergenza spirituale" su You Tube (5 min).

Solutions Collecting From Web of "Nuclear Weapons R'Us – Not!"