Now Arriving: A Cure for Lateness

Quando arriviamo, il film è per metà. Gli ospiti della cena della festa sono spariti. La tanto necessaria visita del medico è già stata riprogrammata. Ci vediamo tra tre settimane. Buona fortuna con quel freddo. La vita, sembra, continua davvero – anche quando non ci siamo.

A volte le nostre vite sono più occupate di quanto pensiamo. Di tanto in tanto, persino noi indugiamo intenzionalmente per una serie di motivi che spesso si trovano al di sotto del livello di riconoscimento consapevole. Quasi tutti sono in ritardo ogni tanto. Ma quando il problema è persistente, e meglio-tardi-mai-non ci sta ottenendo i risultati che vogliamo, cosa possiamo fare al riguardo?

Mentre lavoravo come addestratore di animali, una volta avevo un delfino che si presentava costantemente in ritardo per le formazioni side-by-side con alcuni dei suoi compagni.

Avrei potuto passare ore interminabili a preoccuparmi dei perché e dei percome. Devo ri-mescolare la line-up? Passato al lavoro one-to-one con l'animale cronicamente tardivo? Hai domande sui traumi infantili?

Probabilmente no.

Le mie tariffe orarie sono piuttosto alte e Moe, il delfino in questione, non ha mai portato soldi.

Inoltre, il mezzo più efficace che ho avuto per aiutare Moe a superare qualsiasi motivazione che motivasse il suo ritardo era trattare il problema su una base semplice e comportamentale. Ciò significava gentilmente, ma con fermezza, stabilendo dei limiti attorno al comportamento indesiderato del ritardo.

In teoria, la soluzione era semplice: premi di pesce per gli arrivi puntuali quando chiamati; nessun premio per ritardi.

Il problema, come spesso accade in questi casi, era che la pratica non era così netta come la teoria. Moe non sarebbe arrivato con un po 'di ritardo. Mancava quasi del tutto alla festa. Il che significava che aspettarsi una puntualità perfetta fin dall'inizio sarebbe stata una richiesta irragionevole.

Come punto di partenza, ho iniziato a utilizzare un cronometro per misurare le risposte di Moe. All'inizio, il delfino riceverebbe ricompense minime – un singolo pesce o due – semplicemente per mostrarsi in qualsiasi momento storico che gli piacesse. In primo luogo, era necessario premiare il ritardo, sebbene non fosse l'ideale, semplicemente per mantenere il Moe motivato a rispondere del tutto.

Ma una volta che ho avuto una correzione affidabile sul tempo di risposta dell'animale, i parametri del gioco hanno iniziato a cambiare. Quando Moe arrivò nella sua consueta zona di comfort o più tardi, non fu più accolto con spuntini di pesce.

Proprio come un guidatore umano che gira l'interruttore di accensione di una macchina e viene raggiunto solo dai rantoli inefficaci del motore, questo Moe perplesso all'inizio. E, come un umano che borbotta e maledice in un motore morente, Moe ha fatto conoscere il suo disappunto. Inizialmente, Moe rispose all'assenza della sua solita ricompensa schiaffeggiando la pinna pettorale contro la superficie dell'acqua, o aprendo la bocca e muovendo rapidamente la testa nella mia direzione. "Ehi, sono qui," sembrava stesse dicendo. "Mangimi."

Niente da fare Nessuna ricompensa.

A Moe doveva essere sembrato che il suo primato normalmente socievole e pescatore non avesse funzionato correttamente.

Così, come ogni guidatore con un motore in stallo, iniziò a armeggiare e sperimentare. Gli addestratori di animali chiamano il processo "prospezione", una risposta psicologicamente prevedibile alla improvvisa scomparsa di una fonte normalmente affidabile di ricompensa comportamentale.

Nel giro di poche sedute di allenamento, Moe iniziò a cercare nella direzione desiderata. Da un punto di vista soggettivo, il tempo di risposta di Moe non sembrava affatto cambiare. Ma il cronometro non ha mentito. Ogni volta che il delfino arrivava anche un pochino prima del solito – presto! – i premi di pesce ricominciarono a scorrere. Poco dopo che ogni nuovo paradigma di ricompensa basato sul tempo è diventato chiaramente stabilito, la finestra delle opportunità si è nuovamente ristretta.

Una volta che Moe ha afferrato il modello, l'allenamento è diventato più facile. Più grandi, ma ancora gestibili, potrebbero essere richieste riduzioni del tempo di risposta a Moe senza rischiare la frustrazione. I grandi progressi richiedevano una grossa ricompensa e Moe era ben motivato a continuare a migliorare i tempi di risposta per ricevere jackpot di pesce in costante aumento.

Alla fine, Moe ha risposto alle richieste di lavoro dei formatori con una nuotata veloce e veloce che ha lasciato l'acqua bianca nella sua scia.

Mentre la maggior parte di noi umani è da sola quando si tratta di allenare il ritardo abituale, è utile che i luoghi in cui vogliamo essere generalmente offrano le proprie ricompense per essere lì. Quando arriviamo, possiamo vedere il film o goderci la festa.

Tuttavia, non tutte le destinazioni sembrano ugualmente attraenti. Ogni volta che questo è il caso – per esempio, si ha sentimenti contrastanti riguardo alla visita all'ambulatorio del medico – può essere utile soffermarsi sugli aspetti positivi del perché abbiamo preso l'appuntamento per cominciare. Vogliamo abbandonare il freddo e sentirci meglio, dopo tutto. La linea di fondo comportamentale è che qualche motivo gratificante si trova sempre dietro il nostro desiderio di arrivare dove stiamo andando.

Una volta che ci siamo ricordati dei benefici e dei profitti attesi al nostro punto di arrivo, è tempo di ottenere un cronometro, di notare i nostri schemi e di diventare i nostri allenatori. Senza picchiarci emotivamente, passiamo un'attenta settimana o due semplicemente notando solo quanto in ritardo arriviamo in genere.

Quindi alziamo la posta. Se arriviamo prima che il nostro schema preveda, continuiamo come previsto. Ci piace ciò che resta del film o della festa. Ma se siamo solo "puntuali" secondo il nostro solito orario tardivo, tutte le scommesse sono state annullate. Giriamo a destra e andiamo a casa.

Richiederà un impegno costante verso noi stessi per il quale solo noi possiamo fornire il seguito. Ma se ci concentriamo sulla novità (e sul fatto che otterremo benefici a lungo termine dalla nostra formazione), diventerà presto un gioco divertente.

Se una terza parte si sente delusa dal processo, non è necessario addentrarci in lunghe spiegazioni su ciò che stiamo facendo, e sicuramente non vogliamo offrire scuse che producono senso di colpa o promesse che producono ansia. Un semplice, "Mi dispiace che mi manchi, ma sto elaborando un problema personale in questo momento" è generalmente tutto ciò che è richiesto. Un ulteriore vantaggio di tale affermazione è che segnala sottilmente che simili risultati deludenti potrebbero essere inevitabili, almeno per un po '.

Mentre iniziamo a notare il miglioramento della nostra tempestività, continuiamo ad alzare il livello delle nostre aspettative in piccoli incrementi gestibili. Essendo creativi e mantenendo un CD o uno snack preferito in macchina, possiamo premiare noi stessi per i nostri sforzi di puntualità anche quando non siamo all'altezza del marchio desiderato. Ma non barare sulla regola del viso. Non durerà per sempre perché, prima che lo sappiamo, tutti i nostri programmi di volo in arrivo leggeranno "On Time".

Copyright © Seth Slater, 2014

Immagine del teaser: Shutterstock

Solutions Collecting From Web of "Now Arriving: A Cure for Lateness"